Glorytellers + Guapo – 26/09/08 Interzona (Verona)

L'abbinamento era parso anomalo fin dall'inizio: i paladini della nuova ondata prog coi reduci della più fertile stagione dell'indie, l'elettricità "hard" a fianco delle melodie semiacustiche, le braghe a zampa contro le All Stars. Ma evidentemente all'Interzona non volevano farsi sfuggire nessuno dei due gruppi e li hanno concentrati in un'unica serata, senza farsi troppi problemi sulla coerenza musicale dell'evento. Giustamente: i nomi sono di tutto rispetto e non mi pare il caso di fare i capricciosi per la disomogeneità della proposta.
Quando i Guapo salgono sul palco basta un colpo d'occhio per far nascere il sospetto che anche se di prog si tratta, di "nuovo" ci sia davvero poco: "chitarrabassobatteriamoog" maneggiati da uomini fasciati in agghiaccianti calzamaglie nere con paliettes multicolore ad adornarne il petto (no, niente braghe a zampa, stasera). Timori che trovano conferma al risuonare delle prime note sotto le volte dell'Interzona: siamo al cospetto di un Bignami progressive, gente che possiede come disco più recente il secondo dei King Crimson, anno di grazia 1970. Perfetti nel creare fraseggi in stile, passando senza soluzione di continuità da melodie sognanti di sapore pinkfloydiano a sgroppate "hard", i quattro inglesi sarebbero senza dubbio il gruppo del momento, fossimo nel 1971, ma oggi possono al massimo aspirare ad essere quello che per il mondo dell'agricoltura è la festa della trebbiatura fatta con le macchine degli anni '20 a Cividale Mantovano: semplice folkore.
Mi do alla fuga temendo, prima o poi, la materializzazione del fantasma degli Yes.

Si chiude così il primo atto, sipario, cambio di palco. Bevo qualcosa. Inizia il secondo atto. Rientro.

glorytellers3Nel momento stesso in cui si presentano, i Glorytellers sanno di aver già vinto la partita; non tanto con la band che li ha preceduti, con cui non c'è competizione non fosse altro che per la differenza di genere, quanto col pubblico, composto in buona parte da fedeli al culto dei Karate, dalle cui fila provengono Geoff Farina e Gavin McCarthy affiancati, in questa nuova incarnazione, dall'ottimo chitarrista Ty Citerman.
Ma come l'Inter non ha bisogno di dare il 100% per battere l'ultima in classifica (e quanto mi scoccia dover usare l'Inter come pietra di paragone), così il terzetto, forte della propria innata classe, va palesemente col freno a mano tirato, tendenza già chiaramente riscontrabile ascoltando l'album: bello, perfetto, ma tutto sommato inutile.
Il live però peggiora decisamente le cose, non aggiungendo nulla a quello che si era ascoltato sul supporto digitale, in cui una certa freddezza è tutto sommato ammissibile: esecuzioni impeccabili, melodie accattivanti fra tradizione americana e spruzzate di jazz, qualche dissonanza buttata lì senza troppa convinzione, zero anima. Certo i buoni momenti, le buone canzoni non mancano, da Camouflage a Awake At The Wheel, passando per il brano strumentale per sola chitarra acustica che Farina regala come bis, forse uno dei momenti migliori della serata. E tutto sommato, anche la mancata esecuzione di Trovato Suono, col testo metà in inglese e metà in italiano stentato, può essere segnata come un punto a favore. Ma non basta. Forse loro si divertiranno, ma il continuo sciamare degli spettatori verso il bar, oltre ai casi di letargia che si riscontrano fra il pubblico seduto, non depone propriamente a favore. Colpa dell'aria di routine che pervade tutti gli aspetti del progetto, fallimentare anche nel tentativo di andare alle radici della musica americana rispolverando un paio di blues assolutamente di maniera, con Farina che si divide fra voce e armonica, senza mai smuovere all'emozione, percorrendo sempre la strada del "già sentito" e del "già fatto", meglio, in altri tempi.
Così, da una vittoria sulla carta facile, si ha alla fine un noioso zero a zero. Stia attenta l'Inter…

(Foto di Elena Prati)

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Orange Man Theory - Satan Told Me I’m Right…

Trovo estremamente irritante che su Metal Archives (la Treccani metal on line) non ci sia traccia della band capitolina…

24 Jun 2010 Reviews

Read more

Nembrot - S/T (Officine Frog ,2008)

Io e l'ordine non siamo mai stati i migliori amici e purtroppo, pur cercando disperatamente di metterci una toppa, crescendo…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Serio Rock Festival - 11/07/09 (Cologno al Serio - BG)

Arrivare sul luogo del festival, un campo pietroso dove dubito sia mai stato coltivato alcunché, è un po' come la…

17 Jul 2009 Live

Read more

Peter Laughner & Lester Bangs - the famous Lester Bangs…

[Warning: questa recensione è apparsa su This Heart webmagazine, ma siccome non lo legge nessuno, la ripropongo. Perchè sì e…

03 Sep 2006 Reviews

Read more

Zavoloka Vs. Kotra - To Kill The Tiny Groovy Cat…

Non è bello dirlo, ma spesso leggendo titolo e nome di un gruppo dell’est verrebbe da pensare che sia arretrato…

02 Dec 2006 Reviews

Read more

Tetrics - S/T (Autoprodotto, 2012)

I Tetrics nascono come dinamica cover band della provincia anconetana, qui all'esordio con pezzi tutti originali. Apparentemente non ci sono…

11 Jun 2013 Reviews

Read more

Francisco Lopez/Luca Sigurtà - Erm (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Decisamente un disco che lascia spazio ai vuoti questo Erm, un brano a testa diviso tra Francisco Lopez e Luca…

02 Dec 2013 Reviews

Read more

Mata – Archipel{o}gos (OFN, 2019)

Torrida industrial, ma di gran classe e tiro. Pezzi costantemente sotto tensione, ma al contempo ballabilissimi. Incursioni ebm interrotte da…

27 Jan 2020 Reviews

Read more

Zu – Axion/Chthonian Remix 7” (Public Guilt, 2011)

È questa l'ultima uscita della formazione classica degli Zu con Jacopo Battaglia dietro le pelli, un 7" in edizione…

28 Feb 2011 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Merzbow + Sshe Retina Stimulants + Der Weze - 12/04/12…

Sono davvero pochi i nomi della scena industriale che non abbiano calcato i palchi nostrani negli ultimi tempi (ultimo annunciato…

20 Apr 2012 Live

Read more

Lilies On Mars - Wish You Were A Pony (Elsewhere…

Vivono a Londra, ma i due terzi femminili dei Lilies On Mars sono italiani. Lisa e Marina hanno collaborato con…

05 Jun 2011 Reviews

Read more

Giorgio Ricci - Insanity (Laverna, 2012)

Giorgio Ricci, per chi di voi non lo sapesse, è un ex Templebeat, gruppo in forza alla Submission e che…

17 May 2012 Reviews

Read more

Flap - Trees Are Talking While Birds Are Singing (Matteite/In…

Ricordo di aver visto i Flap esibirsi al Musica Nelle Valli, edizione 2009, e non mi erano per nulla spiaciuti,…

18 Oct 2009 Reviews

Read more

AA.VV. - Clouds From The Earth (neuroprison.blogspot.com, 2009)

Promossa da dal forum italiano dei Neurosis, Clouds From The Earth è un esaustivo documento sullo stato dell'arte della scena…

09 Sep 2009 Reviews

Read more

Nestor Makhno - S/T (Stella Nera, 2011)

Il nome del gruppo dedicato ad un personaggio come Nestor Makhno già da solo regalerebbe la mia stima al duo…

03 Jun 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top