G.I. Joe + Nervous Kids – 11/07/08 Arci Kroen (Villafranca – VR)

Il tempo incerto di questo weekend suggerisce di non rischiare l'allestimento del palco nel giardino dell'arci Kroen, com'era programmato e di spostare i gruppi nella sala concerti all'interno del locale. Ma se il tempo è autunnale la temperatura non lo è e all'interno l'atmosfera tropicale forse scoraggia i presenti ancor più della proposta musicale della serata. Saliranno sul palco i bolognesi Nervous Kid, seguiti dai trevigiani G.I. Joe, due fra i più rinomati paladini dell'instrumental-punk-funk-noise-core-lightningboltoniano della penisola.
I Nervous Kids tengono fede al nome: ritmi forsennati, chitarra costantemente in solo, spigolosità varie e qualche raro rallentamento, con la batteria che tace, che dà la possibilità di indugiare in riff quasi AC/DCani; ma sono brevi attimi e si ritorna a un suono sempre in bilico sul baratro del caos: una versione minimale, ma decisamente hardcore, dei Don Caballero più chiassosi. Passato lo shock compulsivo, il giochino comincia a mostrare la corda, ma dopo circa venti minuti il concerto volge al termine e non si fa in tempo ad annoiarsi. Salvati dal gong.

Il tempo di una biNKrra, due parole con gli amici e tocca agli headliner della serata.
I G.I. Joe si presentano in identica formazione, solo con il basso che sostituire la chitarra e forte è il sospetto di doversi sorbire una replica del concerto precedente, col limite che l'effetto sorpresa è svanito e i confini della noia già ampiamente erosi. Non ci andiamo troppo lontani: velocità e tecnica da vendere, con la batteria iperdinamica e il basso supereffettato che, poco distinguibile da una sei corde, macina rifferama assortito. A questa sorta di caos controllato si aggiungono minime variazioni, brevi parti dronate, qualche vocalizzo, invero non banale, che lascia sperare futuri sviluppi meno scontati.
gijMa, per ora, anche qui siamo di fronte a una musica che gira un po' su sé stessa e svanito lo stupore e l'ammirazione per cotanta perizia, resta pochino; anche i loro venti minuti passano senza il desiderio di averne di più.

A questo punto, fatte salve le indisputabili questioni di gusto, non siamo dalle parti di un Yngwie Malmsteen qualsiasi?

"Ecco, vi porto una ben triste novella, che sarà di grande dolore per il popolo tutto: l'indie rock non salverà il mondo. Votate heavy metal."

(fotografie di Rik)

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Rock And The City - La Storia Siamo Noi

Sosteneva Lukàcs che il compito del genio è mettere ordine tra le cose, che per deduzione equivale a dire che…

10 Feb 2007 Articles

Read more

Cagna Schiumante - S/T (Tannen, 2014)

Scorticare fino a raggiungere l'essenza stessa. Le tracce di questo lavoro sono canti di muezzin ubriachi e storti declamati sbavando…

26 Sep 2014 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo…

21 Mar 2016 Reviews

Read more

WK569 – Omaggio A Marino Zuccheri (Boring Machines, 2017)

Tempo, spazio e suono devono essere ben stranamente allineati in quel della Val Camonica (Brescia). Mesi fa vi parlammo dell’ottimo…

31 Jan 2018 Reviews

Read more

Monaci Del Surf - S/T (Inri, 2012)

Frizzantissimo terzetto perfetto per l'estate che non vuol decollare. In un mondo civile questi tre wrestler messicani (o di Mirafiori?!)…

06 Jun 2012 Reviews

Read more

Barnacles – One Single Sound (Boring Machines, 2017)

Salto i preamboli dato che di Barnacles, nome dietro cui si nasconde Matteo Uggeri (già Sparkle In Grey), vi abbiamo…

28 Jun 2017 Reviews

Read more

Makhno/HaveyousaidMakhno - Digital 7” (Neon Paralleli/Brigadisco/HYSM?/Wallace, 2013)

L'alias di Paolo Cantù torna a farsi sentire con un 7" digitale, presentato con grafica e immagini del vinile come…

02 Jul 2013 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Everything Collapse(d) (Aagoo/Rev Laboratories, 2014)

Pochi mesi fa un interessante articolo di Antonio Ciarletta su Blow Up, intitolato New Millenarism, prendeva in esame alcuni album…

12 May 2014 Reviews

Read more

Don Vito/Bogong In Action – Split 7” (Lemming/Brigadisco et al.,…

Merita una segnalazione questo split in vinile diviso fra Don Vito, gruppo che, a discapito del nome, proviene dalla Germania …

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Default Jamerson - Stable Government And Adequate Sanitation (Sabbatical, 2008)

Sabbatical è una etichetta di musica sperimentale portata avanti da Leith, Mark, autore di quasi tutte le grafiche e Marcus,…

07 Nov 2009 Reviews

Read more

Ultravixen – Avorio Erotic Movie (Wallace, 2008)

No, amici niente tettone all'orizzonte, anzi, banane au go-go, ma non quelle che lucidate guardandovi film di Meyer, bensì quelle…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

RPWL - World Through My Eyes (SPV/InsideOut, 2005)

Pur continuando a turbinare nel girone progressivo scatologico, stavolta, ammetto di esser incappato in qualcosa di interessante ed anche prezioso.…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Luigi Turra - In Winter (Silentes, 2012)

Gianluca Becuzzi e Luigi Turra pubblicano per la prima volta un disco assieme, dopo aver collaborato sotto diverse forme per…

04 Dec 2012 Reviews

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

Fabrizio Ottaviucci - Ragapiano (Odd Times, 2009)

Da pseudo-relativista (che grazie a Dio non sono) e da seguace della ricostruzione storica individuale, o forse solo da "rosicone"…

22 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top