since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Gli Altri – Fondamenta, Strutture, Argini (Taxi Driver, 2013)

Crossover nel senso più nobile della parola sempre se oggi ha ancora una ragione utilizzarla. Il quintetto savonese ricorda i Massimo Volume che improvvisamente perdono la brocca e iniziano a fare hardcore. Una considerazione che inevitabilmente fa riflettere su quanto sia stata importante ed influente la band di Emidio Clementi prima che il medesimo prendesse coscienza delle sue fini qualità letterarie. Gli Altri invece, non mollano mai la presa, ostentando una tensione chitarristica drammaticamente emotiva. Un buon lavoro dove il cantanto è sì urlato, ma mai troppo (come negli anni ottanta) consentendo quindi di comprenderne le parole e le visioni conturbanti che se ne estrinsecano. Oggi come oggi gli ideali compagni di scuderia potrebbero essere  Affranti, come Titor (più rock) o Havoc (più hardcore). Le parole sono importanti diceva eoni fa Nanni Moretti. Verissimo, specialmente quando le capisci nel momento in cui le ascolti. Cosa che io apprezzo sempre tantissimo.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top