Giovanni Dal Monte – Reforming The Substance (SonicaBotanica, 2016)

È un progetto ambizioso questo di Giovanni Dal Monte, non lontano da quello messo in piedi da Okapi con Musica Riparata ma con risultati decisamente meno pop: si parte dalla musica classica e filtrandola attraverso l’elettronica si arriva a qualcosa di nuovo che non è né l’una né l’altra cosa. Detta così il tutto potrebbe apparire relativamente semplice, quasi banale, ma il fatto è che attingere a un patrimonio come quello della classica occidentale non è cosa semplice, ci si porta inevitabilmente dietro tradizioni, echi e retaggi che sono inscindibili dalla musica e che pongono paletti a chi cerchi, come il nostro, di riformarne la sostanza. Insomma, se si forza troppo la materia si rischia di trovarsi fra le mani e nelle orecchie una sostanza informe, se ci si limita ad aggiungere qualche suono moderno si rischia una schifezza come già se ne sono sentite in passato (ricordo anche agghiaccianti commistioni rap-classica). Reforming The Substance è un disco-laboratorio dove vengono prese in esame un po’ tutto le possibili declinazioni dell’idea di partenza, da quelle più radicale alle più misurate e meno invadenti. K491KV421, Boris on Broadway e Unser Abendrot che assemblano campioni di sinfonie abbastanza note (per lo più prese da Mozart e Mussorgsky), voci operistiche e misurati interventi elettronici che cuciono, distorcono e mettono in loop gli originali sono gli esempi più riusciti: qui l’elettronica è più un mezzo che un genere e segna le composizioni dettando tempi e forme come un vecchio alfabeto che si dispone secondo le regole di una nuova sintassi. Agli estremi stanno Le Caire En Avril e Ionoafera: il primo è un brano spigolosissimo dove è difficile riconoscere le fonti e si rischia di perde il filo del discorso, il secondo è molto ossequioso nei confronti degli originali e regala meno emozioni rispetto alle altre tracce. Trattazione a parte meritano le tre composizioni conclusive che presentano rielaborazioni delle opere mozartiane Don Giovanni (Dgvnn-A), Flauto Magico (Zbrflt-B) e Fidelio (Fdl-A): sono fotografie che cristallizzano il processo di ridefinizione della forma a metà strada, con le strutture elettroniche ancora in bella evidenza e non ancora fuse con le partiture classiche. Un po’ come i ritagli di giornale che Braque incollava nei suoi quadri cubisti per scongiurare una deriva eccessivamente astratta, questi pezzi ci mostrano contemporaneamente il prima e il dopo e sono un appiglio essenziale per cogliere il senso profondo dell’operazione, specie per chi – come il sottoscritto – con la materia non è proprio ferratissimo: nell’avvicinarsi a Reforming The Substance con piglio filologico andrebbero forse ascoltati per primi. Gli aspetti che questo lavoro chiama in causa – l’attualità dei suoni classici, il debito che verso di loro hanno le musiche contemporanee non necessariamente colte, la produttività di una tale opera di revisione – sono molteplici e richiederebbero approfondimenti che lascio all’ascoltatore, magari guidato dai saggi degli esperti contenuti nel libretto; mi sembra però interessante notare che un disco al tempo stesso godibile (per le orecchie) e difficile (per il cervello) come Reforming The Substance non abbia, almeno sulla carta, ascoltatori di riferimento e per questo si presti ad essere un terreno di incontro/scontro quanto mai produttivo.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ulna - Frcture (Karlrecords, 2008)

Se cercate questo disco su Google trovetere "A ulna fracture is an injury to one of the bones in the…

21 Sep 2008 Reviews

Read more

Lili Refrain - 23/09/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Ancora una serata in Locanda (e stasera neppure piove!), ma vista la qualità e l'originalità delle proposte non posso davvero…

28 Jul 2010 Live

Read more

Joshua – Choices (Arctic Rodeo, 2011)

Forse a qualcuno, (a differenza del precedente nome dei labelmates Vs. Antilope) il nome Joshua dirà ancora qualcosa. Band minore…

03 Sep 2011 Reviews

Read more

Slowcream - River Of Flesh (Nonine, 2010)

Tornano gli Slowcream di Me Rabenstein e il risultato tiene fede alle aspettative ed è anche sorprendente il fatto che…

01 Jan 2011 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi + Ics - Vir-Uz (Farmacia901, 2012)

Nella discografia di Maurizio Bianchi del secondo periodo, quello del ritorno sulle scene dopo la conversione, il tema religioso è…

10 Apr 2012 Reviews

Read more

Enkil/La Furnasetta – Industrial Archeology (Luce Sia, 2019)

Chi si appresta all’ascolto di Industrial Archeology, cassetta split pubblicata da Luce Sia, non può farsi illusioni: il titolo e…

27 Aug 2019 Reviews

Read more

Camillocromo - Rocambolesca (Autoprodotto, 2011)

Non credereste mai alla roba che ci viene mandata da recensire per questo sito: dalla musica italiana al punk rock…

28 Jul 2011 Reviews

Read more

Eagle Twin + Atomic Mold – 10/10/2018 Colorificio Kroen (Verona)

A me queste cose commuovono, c’è poco da fare. Vedere uno dei tuoi eroi di gioventù arrivare su un van…

17 Oct 2018 Live

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

Pierpaolo De Iulis, un marchigiano a Roma

Uno dei motivi per cui, appena arrivo a Roma, visito sempre Hellnation, ancora prima che il Pantheon o Campo…

13 Feb 2011 Interviews

Read more

AA.VV. - Funk In Italia (Funk In Italy, 2009)

Questa recensione è stata un parto lungo ma per nulla sofferto, il fatto è che recensirsi una doppia compilation funk…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Andrea Senatore - Vulkan (Minus Habens, 2014)

Avevamo lasciato il talentuoso compositore oltre un anno fa all'interno della preziosa collaborazione con Giovanni Sollima (sempre su Minus Habens).…

08 Jul 2014 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Paramount Styles - Heaven's Alright (Cycle/Konkurrent, 2011)

Torna Scott McCloud (per chi non lo conoscesse consiglio anche un ascolto delle sue vecchie band: Girls Against Boys, New…

19 Dec 2011 Reviews

Read more

Johnny Grieco - Affanno D’Artista (Snaps, 2009)

Il leader e indiscusso frontman dei Dirty Action torna con un lavoro che fin dalla cover è una dichiarazione…

15 Mar 2010 Reviews

Read more

Map 71 - Void Axis (Fourth Dimension Records/Foolproof Projects, 2018)

Lisa Jayne (parole e voce), scrittrice e performer attiva nella scena out e fetish di Essex, e Andy Pyne…

18 Sep 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top