Harshcore – Ponytail, Ponytales (Lisca, 2010)

Ritornano gli Harshcore di Tommaso Clerico e Luca Sigurtà e tengono fede alla loro auto-proclamazione di "weird noise band". Anche questa volta si tratta di una produzione ruvida ma che finalmente inquadra la vera essenza del duo e non solo le sue deformità. Per arricchire il loro suono i due biellesi si fanno forza di un nutrito pacchetto di ospiti che vanno da Bologna Violenta a IOIOI da Zeek Sheek a Madame P, da musicisti elettronici ad un rapper made in Usa, ma vi posso assicurare che al di là degli abbellimenti è abbastanza evidente come le cose migliori del disco siano comunque farina del loro sacco.
Per chi ha avuto modo di vederli dal vivo questo disco rappresenterà un po' una sorpresa, se infatti in sede live si soffermano sui beat hip-hop quasi industriali, in occasione di questo lavoro sembrano aver considerato ben bene l'idea di produrre un disco per nulla fracassone e molto ben congegnato. Per chi non conoscesse questo duo del nord ovest, Sigurtà si muove su cassette looppate e riassemblate, cheap electronics e aggeggi vari, mentre Clerico dismette il basso e rimane su tromba, sintetizzatore, loop e field recordings, il tutto molto ordinato e ben amalgamato, quindi se state immaginando si possa trattare di un progetto con una fisionomia quasi industriale direi che siete fuori strada. Se gli Harshcore prima avevano qualche rimasuglio para-modern-noise e velleità industrial hip-hop, per quest'uscita hanno messo l'accento sull'atmosfera e sulla loro deformità, tanto che al di là del pezzo rappato da MC Trachiotomy si tratta di un disco sghembo la cui estetica si avvicina molto alle cose più aliene della Skin Graft. Pensate che abbia citato l'etichetta americana solo per la presenza di Zeek Sheek? Provate allora a sentire se non ricorda vagamente matti a piede libero tipo Flossie And The Unicorns, You Fantastic!, Quintron e cose di quel giro, se non altro per il tipo di estetica sonora. Quindi si tratta di musica con una forte impronta americana, "noise" fino ad un certo punto, ma soprattutto di roba molto particolare "… Elephant man is back!".

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Elks - S/T (The Great Outdoors, 2008)

Dopo un mini tour di cinque date in terra d'Albione e uno split, i modenesi Three in One Gentleman…

06 Jan 2009 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi/Cria Cuervos - Azazel (Silentes, 2009)

Dopo la notizia dell'abbandono definitivo di Maurizio Bianchi alla "musica" (si fa per dire) in occasione del trentennale dai suoi…

23 Dec 2009 Reviews

Read more

Darkthrone - Underground Resistance (Peaceville, 2013)

E' un bel traguardo per un artista non aver più nulla da dimostrare e, nel caso specifico del terribile duo,…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

You Are Here - As When The Fall Leaves Trees…

Ispirato dai suoni di band a mente unica quali M83 e Apparat, il trio romano You Are Here cerca…

27 Mar 2012 Reviews

Read more

Nido Di Vespe - Primo Sangue (Autoprodotto, 2009)

Ancora turbamenti tardo-adolescenziali ad alzo zero esattamente come per gli Inkarakua. L'unica differenza è che, in questo caso, il…

28 Jun 2010 Reviews

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

Stefano De Ponti - Malagrazia_________ Landfall (Luce Sia, 2018)

Dell'omonimo spettacolo Malagrazia di Phoebe Zeitgeist (ideazione e regia di Giuseppe Isgrò) metabolizziamo la colonna sonora o sarebbe più corretto…

05 Mar 2019 Reviews

Read more

Sprinzi - Ohh Ohh (Alice/Fooltribe, 2007)

Gli Sprinzi hanno un non so che di speciale: in circolazione da un po' (dieci anni circa), sono il classico…

05 Nov 2007 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Il Teatro Degli Orrori – A Sangue Freddo (La Tempesta,…

Oggi nessun gruppo italiano esterno al giro mainstream e dal suono così duro possiede la visibilità che può vantare il…

24 Nov 2009 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Non Io (Wallace, 2007)

Se Bruno Dorella fosse nato a Chicago, ora sarebbe sulla copertina di The Wire, abbracciato a Nick Horby, in posa…

03 Jun 2007 Reviews

Read more

Absoluten Calfeutrail & Blarke Bayer - Conflict Resolution Seminar (Sabbatical,…

Altro dischetto Sabbatical interessante, altro piatto per stomaci foderati di lamiera. In questo caso più che un eufemismo si tratta…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Mob - Polygon (Quatermain, 2007)

Quando mi capita di immergermi in ben due dischi provenienti dallo stesso sottobosco, mi viene da domandarmi subito quale sia…

18 Nov 2007 Reviews

Read more

Konstrukt + Ken Vandermark - Kozmik Bazaar (Karlrecords, 2019)

I Konstrukt continuano nella loro marcia forzata delle collaborazioni, e dopo aver incrociato gli strumenti con artisti come Thurston Moore,…

25 Oct 2019 Reviews

Read more

Magnetica Ars Lab/Maurizio Bianchi - LoopKlangeNoise (Final Muzik, 2013)

Il 2013 non smette di portare alla luce altre collaborazioni di Maurizio Bianchi (ma non aveva annunciato il suo addio…

06 Nov 2013 Reviews

Read more

AIPS Collective – Postcards From Italy (Oak, 2013)

L’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori è un collettivo di musicisti il cui intento è quello di promuovere la cultura del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top