Fvrtvr – Demon Cycle 1-9 (Niente, 2010)

L’etichetta dietro alla quale si muovono gli St.ride si allarga e con questa nuova uscita oltre ad aprire ai musicisti esteri, lo fa in pompa magna visto che uno dei due Fvrtvr non è altri che Fritz Welch Peeesseye con tale Guido Hennebohl all’elettronica. Come sempre si tratta di un disco molto delirante, non distante da Mongholi Nasi e da alcune cose di David Moss diminuite del loro effetto free-avant-jazz. Non è per nulla semplice dare un giudizio su un lavoro del genere la cui essenza è principalmente quella performativa.
Pochissime melodie, infatti si tratta per lo più di sfondi elettronici contrappuntati da una voce che emette dei fonemi o dei suoni che riportano il meno possibile all’uso tradizionale della voce, in questa direzione si era mosso anche lo stesso Demetrio Stratos che in cantare la voce ci si perdeva volontariamente. Un disco in cui pulsa una tensione palpabile ma non per questo cupo, astratto forse, ma non opprimente o privo di aperture quasi oniriche come nel caso della seconda traccia: pur trattandosi di un disco piacevole, certo, per quanto possa essere piacevole “non-musica” del genere, sembra messo a fuoco solo a tratti e questo nonostante il taglio delle tracce tenda ad assomigliarsi e si senta un’identità che spicca dietro la maggioranza di questi abbozzi. Il disco è stato registrato a Berlino e possiamo sfruttare la cosa per dire che se un musicista elettronico contemporaneo un po’ delirante si fosse impallato di alcune cose di Sam & Valley e avesse allungato tutto con un taglio vagamente elettro-acustico forse avremmo dei risultati che non si discosterebbero troppo da questo Demon Cycle. Ottima registrazione e buon lavoro, però mi fa piacere pensare che fino ad ora sia uno dei dischi della Niente che mi ha convinto solo parzialmente, infatti deliro per delirio forse il lavoro dei R.U.G.H.E. sembra più interessante.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

K'An – Anima (Ōnyūdō, 2013)

È un esordio che lascia il segno quello del romano Paolo Bellipanni, ispirato e ricco di riferimenti ma non facilmente…

04 Apr 2014 Reviews

Read more

WOW - Falene (Maple Death, 2021)

Gli WOW, dacché li conosco e li ascolto, sono stati sempre portatori di due principi, stile ed eleganza. Progetto che…

16 Jan 2022 Reviews

Read more

Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca…

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che…

23 Nov 2009 Live

Read more

Olivier Brisson - Horizon Capiton (Nashazphone, 2018)

Olivier Brisson si definisce "musicista occasionale e manipolatore di percussioni e vari strumenti": Horizon Capiton è il suo primo disco,…

19 Feb 2018 Reviews

Read more

Pablo Montagne/Giacomo Mongelli - Crudités (Setola Di Maiale, 2011)

Nuovo disco per Pablo Montagne e Giacomo Mongelli, nuovamente su Setola Di Maiale e nuovamente gran bel lavoro anche se…

28 May 2011 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Improvvis(e)azioni (TiConZero, 2009)

Che questo del batterista Paolo Sanna sia un lavoro fatto col cuore lo si capisce, prima ancora che ascoltandolo, dalla…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Il compleanno del Megawolf 2 – 05/02/11 Ekdina (Carpi -…

Strano animale il Megawolf che da un anno all'altro cambia la data del compleanno. Trattandosi comunque di una tremenda e…

26 Feb 2011 Live

Read more

Davide Maspero/Max Ribaric - Come Lupi Tra Le Pecore…

È un'opera monumentale quella messa insieme da Davide Maspero e Max Ribaric per i tipi della Tsunami, non solo per…

08 May 2013 Reviews

Read more

Carla Dal Forno - Top Of The Pops (Autoprodotto, 2018)

Ci risiamo, è sempre evidente quando senti una canzone di Carla Dal Forno. Idee chiare e gestione intelligente di pochi…

21 Oct 2018 Reviews

Read more

Penelope Sulla Luna - My Little Empire (Nagual, 2008)

I Penelope Sulla Luna fanno quello che quasi tutti intendono come post-rock strumentale anche se questi "tutti" tendono a dimetnicarsi…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

R.U.G.H.E. - S/T (Niente, 2009)

Non amo molto il radical minimalismo delle edizioni Niente, però non c'è dubbio alcuno che l'etichetta fondata dagli St.ride fornisca…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Yann Novak - Blue.Hour (Farmacia901, 2012)

Yann Novak vive e lavora nella città di Los Angeles dove donnine prosperose e omaccioni muscolosi corrono al rallentatore sulla…

19 Apr 2013 Reviews

Read more

Barnacles - The Evening News (Arell, 2017)

Esordio sulla breve distanza per la nuova creatura di Matteo Uggeri, che come Barnacles pubblica su Arell (nel bel formato…

03 May 2017 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more

L'Océan - Primio (GP2, 2016)

L' Ocèan non è esattamente una band nel senso convenzionale del termine quanto un gruppo di improvvisazione nato nel 2006…

30 Jan 2017 Reviews

Read more

Whiting Tennis - Three Leaf Clover (Tarnished, 2007)

Non so se c'è qualcuno tra di voi che sia come me. Nel caso mi capirete e capirete questa recensione.…

10 Nov 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top