Hector’s Pets – Pet-O-Feelia (Oops Baby, 2014)

Prendete cinque individui a metà strada tra il geek, l’hipster e il punk-rocker, radici a Austin e ora una “carriera” pronta a decollare con base di rifornimento in quel di New York. Metteteli insieme a suonare (uno addirittura chiamato a occuparsi solo di percussioni…) per un disco in uscita su un’etichetta che come logo ha un preservativo usato e mezzo pieno. Se il risultato non sarà il disco dell’anno, è comunque quello che si dice una bella bomba di disco che si muove, in maniera scafata pur essendo la prima uscita dei cari Hector’s Pets, tra power pop, melodie surf, suoni garage e tanta ironia. Quella dei testi ma anche quella che trasuda dall’attitudine “cazzara” dei cinque texani.

 
      Un cono gelato mangiato in copertina che farebbe impallidire lo squallido pseudo-giornalismo di Chi con protagonista il ministro Madia e che invece fa da apripista a undici brani trascinanti, super catchy e melodici, da appicicarsi alle orecchie in maniera morbosa ma gratificante. Prendete il secondo brano di Pet-O-Feelia (e già sul titolo si potrebbero aprire mille parentesi ai limiti del politicamente corretto) New Job: inizia con una boccaccia, uno sberleffo e si snoda accattivante tra melodie epidermiche e testi sempre simpatici e intelligenti. Il disco scorre molto bene, complice anche la sola mezzora totale, e dimostra quanto florida sia la scena power-pop attuale, capace di dare ossigeno a un suono senza tempo, che sacrifica la sperimentazione alla capacità di suonare, trovare melodie e armonie vocali immortali: Station Wagon e i suoi coretti sono solo un esempio del disco che sembra voler assemblare il meglio degli scarti della surf musica con il bubblegum pop rock, rititingeggiato dalla carica di cinque losers che si permettono di lasciare in fondo, vedi Year Of The Pets, uno dei brani migliori del disco. Un disco insulso e amorale per chi ama crogiolarsi con le ultime novità pompate dal magazine prezzolato di turno. Una boccata di aria fresca per chi avrà il coraggio di comprare un disco in vinile e metterlo sul piatto, senza intellettualismi di sorta.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Duo Adé - Freilassing (God, 2013)

Gli austriaci Christoph Uhlmann e Gottfried Krienzer suonano il piano a due mani col nome di Duo Adé e la…

17 Jul 2013 Reviews

Read more

Rock And The City - L'Anno Che Venne E Se…

Siamo tutti qui - non è il Braccobaldo Show, ma poco ci manca - alle prese col consueto rito, sempre…

03 Jan 2007 Articles

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi ‎– We Can Be Everywhere (Final Muzik, 2014)

Altra uscita per Gianluca Becuzzi dopo lo split con Simon Balestrazzi sul singles club Final Muzik, ancora una volta non…

20 Nov 2014 Reviews

Read more

Dave Boutette - The Piccolo Heart (Embassy Hotel, 2008)

Cosa sia l'onestà, a cosa serva, a chi giovi potrebbe essere una di quelle domande da un milione di dollari.…

13 Sep 2008 Reviews

Read more

Luigi Milani - Rockstar (Lulu, 2006)

Prendiamo la storia di una veejay disgustata dal suo lavoro su Mtv, il cantante di un gruppo grunge morto tragicamente…

16 Jun 2007 Reviews

Read more

Ty Segall - S/T (Castle Face, 2008)

A volte è meglio tornare indietro, ma farlo davvero, senza tentare la strada della reinterpretazione in chiave moderna: niente paura,…

18 Jan 2009 Reviews

Read more

Obits - Bed & Bugs (Sub Pop, 2013)

Gli Obits non sono ragazzini da un pò, ma si ritrovano perfettamente a loro agio nell'essere etichettati come naviganti in…

09 Oct 2013 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Archipelago EP (Other Electricities, 2013)

Secondo episodio della discografia di Giulio Aldinucci dopo l'abbandono del monicker Obsil e prima uscita su cassetta, questa volta per…

17 May 2013 Reviews

Read more

Bonora - Nabucco Situation (Second Family, 2009)

Con un disco così intitolato, questo terzetto elettrico-elettronico non poteva che venire dalla ridente città di Parma, ridente perché…

08 Jul 2009 Reviews

Read more

Ovo + Nadja – The Life And Death Of A…

Due gruppi, quattro movimenti, un concept album: non uno split ma una collaborazione fra il duo canadese e quello italiano,…

07 Jun 2010 Reviews

Read more

Hunting The Beast – When Night Falls… (Hellbones, 2019)

Non cambierà la storia della musica questo When Night Falls…, nemmeno limitatamente al genere a cui appartiene. Non lascerà neppure…

08 Jul 2020 Reviews

Read more

Kleemar/Trus! - Banana Split (God Bless This Mess/Moonlee, 2013)

Era da un po' di tempo che non ascoltavamo musica proveniente dalla Slovenia: ci pensa lo split LP tra le…

03 Apr 2014 Reviews

Read more

Airportman / Fabio Angeli - Il Paese Non Dorme Mai…

Attivi da una quindicina di anni, i cuneesi Airportman iniziano ad avere una nutrita discografia, il tempo passa e la…

22 May 2020 Reviews

Read more

Tongs: le pinze e il megafono

L'ascolto di Jazz With The Megaphone, esordio discografico dei Tongs, è stato, per quanto mi riguarda, una delle migliori sorprese…

04 Apr 2010 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top