since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Harold Nono – To The River Lounge (Bearsuite, 2007)

A quanto pare questo disco è uscito qualche tempo fa, ma l'etichetta al tempo dell'uscita era sprovvista di soldi e quindi non ha fatto girare molto il lavoro di questo musicista scozzese. Non so se in Scozia abbiano del buon vino e per di più essendo io astemio mi sarebbe comunque indifferente, resta che Harold Nono nel prendere polvere sugli scaffali della Bearsuit records è invecchiato bene.
Viene passato come un compositore ma, tranquilli, non ha nulla a che spartire con il nostro buon Luigi Nono e tanto meno con la musica classica contemporanea (quindi amico uligano non puoi ascoltare solo questo), infatti questo "highlander" ha molto più in comune con l'eredità di certo trip-hop deviato sia che si trattasse di Flying Saucer Attack, di alcune cose su Domino come ad esempio dei Ganger senza bassi e batteria, oppure della Sinead O'Connor di quel capolavoro di Rivers Of Babylon, quindi fate voi. Spero di avervi aiutato ad inquadrare l'essenza quasi elettronica, melodica e spiccatamente notturna di questo disco, tanto per non arrivare troppo velocemente alle conclusioni; aggiungerei che spesso Harold Nono fa girare dei loop molto semplici in un modo che ricorda molta la musica ambientale che attinge a piene mani dai compositori minimalisti più melodici (Reich in primis). Si tratta di uno scozzese, quindi un certa melanconia è garantita ma, ripeto, per ciò che concerne le melodie e le nenie anche se minimali Nono sa il fatto suo, tant'è che a volte senza stare troppo ad arrangiare le tracce si gioca tutto il pezzo attorno ad un loop. Gran belle atmosfere e gusto, sia quando si trova da solo che quando si avvale di una quartetto di archi, come nella nona traccia (Kite). Dopo svariati ascolti ho quasi avuto l'impressione di ascoltare alcuni dei loop dei primi Hood, quando sono meno tagliati con l'accetta e privi di basso batteria e chitarra. Un disco strano, ma molto carino tanto che per quel che mi riguarda si è trattato di una sorpresa, per di più non neppure troppo semplice da incasellare.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top