Growing – All The Way (Social Registry, 2008)

Mi ricordo ancora la prima volta che mi hanno imposto l'ascolto del Dream Syndicate con Tony Conrad e La Monte Young. Il fastidioso senso di già sentito, reminescenza di anni di "alza i piedi che passo con l'aspirapolvere" di matrigna memoria, mi allontanò per lungo tempo dalle melme di certe sonorità rumoristico-reiterative. Tuttora preferisco quando certe composizioni vengono ricondotte a valori di riferimento più immediatamente rimasticabili dai miei gangli nervosi, come ritmo o melodia. Non è compito facile impedire alla manina di distruggere, dopo l'eject, il disco in ascolto. Eppure negli anni mi sono dilettato ogni qualvolta la ritmica approciava le insistite forme del motorik krautrock: quella coscienza repressa di linearità necessaria che senti come tua, dai Kraftwerk a Pacman, per rimanere in tema di una pastiglia dietro l'altra, qualunque cosa voglia dire un titolo come Rave Pie Only. La sicurezza commerciale della successione ritmica insistita è una riconquista dei nostri giorni, prova ne siano singoli carichi di intensità come quello dei Sigur Ros Gobbledigook, i Dodos di Fools o i capostipite della rilettura contemporanea, gli Animal Collective di Fireworks. All The Way dicono i Growing e lavorano sui brandelli del suono, creando limpide architetture sonore basate sulla reiterazione Reichiana su cui innestano le guglie della loro violenza. Sgusciati fuori dal post-post-rock ambientale di casa Kranky, figli bastardi del giro dei Black Dice e degli Yellow Swans, questi Growing, giocano allo shoegaze con le chitarre, che riempiono gli interstizi tra quei richiami digitali dei primi arpeggiatori cosmici che costituiscono la base stessa della ritmica. Una scena, quella dello shoegaze misto glitch su base krauta, che vede schierarsi band come i Fuck Buttons (vedi l'affinità elettiva con i Mogwai del recente tour/split con educati remix reciproci) e gli Holy Fuck in prima fila; band le cui strutture melodiche compongono anthem da stordimento neanche troppo "alternative", dati i sempre più consolanti risultati commerciali e da dancefloor. Come già certi trucchi di Aphex Twin, ripresi recentemente da Julian Fane, ospite della Planet Mu, la ripetizione di brevi licks melodici, ossessionanti all'inverosimile, permette di costruire quella continuità su cui si sfogano i glitch elettronici, pannati nel fronte stereo con gli echi del delay. Diversamente dalle intemperanze della scena dei terroristi sonori agli ordini di Lesser e dell'ormai ricondotto a ben più raveish lidi, Kid606, qui ci si sviluppa subito su ammorbanti e tranquillizzanti sequenze di accordi, semplici e chiare: sembra evidente la discendenza shoegaze delle strutture cui mancano solo certi vocalismi eterei a chiudere il cerchio. Niente tribalismi, acustici o vocali come negli esempi citati poco più sopra, ma schegge digitali, prefettamente definite, impilate, una sull'altra, a click. Se c'è una colpa da caricare ad un disco del genere è, forse, proprio quella di non rendere compiuta appieno la complessità possibile di questo sotto genere, ancora in via di definizione. Senz'ombra di dubbio questa è musica fortemente onirica che rigetta le tentazioni industriali per sfilacciarsi in tirate da sei minuti in media che, forse un po' scontate, sai già dove andranno a parare. Rimane alta la curiosità di sapere come riescano ad ottenere certi suoni, oltre che con muri di delay. Quel che è certo è che, data l'attuale trendiness di certe sonorità, non mi sento più così solo a credere che il suono dell'aspirapolvere, se modulato in maniera melodica, non sia poi così poco fischiettabile sotto la doccia.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Owls – The Night Stays (Rare Noise, 2011)

In genere il catalogo Rare Noise non incontra i miei gusti, anche in quei casi dove non posso che riconoscere…

14 Mar 2011 Reviews

Read more

Deflore - 2 Degrees Of Separation (Subsound, 2010)

Interessante calcio all'indietro verso le cupe, ma turgide sonorità power dark dei primi anni novanta che portarono (allora) alla ribalta…

12 Oct 2010 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Ultrasonic Bathing Apparatus (Sincope, 2015)

Un rollio di basse frequenze capace di spaccarvi i woofers apre Ultrasonic Bathing Apparatus di Simon Balestrazzi, uno dei musicisti…

11 Jan 2016 Reviews

Read more

Cop Problem - Buried Beneath White Noise 7" (The…

Bello intenso, scuro e maligno questo 7 pollici che arriva dagli Stati Uniti e segna il ritorno dei Cop Problem…

25 Feb 2014 Reviews

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

Sakee Sed – Alle Basi Della Roncola (Mousemen, 2010)

Quelle contenute in Alle Basi Della Roncola, esordio dei Sakee Sed, sono canzoni da balera, o da saloon, suonate con "sentimento…

24 May 2010 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Ros Bandt - Black Falcon (Doublemoon, 2011)

Riecco Erdem Helvacioglu, che abbiamo già recensito a più riprese dai tempi del suo lavoro su New Albion; come per…

15 Sep 2011 Reviews

Read more

Mombu - Niger (Subsound, 2013)

Sempre a metà strada tra il divertissement e il "safari senza fucile", proseguono le sperimentazioni etno (?) industriali del duo…

17 Dec 2013 Reviews

Read more

Dead Boomers + GNAUMGN + Undecisive God - 12/10/10 Bar…

Ogni martedì sera al Bar Open c'è la serata sperimentale/rumorista Mess+Noise curata da Sean Baxter, noto soprattutto come batterista free…

06 Sep 2010 Live

Read more

Maggot/Heifetz – Plays The Music Of Slobodan Kajkut (God, 2013)

Uno split LP in cui due formazioni chitarra-batteria interpretano composizioni di Slobodan Kajkut, dal tono evidentemente minimalista: il suono, nei…

20 May 2013 Reviews

Read more

Impossible Hair - What Is The Secret Of Impossible Hair…

Pop rock molto semplice e vintage per gli Impossible Hair, e quando dico pop rock non parlo di qualcosa che…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Metroschifter + Lucertulas – 28/11/09 Interzona (Verona)

"Quando all'inferno non c'è più posto, i morti camminano sulla terra" diceva un personaggio in Zombi di Romero. Beh, l'inferno…

30 Nov 2009 Live

Read more

Anne-James Chaton + Andy Moor – Heretics: Tout Ce Que…

Di Andy Moor, storico chitarrista degli Ex, mi è sempre piaciuto il suo saper essere tremendamente efficace nelle collaborazioni, la…

23 Jun 2018 Reviews

Read more

Fabio Orsi - Endless Autumn (Backwards, 2013)

Così come la prima uscita in vinile di Backwards era di Fabio Orsi (il bel Von Zeit Zu Zeit), anche…

06 Dec 2013 Reviews

Read more

Callers - Fortune (Westernvinyl, 2008)

Qualche tempo fa avevo parlato positivamente dei Balmorea e rimanendo sullo strumentale-melodico credo che avessero fatto un buon lavoro, a…

07 Sep 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top