Grand Drifter – Only Child (Subjangle/Sciopero, 2021)

Un saluto fugace via messenger.
Una risposta.
Dopo 14 mesi un messaggio per propormi l’ascolto di un singolo, ringraziandomi poi per averlo rilanciato.

Piccoli scampoli di una conoscenza acerba, ma tanto mi basta per voler bene ad Andrea Calvo, titolare della sigla Grand Drifter. Parole grosse direte, eppure…fatevi un giro sul suo sito bandcamp, guardate l’attenzione e la linea grafica che contraddistingue ogni sua uscita, ogni suo singolo brano. Due mondi distinti ed eleganti per due dischi, Circus Days del 2018 e questo nuovo Only Child in uscita a novembre 2021. Musica frizzante, autunnale ed elegante, che mi riporta ad una freschezza mai sopita. Il comunicato stampa parla di Go Betweens, Sarah Records e Beatles, nomi enormi che fanno capire l’universalità e l’anima popolare di questa musica. Giochi di chitarre e di voci, quelle di Andrea e di Alice Cavalieri, che disegnano immagini come proiezioni d’amore cinematografiche. Storie che veicolano immagini immediate, in cui correre in collina o guardarsi di sottecchi in un parco.
Melenso? Banale? Scontato?
Siete fuori strada, che il Pop, quello con la P maiuscola, va cesellato con pazienza e con passione, io ci sento delle Marine Girls più mascoline (As a light farewell), dei Pernice Brothers che corrono a perdifiato (Diary of Sorts), dei bellissimi riferimenti per una personalità molto ben salda e sviluppata, per un lavoro certosino.
Per associazioni libere su lavoro e musicista mi chino sulle immagini che corredano quanto speditomi da Andrea, firmate da Daniela Tornato ed il giallo delle foglie che contornano Andrea mi riportano a quanto letto riguardo al colore dell’anno 2021. Giallo su grigio, così come la luce dei brani del grande girovago squarciano nubi e monotonia portandoci sorrisi ed ondeggiamenti repentini di capo e spalle. Prendiamola cosi, come il destino, magari con l’acida To The Evening Stars e la chitarra di Cristian Soldi, godendoci un tramonto con una temperatura accettabile, la giacchetta sopra la spalla mano nella mano con l’amore ed i Grand Drifter lì, in un angolo, a suonarcela beati. Beati, già, che come leggo a volte il progetto si allarga ed oltre ai collaboratori citati diventa una vera e propria big band, comprendenti Paolo Enrico Archetti Maestri (dagli Yo-Yo Mundi, che producono anche il disco con Sciopero), i Cavalieri Andrea e la già citata Alice, Eugenio Merico e Dario Mecca Aleina.
Che aggiungere ancora? Gran gusto, gran bei pezzi, gran bel giro di musicisti (fra gli altri spuntano anche gli Smile Hamilton Santià e Michele Sarda, autori di The Name of this Band Is Smile, altro disco molto bello uscito questa primavera, se ve lo siete perso recuperatelo!), uscita in CD e LP, di sicuro un regalo di natale che sarà graditissimo a chi ancora si balocca con queste sette note che non danno tregua ai turbamenti dei nostri struggenti amori.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Toilet Door n.4 - One Shot 90

Chi ha detto che non si esce vivi dagli anni '80 non aveva ancora vissuto appieno la decade successiva. Cosí…

23 Oct 2010 Podcasts

Read more

Viridanse - Gallipoli 1915 E Le Altre Storie (Silentes, 2012)

Non suona affatto bizzarro il recupero della discografia completa dei Viridanse, in un'epoca in cui il suono new wave è…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Sun Kil Moon - Benjii (Caldo Verde, 2014)

Un capolavoro intenso e profondo, e c'è dentro tutta una vita. Basterebbe questa semplice frase per dare lustro al ritorno,…

22 Apr 2014 Reviews

Read more

The Hand To Man Band - You Are Always On…

La sola parola supergruppo credo faccia mettere mano alla fondina a più di un lettore... e invece questa volta dietro…

06 Nov 2012 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Pinarella Blues (Wallace/TB, 2014)

Per la riviera ci siamo passati in tanti, da piccoli con la famiglia o da adolescenti a dividersi fra spiagge…

15 Jul 2014 Reviews

Read more

Giorgio Ricci - Insanity (Laverna, 2012)

Giorgio Ricci, per chi di voi non lo sapesse, è un ex Templebeat, gruppo in forza alla Submission e che…

17 May 2012 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel…

29 Mar 2017 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Fragranze Silenzio (Bosco/Sincope/Bar La Muerte/Chew-Z, 2010)

Uscita di fine anno per uno dei "best kept secret" italiani... ma si tratterà realmente di un segreto? Daniele Brusaschetto…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Map 71 - Void Axis (Fourth Dimension Records/Foolproof Projects, 2018)

Lisa Jayne (parole e voce), scrittrice e performer attiva nella scena out e fetish di Essex, e Andy Pyne…

18 Sep 2018 Reviews

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

Dead Boomers/Crow + Rushford/Talia + Hamann + Brennan/Butler - 24/10/10…

E' domenica sera ma la musica dal vivo non si ferma a Melbourne e la nostra scelta si orienta sul…

22 Sep 2010 Live

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

MSMiroslaw - THE AAAge Of Warm Asylum (Trasponsonic, 2020)

La porta di un’antichissima domus de janas abbraccia il nostro pianeta sulla copertina del nuovo lavoro di MSMiroslaw: forse è…

04 Dec 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top