Gianluca Becuzzi – Deeper (CD Luce Sia, 2022)

Deeper è la terza parte di una trilogia iniziata nel 2017 e comprendente i lavori RedruM e TheenD, in questo caso giostrata senza la collaborazione del sodale Massimo Olla.
Negli anni si è iniziato con le Murder Ballads, poi si è passati da Nico, fino ad un parterre de rois che vede coinvolti, uno in fila all’altro: Brian Eno e David Bowie, Coil, Kraftwerk, Einstürzende Neubauten, Faust’O/Deat in June, Talking Heads, Elvis Presley/John Cale, The Stooges. Nomi da farsi tremare le gambe, fate conto che in questa selezione troviamo due brani fra i preferiti di sempre del sottoscritto (Funerale a Praga e We Will Fall). Ma, mutatis mutandis, Gianluca, che è musicista d’esperienza, svela forse di più di se stesso attraverso queste canzoni che rispetto e buon gusto. Innanzitutto la sua voce, lirica, chiara, accorata. Poi l’acqua, che ritorna e rientra, uscendo dai canali e dando alle rappresentazioni un aspetto ancor più tetro. Di album di cover ne è pieno il mondo, di begli album di cover ognuno può averne al massimo 5. Io ci metto i Walkabouts, i Ramones, i Death in Rome, i Fleshtones e Gianluca Becuzzi. È un gioco, certo, ma se domani qualcuno mi prendesse in ostaggio e mi chiedesse, bava alla bocca: “Dimmi quali sono i tuoi cinque album di cover preferiti, dannato svizzero!” beh, su Gianluca ci conto. Non manca nulla a questo disco, c’ê buon gusto, stile, cognizione di causa.
Warszawa di David Bowie è cupa, come se in Polonia, prima della visita del nostro, fosse passata un’aspersione di soda. Se ne riconoscono gli squilli melodici ma il tutto risulta corrotto e distrutto, così come ogni cover dovrebbe essere.
Coil ed Heartworms lavora su più liveli vocali, con una visione molto classica di espressione, quasi da teatro greco (con un pathos che, come modalità di gestione, più volte uscirà in questo lavoro). I Coil vengono asciugati e resi rurali ed austeri, guadagnandone in spessore e visione.
Hall of Mirrors (che ricordo essere stato un progetto di Deison ed Andrea Ferraris ma sicuramento sbaglio alla grandissima. NDA: Infatti, erano Andrea Marutti e Giuseppe Verticchio) dei Kraftwerk viene raffreddata alla base, e qui, forse, sento la solitudine dell’uomo al comando senza automi. Ma, in loro assenza, il riverbero si fa sentire, eccome, ed il pezzo risuona realmente come se intorno a Gianluca ci fossero soltanto degli specchi.
Passiamo agli Einstürzende Neubauten, a questo punto. Rispetto a Blixa Bargeld, Gianluca risulta…ah, sono due mondi, non parliamo di confronti qui, ma della capacità di trasportare brani che hanno significato qualcosa nella crescita del musicista in esame (già 34enne al momento della pubblicazione) carico, carico di un entusiasmo che trasforma il rigore in entusiasmo, facendone fiorire i frutti.
Funerale a Praga è uno dei brani più lancinanti al mondo, non ringrazierò mai abbastanza la mia amata Jessica di avermi fatto tramite con Sacha Rovelli (che produce il disco insieme a Nebo con la sua Luce Sia, il mondo è minuscolo!) mentre i DIJ si sposano ad esse con un unione di accordi che più che un caso è una sentenza, lasciando un aura di completezza al tutto.
The Overload è uno dei Talking Heads più statici ed oscuri ed in effetti sembra un brano autografo di Gianluca, talmente comune è l’humus, l’anagrafe ed il trasporto. Droni, claustrofobie e slanci.
Heartbreak Hotel, riportata autografata sia da Presley che da Cale. La stanza è vuota, putrida, sicuramente una scena del crimine. Non c’è nessuna risposta alla disperazione, solo i battiti che entrano e trasformano la scena in un cuore: ventricoli, vene, arterie. Basico, una pompa meccanica, come potrebbe fare un piede od un corpo.
Il fondo quindi, 10:24 minuti in cui in cui nell’ashram vengono completamente spente le luci e Gianluca, con suadente presenza, rimane discosto ma in primo piano grazie ad una profondità ed una lucidità che da una prospettiva completamente diversa al brano, come se da una dimensione collettiva esca una single figura, lucida e magnetica, ad irrorare energia al tempio.
Serve una conclusione: diciamo che Gianluca Becuzzi riesce, a 60 anni giusti giusti, ad estrarre dal suo cilindro un gioiello che, qui lo dico, lustra le sue potenzialità di interprete e di inventore di ambienti, in un percorso che non lascerà indifferenti ne i giovani, ne gli anziani ne i curiosi. Gettatevi in profondità, so deep, so cool…

 

 

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Protestant - Judgments (Shove, 2010)

I Protestant mi sono piaciuti a partire dal nome, ma sebbene l'abbiano preso in prestito da uno dei migliori album…

08 Apr 2011 Reviews

Read more

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 8 (27/11/14)

Ottava puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta da soli per la defezione dell'ospite,…

01 Dec 2014 Podcasts

Read more

Bemydelay – Hazy Lights (Boring Machines, 2013)

Dopo le atmosfere eteree e la chitarra in loop di To The Other Side, torna Marcella Riccardi (già in Franklin…

17 Apr 2013 Reviews

Read more

Scum From The Sun - S/T (Afe, 2009)

Mettete insieme uno street rocker, Black Mickey dei Long Dong Silver e un musicista industrial/EBM, Cash dei Filthy Generation, aggiungete…

27 Oct 2009 Reviews

Read more

Father Murphy – Calvary (Blue Tapes, 2015)

“Questo è un Calvario, non è mica una scampagnata!” diceva il Necchi al Melandri, impegnato ad interpretare Cristo in una…

28 Jan 2015 Reviews

Read more

Scott McCloud: dai Girls Against Boys ai Paramount Styles, alive…

Forse non è necessario fare introduzioni, ma visto che nel mondo che è venuto dopo l’esplosione della rete il tempo…

23 May 2011 Interviews

Read more

X Congresso Post Industriale – 31/10/2015 Kindergarten (Bologna)

Non si poteva mancare quest’anno Al Congresso Post Industriale che la Old Europa Cafè organizza per al decima volta e…

11 Nov 2015 Live

Read more

Chapter 24 & Philippe Petit - The Red Giant Meets…

Continua, evidentemente con reciproca soddisfazione, il sodalizio fra il musicista francese e l'etichetta italiana, dopo il disco che Philippe Petit…

17 Mar 2011 Reviews

Read more

Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Benjamin Finger, James Plotkin & Mia Zabelka - Pleasure-Voltage (Karlrecords,…

La prima cosa che colpisce di Pleasure-Voltage è una certa austerità della produzione che inaspettatamente si sposa alla perfezione con…

28 Mar 2019 Reviews

Read more

Papier Tigre - S/T (Collectif Effervescence, 2007)

Disco che gronda Chicago, Washington e indie / math rock metà '90 da tutti i pori. Potremmo indicare,…

06 Nov 2007 Reviews

Read more

Rise Of The Stateless Wolf – Born Dead/Year Of The…

Può sembrare strano che una band che si pone sul crinale fra hardcore e thrash metal, due generi eminentemente materialisti,…

23 Apr 2020 Reviews

Read more

The Star Pillow - All Is Quiet (Paradigms/Taverna, 2015)

Parziale cambio di rotta per The Star Pillow, che torna come agli esordi ad essere composto dal solo Paolo Monti:…

08 May 2015 Reviews

Read more

Red Stars Over Tokio - Helen In The Mirror (Hot…

Quale potrebbe essere l'hobby di un ex hardcore kid (in passato bassista nei belgi Nations On Fire e tenutario dell'etichetta…

23 Mar 2010 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - The Earth Cries Blood…

Era atteso da tempo il nuovo disco del toscano The Child Of A Creek; ora, a oltre due anni dal…

12 Jun 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top