Germanotta Youth – The Harvesting Of Souls (Wallace, 2011)

Si contano ormai sulle dita di cento mani i progetti a cui Massimo Pupillo degli Zu collabora in maniera più o meno continuativa. Questo, in origine denominato Mongolian Barbeque, lo associa a Reeks degli Inferno all'elettronica e al batterista dei metal progster Kailash e ci porta dalle parti dei Genghis Tron e dei Locust, sebbene l'assenza della voce e la lontananza dalla forma-canzone sviluppa il discorso verso strutture più aperte.
All'ironia del nome, che riprende l'idea dei Ciccone Youth aggiornandola ai tempi della starlette Lady Gaga, fa da contraltare una musica che pur con qualche sorriso a mezza bocca, non lascia troppo spazio agli scherzi: efferatezza è la parola d'ordine di un disco che mette in campo senza paura la propria ignoranza, evitando di nascondersi dietro suonini o abusate sciocchezze pseudo-ironiche che l'elettronica consentirebbe. Certo, qualche tocco d'alleggerimento c'è ed è il benvenuto, come le melodie di tastiere che aleggiano sullo sfondo e non sarebbe male trovassero più spazio in futuro, ma The Harvesting Of Souls resta prevalentemente un brutale album di grind in forma libera, che del genere metallaro recepisce i toni un po' monocorde ma anche una voglia di sfondare grazie a velocità e volumi che regala momenti apprezzabili. Verso la fine emerge anche una vena introspettiva, nell'elettroacustica di confine di Blackfriars Bridge e nel free che cresce dal silenzio in Draconina Measures, A Letter To Lady Gaga, ma nell'economia del disco cambia poco: nella maggior parte del tempo fra batteria triggerata e doppia cassa, basso cingolato e elettronica che rasoia a destra e sinistra, si ha la netta sensazione di stare in mezzo a una sparatoria. In questo senso un minutaggio leggermente inferiore, teso a tagliare i momenti più ripetitivi equilibrando le varie parti, si sarebbe fatto preferire, ma al momento i Germanotta Youth sono questi, prendere o lasciare. Prendiamo, in attesa di poterne testare le qualità dal vivo.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Benoit Martiny Band – S/T (Quinto Quarto, 2008)

Quintetto che ruota attorno alla figura del batterista lussemburghese Benoit Martiny, se vogliamo concettualmente paragonabile al nostro Francesco Cusa, quindi…

11 Oct 2010 Reviews

Read more

Peter Kernel - White Death Black Heart (On The Camper,…

Dalla Svizzera con furore. E' proprio il caso di dirlo, visto che mi ero imbattuta in un live dei Peter…

26 Oct 2011 Reviews

Read more

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Montezuma – Di Nuovo Lontano (Dischi Dell'Apocalisse/Dicks And Decks/OnlyFuckingNoise/Mukkake, 2011)

Sarà sempre la solita questione anagrafica, ma immagino per un momento di tornare indietro un paio di lustri orsono  inneggiando…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - Another View (Ticonzero, 2011)

Giusto per diversificare ulteriormente la discografia di Simon Balestrazzi, il musicista parmigiano ritorna con un progetto che avevamo già recensito…

08 Nov 2011 Reviews

Read more

Bug Jargal - S/T (Aut, 2014)

­ Recuperare dischi dal passato e ristamparli dopo quasi vent'anni è sempre un'operazione un po' pericolosa, perché si rischia di…

24 Jul 2014 Reviews

Read more

Nigloswing - Senza Filtro (Autoprodotto, 2005)

Un tuffo negli anni ’30, quando il “mer” era più blu, e non solo quello di Charles Trenet, più di…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Pablo Montagne – Solo Immobile (Guitar Works) (Setola Di Maiale,…

Guitar Works di nome e di fatto e visto che Pablo Montagne utilizza sia chitarre acustiche che elettriche le variazioni…

28 Sep 2010 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò - 24/10/09 Unwound Club (Padova)

In una fredda serata di fine ottobre capito all'Unwound, locale ricavato da un ex magazzino alla periferia nord di Padova,…

14 Nov 2009 Live

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo…

21 Mar 2016 Reviews

Read more

Alberto Boccardi – 05/07/12 Il Revisionario (Brescia)

Chiude la stagione il Re Visionario con un altro musicista della scuderia Fratto Nove, quell'Alberto Boccardi di cui avete letto…

13 Jul 2012 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top