Girl Talk – Night Ripper (Illegal Art, 2006)

Quando ci sei dentro non puoi più scappare. A volte la musica è il nostro stupido e frenetico amore per i catchy riffs o quei giretti che ti rimangono appiccicati in testa per settimane. Poi, magari, si nascondono per tre o quattro anni da qualche parte e ti svegli una mattina ed eccoti a canticchiarli sorseggiando il caffè o levando il blocco al motorino.
Come funzioni il cervello neanche lo so. Come funzionino le mie sinapsi e come recuperino e immagazzinino queste inutili informazioni nei meandri della mia materia grigia neanche mi interessa tanto. Ma se dovessi trovarmi a descriverla, probabilmente userei un mix di Gregg Gillis, aka Girl Talk, come sottofondo. Perchè alla fine, delle canzoni, ci ricordiamo proprio solo quei brandelli, tutti quei giretti appunto, mica le complesse strutture o i testi, per profondi che siano. Se concentrate il meglio e il peggio di quello che avete ascoltato se avete tra i venticinque e i trentacinque anni, il risultato sarà un mash up di bastard pop quasi perfetto, come questo. Con una percentuale di grunge e brit pop d’annata (dagli Smashing Pumpkins ai Verve passando per i Pixies) che fa da sfondo alle più splendenti boiate r’n’b recenti da Britney a Gwen a Mariah… Inutile perdersi nei meandri delle citazioni, nel minimale booklet del cd trovate tutti i riferimenti, quasi loop per loop. Il disco viene bene, quindi, per le vostre gare di “spotta l’intruso”, per il “quanto basso riesci ad andare”, “indovina chi” e altri giochi di società da fare con il vostro wikipedia/scaruffario preferito tanto quanto se viene usato come entusiasmante base per le feste in cui volete far finta di mixare ma in realtà c’avete solo mira di svizzerare più tipe possibile. La critica minima è che, tolta la base più storica che fa parte del DNA dell’ascoltatore medio di musica anglofona alternativa, il resto rimane troppo legato alla produzione pop del momento che, per ovvi motivi, diventerà materiale obsoleto in tempo zero. L’unica è rimanere attaccati al campionatore di Girl Talk, che peraltro pare faccia anche dei live bomba, seguendolo nel suo labirintico ricettacolo di suoni sfasciati da ricomporre in forme nuove.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Andrea Rottin - Songs About Nightmares (Madcap Collective, 2008)

La Madcap continua imperturbabilmente nel suo percorso all'insegna del folk, per dirla tutta: dell'indie-folk. Anche questo disco firmato Andrea Rottin…

27 Jan 2008 Reviews

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Musica Per Bambini - Dio Contro Il Diavolo (Trovarobato, 2008)

Benchè con clamoroso ritardo, finalmente mi accingo a recensire quello che, ancora ad oggi, resta l'ultima fatica del piacentino…

26 Jul 2010 Reviews

Read more

Movie Star Junkies - Son Of The Dust (Outside Inside,…

Mi piacerebbe parlare di questo nuovo recentissimo album dei Movie Star Junkies, fuori per Outside Inside Records esclusivamente in formato…

18 Apr 2012 Reviews

Read more

Extra - F R Double E (Commune, 2006)

Già membro negli anni novanta dei Drill Team, band alt rock, il californiano J. Mills si diverte con questo progetto…

20 Dec 2007 Reviews

Read more

Prehistoric Pigs - Wormhole Generator (Moonlight, 2012)

Ferroso e macilento sludge nostrano che a passo incartato e moribondo procede per tutta la durata di questo esordio. Ogni…

25 Feb 2013 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Lebenswelt - Metaphysics Of Entropy (Under My Bed, 2019)

C’è stato un tempo in cui “indie” non era una parolaccia che evoca canzonette inutilmente sghembe e cantanti fintamente arguti…

02 Apr 2019 Reviews

Read more

Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown" non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile…

04 Jan 2021 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Daniele Santagiuliana – La Cupa (Looney-Tick, 2021)

Fra le tante identità che l’espressività di Daniele Santagiuliana assume o ha assunto (The Anguish, Anatomy, Kotha, Testing Vault, giusto…

20 Dec 2021 Reviews

Read more

Satan Is My Brother - S/T (Boring Machines, 2007)

Gruppo che annovera qualche membro degli Yellow Capra, ma differente dal progetto madre la musica si trova in tutt'altro emisfero.…

09 Jan 2008 Reviews

Read more

dQtç – Nullachtfünfzehn (Invaders, 2011)

Si definiscono un trio di improvvisazione noise ma Antoine Läng, voce ed elettronica, Vincent Membrez, synth, e Lionel Friedli, batteria,…

07 Dec 2011 Reviews

Read more

Luciano Caruso/Luigi Vitale - Tripterygion (Aut, 2011)

Seconda uscita per la Aut, dopo l'esordio Kongrosian/Sabatin con il secondo disco mi sembra evidente che l'etichetta sottolinei come si…

26 Mar 2011 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - La Stanza Di Swedenborg (Eibon, 2006)

Uno dei gruppi genovesi più "chiaccherati" del momento? Non saprei, non abitando neppure nella Superba dura valutarne la fama in…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Caligine - I 3” (Monstre Par Exces, 2008)

Meglio tardi che mai, ed effettivamente ci ho impiegato un po’ di tempo a recensire questo 3” dei Caligine, sia…

30 Apr 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top