God Fires Man – Life Like (Arctic Rodeo, 2009)

Con il passare del tempo e degli ascolti, a forza di sottopormi alle peggiori nefandezze sperimentali, rumoristiche ed a-melodiche, a forza di essere vittima consapevole dell'onanismo cerebrale di un manipolo di pseudo-intellettuali ansiosi di dimostrare qualcosa (soprattutto da che Basaglia ha lasciato gli "alienati" liberi di girare per le strade invece di obbligarli alla camicia di forza in una cella imbottita), inizio a trovare un buon gruppo rock quasi "esotico".
Il nocciolo della questione è proprio che i God Fires Man sono facilmente inquadrabili nel rock indipendente che negli anni novanta si nutriva di ex hardcore kids in cerca di una major che gli desse quella fetta di torta.. e nel migliore dei mondi possibili questa fetta gli sarebbe toccata anche solo per aver donato sangue e sudore ai matinee del CBGBs. Qui di questi ex ragazzini che ormai saranno vicini alla mezza età ce ne sono alcuni, e sono Drew Thomas (per il quale ricorderò solo Bold e poi i post-prog-emo-metal Into Another), Arthur Sheperd (degli ingiustamente dimenticati Mind Over Matter, Bad Trip ed Errotype:11), Joseph Grillo dei Garrison ed un misconosciuto John Wilkinson (che non credo abbia nulla a che fare con la nota marca di lamette da barba). Indie rock muscolare che pur avendo come città natale Washigton e Seattle viene reinterpretato in chiave major newyorkese ed ha come parenti diretti Sensefield, Chamberlain, Pearl Jam, Quicksand (o più che altro Rival School) e soprattutto Texas Is The Reason. Emo-rock da major, ma pur sempre rock, quindi roba che non fa cascare l'elastico delle mutande ma che ha ancora tracce di quel (mal?) sano impianto formatosi a pane Janes Addiction, Jawbox, Dischord, Amphetamine Reptile e durante il secondo periodo della Revelation. Non so se il successo arriderà a questi ragazzi di mezz'età e non credo neppure che si tratti di un disco di quelli da non perdere (posto che ne esistano), ma su una cosa c'è poco da discutere, ovvero su il fatto che questa gente sappia scrivere canzoni e abbia un gran "tiro", infatti oltre a macinare pezzi e riff con una facilità disarmante hanno tutto ciò che devono avere a partire dal "suono". Se le ultime caratteristiche fanno ancora la differenza come ai tempi miei e di vostro "Zio Alfredo (in arte il…)", questo è un buon disco.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dry Kill Logic - The Dead And Dreaming (SPV/Steamhammer, 2004)

Quarto lavoro a seguire, tra l’altro, l’acclamato The Darkside Of Nonsense (Roadrunner /Def Jam 2001) per i soliti virgulti di…

15 Aug 2006 Reviews

Read more

Meteor – Anemici/Sangue Dalle Rape (Bosco/Sanguedischi/In Limine/Incisioni Rupestri, 2010)

Quattro pezzi in quattro minuti e diciotto secondi: i Meteor sono un gruppo col dono della sintesi oltre a quello,…

20 Jul 2010 Reviews

Read more

Rogue State - Poetry Is Not For Me (Shove/Green Records,…

Dall'algida provincia alessandrina ritornano quattro "brutte ghigne" arcinote a chi bazzica da un po' l'ambiente indie. Vi lascio immaginare infatti…

02 Mar 2016 Reviews

Read more

NOfest! 2012 - 23/06/12 Spazio 211 (Torino) Seconda parte

Il sabato è come sempre il giorno principale del NOfest! e quello che richiama il maggior numero di persone: anche…

03 Jul 2012 Live

Read more

Ty Segall - S/T (Castle Face, 2008)

A volte è meglio tornare indietro, ma farlo davvero, senza tentare la strada della reinterpretazione in chiave moderna: niente paura,…

18 Jan 2009 Reviews

Read more

The Mighties - Augustus (We’re Fruit Records/Sob! Records, 2019)

Scoppiettante garage 'n' roll per questi decani perugini, iperattivi dal vivo, ma con un tiro di tutto riguardo anche in…

11 Jun 2019 Reviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Eternal Zio + How Much Wood Would A Woodchuck… -…

Torna ciclicamente a farsi vivo il Creassant, con proposte che sfidano il torpore di questa città di provincia, dando un…

19 Mar 2011 Live

Read more

Firetail - Nylon (VeniVersus, 2018)

Particolare interessante come Vittorio Veneto sia un luogo speciale per la musica: gruppi ed etichette di quella città hanno sempre…

07 Mar 2018 Reviews

Read more

Gerda - S/T (Wallace, Shove, Bloody Sound Fucktory, Fucking Clinica,…

Album senza nome (se non quello del gruppo, che già contrassegnava il CD d'esordio... almeno i Led Zeppelin si sforzavano…

18 Jul 2009 Reviews

Read more

Megattera - Origo (Killer Pool/Narcotica - 2014)

Notturne visioni torbide ammantano queso italianissimo lavoro distribuito Goodfellas che non può fare a meno di evocare le colonne sonore…

03 Jun 2014 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Steel From Your Brow (Metzger Therapie, 2016)

Arriva a materializzarsi su vinile il suono dei Grizzly Imploded a due anni dalla cassetta su Sincope di cui vi…

16 Sep 2016 Reviews

Read more

Meneguar - Strangers In Our House (Troubleman United, 2007)

Avete mai notato che i dischi più fighi non li recensisce mai nessuno? Nelle liste di fine anno di solito…

11 Dec 2007 Reviews

Read more

Olivier Brisson - Horizon Capiton (Nashazphone, 2018)

Olivier Brisson si definisce "musicista occasionale e manipolatore di percussioni e vari strumenti": Horizon Capiton è il suo primo disco,…

19 Feb 2018 Reviews

Read more

Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni - Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Bologna Violenta - Il Nuovissimo Mondo (Bar La Muerte, 2010)

Fa piacere sentire che Nicola Manzan, in arte Bologna Violenta, nonostante le illustri collaborazioni con "i piani alti e glamorous…

16 Feb 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top