Fuh – Dancing Judas (Smartz/Escape From Today, 2010)

I Fuh vengono da Canale, Cuneo, Piemonte. E’ necessario specificarlo perché la geografia riveste una certa importanza in questo caso. I quattro personaggi qui coinvolti infatti sembrano possedere una purezza e una passione percepibile in ogni nota che suonano, che appaiono legate in modo indissolubile al luogo dal quale provengono (puro anch’esso e omaggiato in un paio di occasioni: il campionamento di una banda di paese colta all’opera in qualche festa locale e nel titolo di un brano, Canalese Landscape). La musica vissuta forse come via d'uscita dal tedio della provincia, potrebbe essere qualcosa del genere, ma al contrario di quello che sarebbe lecito aspettarsi da casi come questo, non c’è rabbia tra questi solchi, è tutto invece molto solare, aperto.
Una sorta di "positive noise rock", dalle radici però ben piantate negli anni ’90: abbastanza palese mi pare l’influenza di gruppi stile Unwound, tanto per intenderci, come dell’hardcore degli At The Drive-In (molto del lavoro delle chitarre ricorda i riff terzinati di Relationship Of Command). Aggiungiamoci ancora qualcosa dei June Of 44 periodo Anahata e sarà possibile avere una vaga idea di quello che i quattro suonano. A volerla dire tutta, certi passaggi, la voce in particolare, mi ricordano anche i Faraquet, gruppo “minore” su Dischord di inizio nuovo millenio. Certo non è da tutti cimentarsi con materiali del genere senza sembrare troppo derivativi. I Fuh, a modo loro, ci riescono, e si percepisce una forte impronta personale nel loro suono. I brani si sviluppano perlopiù in flussi progressivi dalle dinamiche mai scontate, i suoni sono scelti con cura, gli intrecci delle chitarre hanno la precisione dell’ingranaggio di un orologio nucleare, le ritmiche procedono con tiro e sanno mantenerlo anche nei passaggi meno quadrati. In alcuni momenti il gruppo si riserva pure il lusso di giocare con effetti ed elettronica varia, con piccoli interventi mirati che arricchiscono la miscela sonora senza diluirla o snaturarla. Ma quello che in sostanza preme dire è che, a scanso di equivoci, sono proprio i pezzi a reggere l’ascolto, Dancing Judas è essenzialmente un disco pieno di ottime canzoni. Consigliato a chi non è uscito vivo dagli anni ’90, trentenni nostalgici e a chi viaggia ancora con l’autoradio a cassette e i nastri sotto il sedile posteriore.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Airchamber 3 - Peripheral (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Tornano gli alessandrini Airchamber 3, dopo l'esordio su Amirani di ormai qualche anno fa: il loro suono si è nel…

16 Dec 2013 Reviews

Read more

Bessemerr - The Cultivation Of Rice (Far From Showbiz, 2008)

Nel sottobosco di piccole label, net release, tape label, CD-r, e nell'ipertrofia del mercato musicale (che comunque pare venda poco…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

The Doggs - Black Love EP (Autoprodotto, 2011)

Marcissimo e maleodorante EP imbrattato di Stooges, Velvet Underground e sferragliante punk anni settanta. Fa sempre piacere sentire che esiste…

16 Feb 2012 Reviews

Read more

The Star Pillow - Symphony For Intergalactic Brotherhood (Boring Machines,…

Cosa si può ancora dire della musica di The Star Pillow? Col suo progetto Paolo Monti  esplora le possibilità espressive…

11 Aug 2018 Reviews

Read more

Atomic Papas - The Invisible Man (Hellbones, 2020)

Rockabilly di ampio respiro quello proposto dal terzetto toscano che, benché di recente fondazione, dimostra un rilassato e disinvolto affiatamento…

27 Oct 2020 Reviews

Read more

Enkil/La Furnasetta – Industrial Archeology (Luce Sia, 2019)

Chi si appresta all’ascolto di Industrial Archeology, cassetta split pubblicata da Luce Sia, non può farsi illusioni: il titolo e…

27 Aug 2019 Reviews

Read more

K-Branding - Alliance (Humpty Dumpty, 2011)

Giovani promesse crescono e vengono mantenute, proprio come nel caso di questi ragazzi belgi: ricordo di aver recensito il loro…

15 Apr 2011 Reviews

Read more

Sator - S/T (Taxi Driver, 2015)

Cinque brani per l'esordio della band genovese più interessante nell'ambito della musica pesante: già dai primi concerti dal vivo il…

29 Jun 2015 Reviews

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

Psyche - The Influence (Final Muzik, 2012)

Nella categoria recensioni minori o per "adepti del Goth" (esiste un gruppo nato dalle mie parti su fb con questo…

13 Jun 2013 Reviews

Read more

Nedry - Condors (Monotreme, 2010)

Devo ammettere di aver cercato altrove il piacere solipsistico dell'ascolto negli ultimi mesi, lontano dal clamore suscitato dalla scena dubstep…

15 Apr 2010 Reviews

Read more

Three Steps To The Ocean – Unitl Today Becomes Yesterday…

Da Milano alla conquista del mondo. Di quello del post-core, almeno. All'album d'esordio, dopo un EP stampato anche negli USA…

25 Jun 2010 Reviews

Read more

Sigillum S - Emptiness Spheres (Luce Sia, 2020)

Rarefatto e speziato ritorno per i tecnopadri dell'area grigia. Power trio a tutti gli effetti quello che incarna le nuove…

02 Feb 2021 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Langhorne Slim - 25/06/09 Arci Kroen (Villafranca - VR)

Il maltempo, che ha caratterizzato l'inizio dell'estate, segna profondamente anche questa serata: prima un forte acquazzone respinge il tentativo di…

02 Jul 2009 Live

Read more

Moving Mountains - Pneuma (Deep Elm, 2008)

Ci sono quelli che detestano mettere riferimenti di altri gruppi nelle recensioni e quelli che per forza di cose li…

27 Oct 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top