Henrik Munkeby Nørstebø / Daniel Lercher / Julie Rokseth – Off The Coast (Sofa, 2019)

Elettroacustica pregevole e non scontata quella di Off The Coast, nuova uscita del duo formato dal trombonista norvegese Henrik Munkeby Nørstebø e dal sound artist austriaco Daniel Lercher che per questo nuovo lavoro coinvolgono l’arpista norvegese Julie Rokseth.
Durante una residenza nel 2017 i tre hanno l’occasione di trascorrere una settimana nella piccola isola di Sula fuori da Trondheim, al largo della costa del mare norvegese, e il luogo, come a volte accade, diventa fondamentale per l’ispirazione. Una strumentazione studiata e utilizzata per sondare micro tonalità nel coacervo di un contesto piuttosto suggestivo, ottenendo un sorprendente equilibrio tra acustica ed elettronica: Nørstebø costruisce sibili, toni bassi, pulsazioni di ritorno e microregolazioni fisiche e Lecher programma e processa in tempo reale producendo sonorità che si accordano con molta attenzione alle fonti lasciando inalterate le frequenze del trombone amplificato, in modo da ottenere un impasto raffinato che esalta la componente dialettica. Al tutto si aggiungono le registrazioni ambientali dell’isola e il suono della wind arp della Rokseth, uno strumento di diciannove corde che quando viene tenuto ad angolo nella giusta quantità di vento inizia a diffondere tonalità spettrali.
Quattro tracce dove le micro tonalità e i sottili fraseggi sonori costruiscono un substrato isolazionista e aperto sul quale si snodano panorami elettroacustici intensi che duettano cupamente con la rarefazione e l’ambiente naturale circostante. Un timbrica ibrida che scorre tra i sottili balbetti ingrossandosi negli incastri e dialoghi unisoni penetranti. Mirabile come la composizione meditata sappia avvolgere senza compiacere, marcando una distanza naturalistica e vitale per il suono: una poesia naturale che parla di territori desolati che attraggono con magnetismo poetico. Suggestione che si apprezza ancora meglio in una traccia come Inside Elements, che coinvolge anche Aksel Johansen, un ottantenne abitante dell’isola, che intona una tradizionale canzone sula accompagnato dalla ritmicità metaforica dell’infrangersi delle onde, sviluppandosi poi in una partitura per elettronica rarefatta, corde abuliche, field recording e profondi tratteggiamenti bassi. Il tutto gestito con una naturalezza discorsiva encomiabile.
Un discorso che, come racconta la leggenda del nome dell’isola, “sorge dall’oceano” e affascina lentamente.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Low Low Low La La La Love Love Love -…

Continua la carriera discografica di questa band inglese che risponde al nome bizzarro di Low Low Low La La La…

01 Dec 2009 Reviews

Read more

Luca Sigurtà - Bliss (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Luca Sigurtà pubblica per la Fratto9 di Gianmaria Aprile il disco solista Bliss, che va ad aggiungersi ad una folta…

24 May 2012 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Habemus Baco (Wallace/Tannen/La Tempesta, 2015)

Abbiamo il Baco, e sono già dieci anni, due lustri che Giovanni Succi e Bruno Dorella calpestano la terra, ben…

20 May 2015 Reviews

Read more

Nedry - Condors (Monotreme, 2010)

Devo ammettere di aver cercato altrove il piacere solipsistico dell'ascolto negli ultimi mesi, lontano dal clamore suscitato dalla scena dubstep…

15 Apr 2010 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

MSMiroslaw - THE AAAge Of Warm Asylum (Trasponsonic, 2020)

La porta di un’antichissima domus de janas abbraccia il nostro pianeta sulla copertina del nuovo lavoro di MSMiroslaw: forse è…

04 Dec 2020 Reviews

Read more

Intervista ai Giuda

Street rock and roll al fulmicotone antemico e ballabilissimo. Come già suggerito in sede di recensione l'esordio a trentatré…

28 Nov 2011 Interviews

Read more

Blistrap - On Stage (Setola Di Maiale, 2009)

Avevamo già recensito i Blistrap qualche tempo fa, si tratta di un gruppo di nomi parecchio interessanti che comprende Stefano…

30 Jan 2011 Reviews

Read more

Es - Tutti Contro Tutti Portiere Volante (Fosbury, 2011)

Italico rock che tanto potrebbe esser caro agli amanti dei Numero 6 quanto dei Virginiana Miller. Evocativi fin dal titolo…

01 Mar 2012 Reviews

Read more

Leather Parisi - Clockwise Mayhem (Industrial Coast, 2021)

Ormai l'entità che si cela dietro il sinistro logo sadomado da prima serata Rai è diventata artisticamnete inagguantabile. Ha sublimato…

02 May 2021 Reviews

Read more

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more

Vittorio Cane - ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane…

18 Aug 2006 Reviews

Read more

Anne-James Chaton + Andy Moor – Heretics: Tout Ce Que…

Di Andy Moor, storico chitarrista degli Ex, mi è sempre piaciuto il suo saper essere tremendamente efficace nelle collaborazioni, la…

23 Jun 2018 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

David Tangye/Graham Wright - How Black Was Our Sabbath (Pan,…

Il titolo e gli strilli sulla copertina promettono succosa ignoranza e lasciano presagire aneddoti da scambiarsi, la sera, di fronte…

22 Aug 2007 Reviews

Read more

L'Enfance Rouge: oltre la fortezza europea

L'Enfance Rouge è un terzetto franco-italiano composto da François R. Cambuzat (voce, chitarra), Chiara Locardi (voce, basso) e Jacopo Andreini…

15 Sep 2008 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top