Gianni Gebbia / Miss Massive Snowflake – Phonometak Series #6 (Phonometak Series, 2009)

Spero che molti di quelli che stanno leggendo conoscano Gianni Gebbia, si tratta di uno dei jazzisti (off?) di più alto livello che abbiamo in questa repubblica delle banane e oltretutto parliamo di uno di quelli come Mirko Sabatini, Nicola Guazzaloca, Francesco Cusa e altri, di cui purtroppo non si parla abbastanza e sicuramente non nella misura in cui lo meriterebbero. Se di Gebbia devo ricordare almeno due dischi, lo farei menzionando quel capolavoro dimenticato di Williamsburg Sonatas (sempre su Wallace) in trio con Lukas Ligeti (figlio di cotanto padre) e Massimo Pupillo (mister Zu) e il disco in duo con Stefano Giust (boss di Setola di Maiale).
Innanzitutto parliamo di “jazz” di confine, tanto che forse come termine è un po’ poco appropriato per un disco come questo, e per di più di un musicista dotato di una fortissima versatilità, infatti il nostro ci regala una serie di suoni perfetti per un’uscita su Creative Sources o comunque materiale che solitamente si è abituati a sentire su dischi di elettroacustica; alcuni splendidi passaggi, ma non tutto il materiale delle sei tracce di Gebbia tiene fede alle aspettative che è lecito avere nei confronti di un musicista così bravo. La vera sorpresa del disco sono i Miss Massive Snowflake capitanati da Shane De Leon dei sottovalutatissimi (e bravissimi) Rollerball, il loro disco d’esordio era un superpolpettone pop-rock-folk-360° che non brillava particolarmente pur lasciando alcune piccole perle. In questo caso i nostri vanno sul pop-rock e jazz psichedelico ibridato con parecchie cose (parliamo di un Rollerball, mi pare ovvio), ma sono più che mai devoti alla forma canzone e… che testi! Non vi dico il ridere che mi sono fatto sentendo quello che De Leon cantava in di Shock And Awe: “i could play noise…etc..”. Accostamento di gruppi/suoni parecchio azzardato, ma tutto sommato piacevole, chissà se nel prossimo futuro gli Snowflake riusciranno a tirare fuori qualcosa di altrettanto efficace.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gablé - Cut Horse Cut (Loaf, 2011)

Un fantastico gruppo elettro-rock che non è certo semplice definire, non perché abbiano sovvertito le regole della musica, solo e…

26 May 2011 Reviews

Read more

Masked Intruder - M.I. (Fat Wreck, 2014)

Grande conferma per i Masked Intruder, pop-punk band che dalle lande sperdute del Wisconsin approda al secondo disco (su Fat…

04 Jun 2014 Reviews

Read more

L'Enfance Rouge - Trapani, Halq Al Waady (Wallace, 2008)

Ritorno di Cambuzat, Locardi e Andreini (ormai sempre più inserito fra le maglie del loro suono): L'Enfance Rouge è un…

17 Apr 2008 Reviews

Read more

Napalm Death - Smear Campaign (Century Media/EMI, 2006)

Ancora veterani. Suppongo che suonare Grind/Death sulla soglia dei quaranta ti faccia vivere una quotidianità piuttosto normale, forse più o…

29 Nov 2006 Reviews

Read more

Plaisir - The Cosmic Key & The Comic Mood (Autoprodotto,…

Per coronare una settimana bruttina mi metto ad ascoltare gli ultimi demo-autoproduzioni che aspettano sulla pila degli arretrati: assicuro che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - Saint Erme (Gikt, 2019)

Continua la collaborazione tra il chitarrista svedese Finn Loxbo e il batterista danese Anders Vestergaard, che già con il precedente…

23 Aug 2019 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Makhno - Leaking Words (Neon Paralleli/Wallace/Brigadsico e altre, 2018)

Non era necessario arrivare al terzo disco per capire che Makhno è una delle esperienze più autenticamente hardcore che potete…

31 May 2018 Reviews

Read more

Blogroll

Ho sempre avuto la mania di prendere appunti dai forum in rete: se un disco lo si mitizzava me lo…

10 Aug 2006 Articles

Read more

Sorella Maldestra - Maltempo (Banksville, 2009)

Ebbene sì, sono tornati anche loro. Nel panorama nazionale di illustri dispersi mai e poi mai avrei immaginato che…

05 Dec 2009 Reviews

Read more

Wound – And Nothing Will Be The Same (Spirit Throne,…

Ha un che di funereo, nel suo candore intaccato solo da fiori raffigurati in toni di grigio, questo nastro del…

08 Sep 2015 Reviews

Read more

Monktronik (Pasquale Innarella & Roberto Fega) – S/T (Setola…

Il nome dato a questo progetto fornisce coordinate piuttosto precise di ciò che troveremo nel disco CD. Monktronik è il…

30 Jun 2014 Reviews

Read more

Cégiu - Glowing Goodbyes (LP/CD limited editions, autoprodotto, 2022)

A volte la radio rapisce. Come questa sera, nel dopocena, mentre una radio nazionale manda un programma di approfodimento sulla…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Polaris - s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Chrome Division - Doomsday Rock 'n Roll (Nuclear Blast, 2006)

Ho deciso di dare una svolta alle recensioni di brutti dischi per non prendermi una patente pirandelliana.Con orgoglio posso dire che questo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò - 24/10/09 Unwound Club (Padova)

In una fredda serata di fine ottobre capito all'Unwound, locale ricavato da un ex magazzino alla periferia nord di Padova,…

14 Nov 2009 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top