The Haunting Green – Natural Extinctions (Hypnotic Dirge, 2019)

Al primo incontro con The Haunting Green, era l’epoca del single club della Final Muzik, il duo di Pordenone ci sembrò un progetto che doveva scegliere se sviluppare il lato già maturo e originale lontano da traiettorie propriamente rock o addentrarsi nelle pastoie di un post-core chitarroso e ormai morente. Di nostro avremmo ovviamente auspicato la prima soluzione, ma Natural Extinctions spiazza intraprendendo una terza via, meno originale della prima ma non sterile come la seconda: la chitarra è ancora ben presente ma priva dalla tronfia magniloquenza che caratterizza le ultime produzioni dei padrini del genere e le atmosfere si fanno non di rado rarefatte e quasi eteree. Parlare di post-core non ha in realtà alcun senso perché qui il suono è altro e gli Haunting Green dimostrano di non farsi troppi problemi di stile, preferendo lavorare di sottrazione pur non facendosi mancare la pesantezza – più suggerita con toni e dinamiche che non attraverso la distorsione – ed annullando al gerarchia fra le sei corde e la batteria, anch’essa strumento espressivo e non semplicemente ritmico; la voce invece compare solo a tratti e si sovrappone a una musica che appare per sua natura strumentale. le sette composizione del disco narrano una storia di caduta e dissolvenza, che dalla furia di Natural Extinctions e The Void Above – prima parte praticamente black metal, finale alla Neurosis debitamente depurati degli eccessi chitarristici – ci porta, in un crescendo emotivo, dalla brutale Where Nothing Grows, al passaggio di stato dell’epica Rites Of Passage fino a una Luminous Lifeforms che è puro lirismo. In quasi 50 minuti di musica non sempre l’attenzione si mantiene viva, in particolare durante alcuni passaggi duri un po’ risaputi, ma a far pendere la bilancia nettamente in positivo sono diversi momenti di autentico trasporto, che toccano l’apice nei tre brani che chiudono un lavoro sicuramente riuscito. La musica ancestrale e panteistica degli Haunting Green è tuttavia un universo in espansione e l’idea che suggerisce, fra gli ultimi fuochi di generi superati e aperture verso orizzonti ancora da definire, è che non ci si fermerà qua.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

No Age - An Object (Sub Pop, 2013)

Parto dalla conclusione: a Thurston Moore (almeno quello dei tempi di Evol, Daydream Nation o Goo) questo disco piacerebbe. Detto…

14 Oct 2013 Reviews

Read more

Acid Baby Jesus - Selected Recordings (Slovenly, 2014)

Interessantissima seconda uscita per questa bizzarra formazione greca che all'occasione si è rifugiata in un'isoletta dell' Egeo al fin di…

27 Jan 2015 Reviews

Read more

Three Steps To The Ocean – Unitl Today Becomes Yesterday…

Da Milano alla conquista del mondo. Di quello del post-core, almeno. All'album d'esordio, dopo un EP stampato anche negli USA…

25 Jun 2010 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Mombu - Niger (Subsound, 2013)

Sempre a metà strada tra il divertissement e il "safari senza fucile", proseguono le sperimentazioni etno (?) industriali del duo…

17 Dec 2013 Reviews

Read more

X-Mary - X-Mary Al Circo (Coproduzione, 2007)

Tornano i nostri eroi da San Colombano Al Lambro e ci regalano un viaggio al circo, a Fatima e in…

29 Mar 2008 Reviews

Read more

Caligine - I 3” (Monstre Par Exces, 2008)

Meglio tardi che mai, ed effettivamente ci ho impiegato un po’ di tempo a recensire questo 3” dei Caligine, sia…

30 Apr 2009 Reviews

Read more

Ranter's Groove - 俳句 (Kaczynski, 2019)

Nulla rivela un'attitudine autenticamente volta alla ricerca come la volontà di mettersi costantemente in gioco: dopo Songs From The Eternal…

29 Jul 2019 Reviews

Read more

Chambers - La Mano Sinistra (To Lose La Track, 2012)

In inglese sarebbe "left hand"..e per i più metallari là fuori potrebbe essere un richiamo al Left Hand Path con…

05 Jun 2012 Reviews

Read more

Futeisha – Dannato (Old Bicycle/ Brigadisco, 2014)

Sempre alla ricerca di nuove strade e con l’evidente esigenza di non farsi incasellare in un suono o in un…

25 Jul 2014 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Everything Collapse(d) (Aagoo/Rev Laboratories, 2014)

Pochi mesi fa un interessante articolo di Antonio Ciarletta su Blow Up, intitolato New Millenarism, prendeva in esame alcuni album…

12 May 2014 Reviews

Read more

Trigger Cut – Buster (Token Records, 2019)

Trigger Cut è la ragione sociale di un nuovo trio “noise rock in your face” tedesco, classicamente chitarra e voce,…

23 May 2019 Reviews

Read more

AA.VV. - 8 Heretical Views / Two Views (Aagoo, 2013)

Addirittura due uscite di remix per Anyway Your Children Will Deny It dei Father Murphy: un 12" con il disco…

21 Feb 2013 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti - Buone Notizie (Bosco, 2011)

Gradito ritorno di Paolo Spaccamonti dopo un gradevole esordio che aveva lasciato ottime impressioni. La semplicità si conferma una delle…

04 May 2011 Reviews

Read more

Nembrot - S/T (Officine Frog ,2008)

Io e l'ordine non siamo mai stati i migliori amici e purtroppo, pur cercando disperatamente di metterci una toppa, crescendo…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

VV.AA. - B6TCH6 (Solium/Light Item, 2020)

Ammetto che mi ha un po’ inquietato ricevere un’audiocassetta accompagnata solo da questo messaggio: This tape is NOT B6TCH6. B6TCH6 is digitally…

09 Sep 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top