Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi – Muddy Speaking Ghost Through My Machine (A Silent Place, 2007)

Senza nulla togliere agli altri lavori del catalogo A Silent Place che ad onor del vero sono sempre a livelli notevoli, questo è il primo disco che vi consiglierei di comprare ad occhi chiusi se vi interessate di drone e neofolk. Gianluca Becuzzi l’abbiamo recensito poco tempo fa e credo che vi ricordiate che si tratta di Kinetix, di Fabio Orsi ne abbiamo parlato in occasione dello split con i My Cat Is An Alien. A differenza dello split appena citato, questo disco presenta una "joint venture" (potremmo quasi dire "joint" in tutti i sensi) fra i due e con dei risultati a dir poco esaltanti. Melodia, neo-psichedelia che si sciolgono in field-recordings e campioni di Alan Lomax (per il quale inizio a dubitare che Orsi abbia sviluppato una vera e propria ossesione), chitarre, organetti vintage, loop creati da frammenti blues e la miscela è ben amalgamata, non diventa mai troppo densa e sempre senza trascinarsi in lungaggini. Vuoi per i campioni, vuoi per le linee melodiche sembra quasi di vedere i paesaggi rurali cristallizzati nelle field-recordings utilizzate per questo lavoro, oppure sono solo io che sono posseduto dallo spirito di puffo naturone. Se Aidan Baker anche nella melodia rileva venature di ascolti passati di Swans, Godflesh e simili, invece Orsi e Becuzzi attingono da memorie folk e a questo punto sarebbe interessante capire chi ha fatto cosa, perché verrebbe da pensare quasi che mentre Orsi si sia curato delle linee melodiche, Becuzzi abbia infarcito il quadro di rumori/sfumature (che in un lavoro di questo tipo non rappresentano una componente secondaria, anzi…). La musica e la copertina rimandano molto più ai quadri di Hopper di quanto quella porcata di Texas (ma in stagioni in cui Muccino fa botteghino che te lo sto a dddì!?) faccia con qualsiasi bislacco tentativo di portare Wenders nel Piemonte meridionale. Orsi e Becuzzi ispirati ed in trip da folk dronico molto più rurale di quanto lo sia stato quasi tutto il catalogo della Kranky (ma in fin dei conti nella mia ignoranza credo che Chicago di campi ne abbia visti pochi). Privati del loro contesto i campioni blues di Lomax sembrano sempre più schegge di un film o frammenti di un passato perso tanto quanto le "lucciole" nei ricordi friulani di Pasolini. Spesso si vanno a cercare le perle altrove proprio quando uno le ha sotto casa. Bravi.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kitchen Door - Sodapop Edition n.7

Apriamo l'anno con un rapido sguardo a quello appena trascorso: un pugno di canzoni che ci sono sembrate significative…

09 Jan 2011 Podcasts

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Quasiviri – Super Human (Wallace/Bloody Sound Fuctory/Fallo/HYSM?/Morte/Megaplomb/To Loose La Track,…

Il ritorno in pista, con una serie di nuove uscite, di un’etichetta storica (ma fortunatamente non ancora da storicizzare) come…

02 Apr 2014 Reviews

Read more

Lite - Illuminate (Transduction, 2010)

Il perché la Transduction sia così ossessionata dai gruppi post/math-rock giapponesi mi è oscuro, resta che il livello tecnico e…

13 Oct 2010 Reviews

Read more

La Furnasetta - La Prima Stella (AsbestosDigit, 2018)

La strada creativa aperta dai Boredoms di Soul Discharge ha provocato dei veri e propri cortocircuiti nel modo di intendere…

13 Nov 2018 Reviews

Read more

Valgrind - Blackest Horizon (Everlasting Spew, 2018)

Pur restando in ambito decisamente estremo, le coordinate dei Valgrind sono molto diverse da quelle dei compagni (di etichetta) Convocation.…

09 Jun 2018 Reviews

Read more

Compoundead – Cutting Your Certainty (Sincope, 2012)

Texture di grigi su nero sgranate, attraversate da linee e graffi, sporcate da macchie circolari. Cutting Your Certainty potremmo recensirlo…

22 Feb 2013 Reviews

Read more

The Mainliners - S/T (Crusher, 2007)

Ne abbiamo già parlato, di questi garage rocker nordici, in occasione dell'uscita di un loro singolo per la ottima…

02 May 2007 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (seconda parte)

Chi tra i lettori di Sodapop passa i quarant'anni potrebbe ricordare un servizio andato in onda nel novembre del…

20 Apr 2013 Articles

Read more

Keiji Haino, Merzbow, Balazs Pandi - Become The Discovered, Not…

Dopo An Untroeblesome Defencelessness, tornano a fare danno i maestri del rumore Keiji Haino e Merzbow assieme al sodale Balasz…

18 Oct 2019 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Robert Turman – Three Parts (Cejero, 2014)

Farsi le ossa in compagnia di Boyd Rice e collaborare al primo 7” dei NON Mode Of Infection/Knife Ladder è…

25 Aug 2014 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

Edgar Café - Alcuni Fattori Marginali (Arci Sana, 2008)

Sebbene al disco d'esordio, il cammino dei genovesi Edgar Cafè è lungo e denso di caratteri propri ed eterogenei. Difficile…

25 Oct 2009 Reviews

Read more

Gian Luigi Diana – Cristalli Sonori (Setola Di Maiale, 2011)

Se per alcune uscite del catalogo della Setola possiamo indubbiamente parlare di jazz, per dischi come quello di Gian Luigi…

10 Oct 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top