Gabriel Kuhn – Straight Edge (Shake, 2011)

Per Odino! Se c’è un libro che credo non avrei mai comprato è questo, ma vista la mia storia individuale e che bene o male ho bazzicato questo circuito era inevitabile che qualcuno me lo regalasse e così è successo (…grazie Gea!!). Pensavo che come libro fosse di una noia mortale e purtroppo un po’ anche questo è successo, eppure non è andato tutto come da previsione. Per chi è completamente nuovo all’argomento e capita su questo sito quasi per caso, consiglio un instruttivissimo giro su wikipedia, per chi invece è già pratico ed “imparato”, il libro potrebbe riservare qualche piacevole sorpresa. Come prima cosa apre un’intervista a Ian Mackaye che come sempre regala alcune perle notevoli (per il sottoscritto, lui e Genesis P. Orridge in fase di intervista regalano sempre perle notevoli), poi seguono una serie di interviste interessanti a Michiel, Olav e Paul dei mai sufficientemente osannati ManLiftingBanner, un’intervista molto figa ad un israeliano filo palestinese e qualcos’altro. Poi ci sono anche una bella serie di parti noiose e di semi-revisionismi storici come quello di Lyxzen dei Refused, ma temo che fosse inevitabile. Il libro affronta l’argomento cercando di premere sul lato politico del circuito, forse quello più interessante, ma va detto: quello meno diffuso. Da un certo punto di vista non riporta le testimonianze di molti personaggi storici, ma si sofferma maggiormente su molti personaggi del presente o di un passato più o meno recente, come forse è anche giusto che sia (anche se per quel poco che ricordo degli studi di Storia, non è comunque un gran modo di lavorare). Nonostante questo dedicarsi al tempo presente, come ho già detto le riscrizioni “storiche” ci sono e si vedono, ma tutto sommato il libro non è appestato di quel noiosissimo alone “those were the days!” tipico degli ex-punk, ex-68ini, ex-rivoluzionari, ex-fidanzati/e, ex-tutto (ma non Ex il gruppo… a loro je volemo bbbene!). Per quel poco che vale, alcune delle cose più interessanti in tema le aveva scritte Kent Maclard nelle pagine di un booklet allegato ad XXX – some ideas are poisonous, se riusciste a reperirlo, al di là della coltre di pessimismo e dell’aura introspettiva del “pensatore di Goleta”, credo che potreste trovarlo piuttosto interessante. Essere straight edge è importante? Per alcuni lo è, per altri non è nulla se non un appiglio per definirsi in qualche modo o per aggrapparsi a qualcosa. Essere straight edge è nocivo? Per alcuni lo è, ho visto “i peggiori dementi della mia generazione” molto più rilassati per aver fumato qualche cannone o grazie ad una moderata sbronza, resta che vedere un coglione che si faceva tranquillamente delle strisce di coca su un tavolo ad un concerto punk mi ha fatto voglia di piantargli la faccia dentro al tavolo (e sia chiaro, non ho nulla in contrario con le droghe, ma sulle dinamiche di assunzione e sui modi sì). Sono un democratico di sinistra del “destra e sinistra sono tutti ladri uguali”? No amici drughi, “we live and die with our own opinons”, ma resta che nel momento in cui tracciano dei confini netti per terra spesso si creano delle divisioni che servono a poco, credo che valga per la politica e per molte altre cose, venirsi incontro (e non addosso… per quanto sia fraintendibile) è molto più difficile ma forse più produttivo. Poi certo “We are (e non We’re not) in this alone”, ma maggior ragione credo abbia valore quanto detto prima. “We got soul let’s take control” (Big Boys).

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Stefano De Ponti – Apparizione #7 (Apparizione, 2015)

Capita che, al Blau Studio di Milano, vi siano delle apparizioni, apparizioni di artisti, che si prestano a session di…

26 Oct 2015 Reviews

Read more

Hilde Marie Holsen - Lazuli (Hubro, 2018)

L’ispirazione del nuovo disco di Hilde Marie Holsen proviene dai minerali chimici utilizzati per creare i pigmenti usati nella pittura,…

20 Jun 2018 Reviews

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more

Bron Y Aur - Millenovecentosettantatre (Wallace, 2007)

Gruppo di dichiarata ispirazione seventies, i Bron Y Aur seguono ormai da anni il proprio discorso artistico infischiandosene altamente di…

04 Jun 2007 Reviews

Read more

Kevin Devine - Brother's Blood (Arctic Rodeo, 2009)

Secondo disco Arctic Rodeo che mi capita fra mani ed orecchie e l'impressione è che si sia sintonizzata su gente…

31 Oct 2009 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Per Boysen - Sub City 2064 (Bimm,…

Con mostruoso ritardo mi appresto a recensire questa collaborazione che mette assieme il compositore turco, che i più attenti di…

26 Jun 2010 Reviews

Read more

Faccioli/Gastaldello – Dissangue (Autoprodotto/Tulip, 2013)

Non è raro, fra i musicisti del giro avant e non solo, ritrovarsi in studio, suonare e “vedere quello che…

20 Nov 2013 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.4

Ultima puntata dell’anno. Anche dalle parti di Kitchen Door, laggiù nella pianura, tira aria di buonismo natalizio, che si traduce…

30 Nov 2009 Podcasts

Read more

BiG A little a - gAame (Gigantic Music, 2007)

I meglio informati mi dicono dalla regia che questi BiG A little a sono gente da tener d'occhio, perché sono "nuovaiorchesi",…

24 Jun 2007 Reviews

Read more

Daniele Ciullini - Poisoning At Home (Luce Sia, 2020)

Nella migliore tradizione della urticante label svizzera ci avviciniamo al nuovo lavoro di Daniele Ciullini e immediatamente veniamo proiettati in…

01 Dec 2020 Reviews

Read more

Gregor Samsa - Rest (Own, 2008)

I Gregor Samsa tornano con un nuovo disco, dopo il bellissimo 55:12. Per fortuna non ripetono esattamente la formula con…

25 Apr 2008 Reviews

Read more

Metroschifter + Lucertulas – 28/11/09 Interzona (Verona)

"Quando all'inferno non c'è più posto, i morti camminano sulla terra" diceva un personaggio in Zombi di Romero. Beh, l'inferno…

30 Nov 2009 Live

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Philippe Lamy & MonoLogue - Blu Deux (Phinery, 2016)

Quello fra il veterano francese Philippe Lamy e l’italiana Marie Rose Sarri, in arte MonoLogue (ma anche Moon RA), è…

22 Feb 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top