Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi – Wildflowers Under The Sofa (Last Visible Dog, 2008)

Ciprì e Maresco, Stanlio ed Onlio, Bonnie e Clyde (all'italiana) ed anche Becuzzi e Orsi… ormai visto il buon numero di uscite in duo parlerei di "premiata ditta". Dopo diversi flirt e due uscite ufficiali in coppia su Small Voices e Digitalis, si arriva al terzo episodio su Last Visible Dog, quindi ufficializzerei il sodalizio come già successo per la Bruni ed il tamarro francese che ricorda un "Berlusca" d'oltralpe. Partendo subito con i parziali, al terzo giro, azzarderei che si tratti del disco migliore della triade insieme al primo lavoro su Small Voices. Nessuna variazione significativa nello stile, quindi se avete amato i dischi precedenti state pur certi che non questo non vi deluderà, anzi, se un difetto poteva essere accusato nel doppio cd su Digitalis era l'eccessiva lunghezza di alcuni momenti, all'opposto in Wildflowers Under The Sofa resta solo ciò che serve. Quello che abbiamo appena detto non significa per altro che si tratti di un lavoro rimaneggiato, anzi, come a Carver veniva chiesto di sfoltire e lasciava proprio ciò che andava a segno, Gianluca Becuzzi ed Fabio Orsi chiamati (da se stessi e non dall'editore) a fare lo stesso lasciano solo il meglio. Un disco molto melodico, malinconico e dalle tinte autunnali in cui le doti melodiche di Orsi si innestano bene sui lavori di Becuzzi, il disco uscendo per Last Visible Dog non è privo di caratteristiche comuni ad altri autori di questo catalogo e perciò penso che un buon giornalista lo inserirebbe in un contesto "free-folk" o di "drone-folk" o Dio solo sa cosa. Drone e loop melodici (dato che si tratta di un disco parecchio fruibile) fluttuano intersecandosi in modo molto classico secondo crescendo e "fade out" classici di questo tipo di lavori, tutto resta in sospensione il giusto ed il buon gusto per la melodia fa il resto perché diventi un bel disco invece che perdersi nel marasma di droners parvenue improvvisati. Tutte le caratteristiche neo-psichedeliche ritrovate nei precedenti lavori dei due (ed in particolare in quelli di Orsi) ricompaiono come da copione e direi che ritornano al meglio nei quasi quarantotto minuti di durata del lavoro. Per questa coppia il rischio dietro l'angolo è quello di iniziare ad essere prevedibili o di ricadere sempre nelle stesse atmosfere, ma per ora è scongiurato o quanto meno è annullato dall'ispirazione che li ha portati a firmare un lavoro molto piacevole.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hellcowboys - Mondo Bastardo (Hellbones, 2019)

Pesantissimo thrash'n'roll per questi cowboys dell'inferno che, rimandandoci ai mai dimenticarti Pantera, ci fanno assaporare un genere che con ogni…

27 Sep 2020 Reviews

Read more

MSMiroslaw – Libido (Trasponsonic, 2016)

Delicato ma penetrante, il lavoro di Mirko Santoru ritorna con il progetto MSMiroslaw che già avevamo apprezzato nel 2013 (Rebirth…

26 Sep 2016 Reviews

Read more

Vulturum - Vivi Di Luce Riflessa/Voraussage 12" (Sangue Dischi/Trips Und…

Il tempo vola e sono già passati due anni dall'apprezzato Vineta. Dopo una serie ben congegnata di concerti, tornano i…

06 Feb 2011 Reviews

Read more

Sincope records: mamma mia quanto rumore!

Nei primi due anni di vita Sincope ha prodotto un buon numero di uscite, dedicandosi in primis alla musica che…

12 May 2012 Articles

Read more

Johnson Righeira - Ex Punk, Ora Venduto (Astroman, 2006)

Sì, questa recensione avrebbe dovuto farla Giulio Olivieri, perlomeno come seguito al suo splendido articolo sugli oscuri ottanta, ma io…

27 Sep 2006 Reviews

Read more

Mope - S/T (Taxi Driver, 2014)

Morbidamente strumentale si presenta questa nuova uscita della genovese Taxi Driver che vanta all'interno tanto membri di Eremite quanto di…

17 Apr 2014 Reviews

Read more

The Wyns - A Place Like This (Autoprodotto, 2011)

Nota di colore che non c'entra nulla: credo che Luino, sul Lago Maggiore, il paese da dove provengono i giovani…

27 Jan 2012 Reviews

Read more

HYSM?Duo – All Impossible Worlds (Neon Paralleli, Wallace, HYSM?, Lemming…

Il duo Spataro/Fiore si rifà vivo con quello che è loro quarto album, certamente il loro più accessibile: dato un…

19 Feb 2015 Reviews

Read more

St.Ride - Primitivo (Niente, 2011)

Gli St.Ride sulla loro Niente records continuano a sfornare dischi e arrivano con Primitivo, che altro non è se non…

30 Nov 2011 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di…

08 Feb 2022 Reviews

Read more

Maria Jikuu + Go Tsushima + Ottaven – 19/09/10 Circolo…

Avevo appena iniziato a nutrire poco eleganti sentimenti d'invidia verso i genovesi e il loro Spazio Targa (che in questi…

23 Jul 2010 Live

Read more

Philippe Petit - Hitch-Hiking Thru Bronze Mirrors (The Extraordinary Tale…

Terzo e ultimo capitolo della saga della ragazza limone per Philippe Petit: le coordinate sonore su cui si muove questo…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

Spam & Sound Ensemble – S/T(Retroazione/Tannen, 2013)

Ivan Antonio Rossi è fonico e produttore di comprovata esperienza, attivo coi nomi più disparati, dai Pooh agli Zen Circus,…

12 Apr 2013 Reviews

Read more

NOfest! 2012 - 22/06/12 Spazio 211 (Torino) Prima parte

Ci sembra inutile, nel presentare la quarta edizione del Nofest!, aprire la con la solita tirata sulla qualità della proposta…

02 Jul 2012 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top