GNU – Experimental Open Session @ SPM Ivan Illich (Setola Di Maiale, 2008)

Non so se avete sentito parlare o visto qualche cosa del giro degli improvvisatori bolognesi, ma se ancora non vi fosse capitato, direi che è ora di appuntarselo nell’agenda: un po’ perché giustamente facendo gruppo è questione di tempo che qualcuno si accorga di una buona sinergia e poi per il fatto che dietro questo cappello (composto dai molti musicisti che ruotano attorno all’area dell’improvvisazione bolognese) si nascondono nomi più o meno conosciuti ed emergenti del panorama italiano.
Lo GNU è un evento non troppo diverso da quelli che si hanno a Londra e in altri posti come al Knitting Factory di New York, sessioni di improvvisazione per diversi gruppi/musicisti chiamati appositamente: questo disco ne raccoglie alcune performance. Tanto per andare subito alle categorie che tanto vengono criticate dai radical borghesi da salotto (me incluso, hai ragione amico Fritz!), ma che tanto (magari anche solo a livello inconscio) vanno a cercare tutti, si tratta di un doppio cd di improvvisazioni il cui ambito è per lo più quello del jazz-avanzato, dell’impro più o meno colta, della contemporanea (poca ma c’è), quindi nulla di noise o particolarmente fracassone: anzi, se quello che cercate è l’eleganza provate questo disco senza indugi (e sia chiaro, ben venga anche la "non eleganza": vestiti diversi per occasioni diverse). Un doppio live molto ben registrato ed eseguito allo stesso livello, fra i nomi che possiamo menzionare ci sono quei Nicola Guazzaloca e Tim Trevor-Briscoe che quest’anno hanno siglato un piccolo capolavoro per piano e sax su Leo records, poi Luca Bernard, Cris Iemulo, Edoardo Maraffa, Filippo Giuffrè, Dario Fariello, Fabrizio Puglisi ed altri nomi che se masticate di improvvisazione avrete visto coinvolti in questa o quella impro, o partecipare a questo o a quel disco. Ripeto, inutile continuare con la solfa che siamo tutti uguali, perché queste cazzate da azione boy scout e da centrismo casini-rutelliano-democristian-forzaitaliota non generano altro che mostri: per quanto non esistano compartimentazioni stagne e scale (al più esatonali, anche se manco so che cazzo sono) o soprattutto scuole che garantiscano il livello di un’improvvisazione, ci sono modi, tecniche e risultati differenti per musicisti, approcci e combinazioni differenti. Anche su questo disco stesso non tutti improvvisano allo stesso modo, ma resta che per quanto molto contestualizzato all’interno di un circuito e/o appunto legato proprio al background comune (quanto meno di ascolti) di molti dei musicisti coinvolti, si tratta comunque di materiali molto evoluti e di improvvisazioni ben lungi dall’essere l’aborto di una jam session fatta alla carlona. Il nuovo jazz che avanza se non come jazz propriamente inteso (quindi vade retro al pubblico jazz da serata organizzata dal comune per le autorità in prima fila), nuovi nomi che cercano spazio e che per quel che mi riguarda spesso soppiantano cose che evidenza ne hanno già avuta fin troppa. Una serie di tracce che altalena fra un livello ottimale ed una resa "semplicemente" buona (manco fosse poco), due o tre momenti notevoli, ma quel che conta è che il disco oltre a scorrere molto bene gode di una tracklist ben fatta che quindi alleggerisce di parecchio l’ascolto, altalenando cose più dinamiche a conversazioni che puntellano il silenzio. Un disco grazie a cui si può prendere confidenza con un circuito che bene o male fa parte delle nuove realtà dello stivale.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Eagle Twin + Atomic Mold – 10/10/2018 Colorificio Kroen (Verona)

A me queste cose commuovono, c’è poco da fare. Vedere uno dei tuoi eroi di gioventù arrivare su un van…

17 Oct 2018 Live

Read more

Delia Meshlir - Calling the Unknown (CD / LP Irascible,…

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

AIDS Wolf - Cities Of Glass (Skin Graft, 2008)

Reduci da uno split con Athletic Automaton, con i quali spartiscono una incompromissoria propensione all’attacco sonoro, gli AIDS Wolf, da…

12 Nov 2008 Reviews

Read more

Tindersticks - Waiting For The Moon (Beggars Banquet, 2003)

Dunque, c’è andato l’uomo sulla luna o no? Ora che si è perso anche il video originale dell’impresa del 1969,…

23 Aug 2006 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Improvvirusoundexperience - Supercoclea For New Apes (Setola Di Maiale, 2008)

Grazie ad internet avevo già sentito qualcosa di questo mammut di tredici elementi a fiati, batterie, chitarra, basso elettrico e…

28 Apr 2008 Reviews

Read more

Spraydog - Karate Summer Camp (Ferric Mordant, 2007)

Nostalgici amanti dell'indierock anni '90 fatevi sotto... questo disco fa per voi. Gli Spraydog sono rimasti ancora quello che erano…

25 Dec 2007 Reviews

Read more

Il Conte è tornato, intervista a Varg Vikernes

Ebbene sì, lui. Il vostro incubo peggiore, il Freddy Krueger dei microsolchi, Varg Vikernes, il celeberrimo one-man-band di Burzum è…

04 Mar 2011 Interviews

Read more

Damo Suzuki’s Network - Tutti I Colori Del Silenzio (Wallace/Palustre,…

Trattasi di un live molto ben registrato e per di più corredato di grafica piuttosto carina, se ciò non bastasse…

26 Feb 2009 Reviews

Read more

Stalker - S/T (Produzionisante, 2008)

"Felicità per tutti, libertà, nessuno se ne andrà insoddisfatto!" Sardonicamente si chiude così il capolavoro assoluto dei fratelli Strugatsky…

14 Jun 2008 Reviews

Read more

Noise Cluster – Planet Of The Lost Dolls (Luce Sia,…

Sono una nostra vecchia conoscenza i Noise Cluster, nome dietro cui si celano Flavio Derbekannte e Arianna Degni Lombardo, solitamente attivi…

25 Oct 2017 Reviews

Read more

Protected By The Local Mafia - S/T (Autoprodotto, 2008)

Nel variegato e spietato panorama genovese fa piacere vedere emergere, tra gli altri, anche questi ragazzi (con un nome da…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

She Owl - S/T (Broken Toys, 2013)

Del progetto She Owl si parla come di un mostro sacro, si legge di pezzi che suonano come il vento…

03 Jan 2014 Reviews

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

Luca Sigurtà + Gino Delia – 13/05/12 Il Revisionario (Brescia)

È in qualche modo confortante vedere che esiste una sorta di ricambio anche nella vita culturale di una città. Per…

25 May 2012 Live

Read more

I Love UFO - Wish (Record Makers, 2006)

Francesi. Potenti. Assolutamente obliqui ed imprevedibili. Colmi di quel sound che Monster Magnet ed affini anticiparono (!) nei primi…

27 Apr 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top