Full Effect – Reconcilement – At The Present, A Sweet Lullaby (Noisecult, 2006)

Il disco dei Full Effect, non privo di qualche dissonanza qua e là, prende il via dall’emo-core più fisico, quello che sì è emo-core, ma che è suonato con i muscoli e tirando fino allo sfinimento. Purtroppo fra gli effetti collaterali della cultura post-Mtv c’è anche quello di aver appiattito il concetto attorno a gruppi “pseudo pop” col distorsore in tinta con i pantaloni attillati e troppo spesso è facile dimenticare che ci sono stati tempi in cui gruppi come Rorschach, Downcast, Citizen Arrest pur pestando a dovere bazzicavano un pubblico affine, ma non per questo si risparmiavano una bella quantità di overdrive a chiodo (ed in tempi recenti che dire di un monumento come gli Orchid?). Poco chugga chugga e molto “scream-o” visto che il cantante urla costantemente come se lo stessero frustando “roman style… come prima accadde al nazzareno”. Canonico nelle progressioni, nei riff e nelle soluzioni, ma ben fatto e soprattutto ben registrato, tanto da passare nella categoria del “vinello sincero” che va giù molto gradevolmente. Depressione e melodie cupe dappertutto come molta della musica tirata di oggi ed anche loro non sono esenti dall’ammorbamento da Neurosis, che arrivi tramite Isis o no, chi ne è immune oggi giorno? (D’altra parte parliamo di gente che non ha giocato ad un gioco ma che l’ha preso, calpestato e rigenerato… anche se “in nomine patris: onore agli Amebix!”). Qualche tempo terzinato che alcuni avrebbe definito caratteristico del genere, d’altra parte il nord-est fu feudo storico dell’Ebullition ed è sempre stato terreno fertile per un certo stile, poi da dopo i With Love la malattia è diventata conclamata. I Full Effect però hanno anche parecchie venature noise o di “rock industriale” e dei blocchi che macinano stile noise-core evoluto (che poi in realtà sia vicino a poi qualcuno ci possa vedere del metal nuovo o vecchio altro discorso, anzi, c’è senz’altro). “Vinello sincero” e ben prodotto, si fa mandare giù senza sussulti forse, ma se siete fan del genere c’è di che fare un buon pasto.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Novellino / Rosi / Mazurek / Barnes - Object In…

Seconda uscita per la Discreetrecords di Attilio Novellino e Saverio Rosi: dopo il bell'EP Radicalisme Mècanique dove lo stesso Novellino…

25 Feb 2015 Reviews

Read more

Ojra & Kiritchenko - A Tangle Of Makosha (Nexsound, 2010)

Ho visto che di recente qualcuno ha finalmente dato spazio ad un ottimo musicista come Kyriakides, ne sono felice, sia…

12 Apr 2010 Reviews

Read more

Bonora - Nabucco Situation (Second Family, 2009)

Con un disco così intitolato, questo terzetto elettrico-elettronico non poteva che venire dalla ridente città di Parma, ridente perché…

08 Jul 2009 Reviews

Read more

Slumberwood - Yawling Night Song (A Silent Place, 2009)

I gruppi che ti mandano un cd senza scritto un cazzo, anche un semplice: "oh, minchia... tipo, io ti mando…

03 May 2009 Reviews

Read more

Jonathan Inc. - Lost: Time (Arctic Rodeo, 2011)

'There's a word on my lips, which I could not explain' canta jonathan Anderson in Long Gone e fa il…

25 Nov 2011 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Improvvis(e)azioni (TiConZero, 2009)

Che questo del batterista Paolo Sanna sia un lavoro fatto col cuore lo si capisce, prima ancora che ascoltandolo, dalla…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Loss Of Self - Twelve Minutes (The Flenser, 2013)

Gli australiani Loss Of Self arrivano al primo disco e trovano casa sulla americana The Flenser, etichetta che nel "black…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

Skrima - Tapes (Disasters By Chioce, 2018)

Debutto che viene da lontano per Skrima, progetto di Salvo Pinzone in cui come dichiarato dal titolo sono proprio i…

25 Jun 2018 Reviews

Read more

AA.VV. - Squashing Charms (Kosmik Elk Mind, 2007)

E' interessante, ascoltando questa raccolta assemblata per la sesta uscita marchiata Kosmik Elk Mind, come alcune delle caratteristiche che…

17 Jan 2008 Reviews

Read more

AfarOne - Lucen (Karlrecords, 2012)

Un disco da dopo calura estiva? Forse sì, AfarOne è un ragazzo italiano trasferitosi in Spagna, l'etichetta è quella Karlrecords…

27 Sep 2012 Reviews

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Matt And Kim - Grand (Fader Label, 2009)

Uno due uno due... con Matt e Kim, duo punk/dance- synth pop da Brooklyn, a molti verrebbe voglia di uscire…

14 Feb 2009 Reviews

Read more

Zolle - Porkestra (Bloody Sound Fucktory, 2015)

Essenziali e diretti. Essenziali perchè è così che si definiscono: chitarra e batteria, semplici nella costruzione, naturali con il senso…

12 May 2015 Reviews

Read more

Hall Of Mirrors - Reflections On Black (Silentes, 2007)

Credo che sia la prima volta che su Sodapop venga recensito un lavoro di Andrea Marutti e/o di Giuseppe Verticchio,…

30 Aug 2007 Reviews

Read more

Boris Hegenbart And 19 Artists - Instrumentarium (God/Staubgold/Monotype, 2012)

Boris Hegenbart ha all'attivo un bel numero di dischi e collaborazioni, infatti è attivo sin dal 1996 e da sempre…

16 Jan 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top