FR Luzzi – Happiness Is An Overestimated Value (Arab Sheep, 2005)

Elogio della lentezza. Elogio della velocità. Andare forte e consumare tanto. Non sgasare e guidare in sicurezza. Elogio della regolarità. Elogio della marmitta bucata. Elogio del silenzio del nuovo motore a zero consumi per la città. Serie di cartelli di rallentamenti. Ponte. Fine della serie di idiote considerazioni per introdurre il leit motiv di questa recensione.
Non è che qui su sodapop.it la velocità sia considerata un valore pregnante. Aggiornamenti tipo persone che aspettano giocando coi tappi nelle botti vuote che il whisky invecchi, col fischio maschio senza rischio. Per cui questa recensione arriva tardissimo, a più di un anno dall'uscita del disc(hi)o. Un disco che abbiamo lasciato prima innocentemente poi colpevolmente maturare. Prima la curiosità di sentire questa artista di Udine, Francesca (in arte FR Luzzi), di cui avevamo apprezzato le doti vocali sia in una compilation sia nei dischi del suo gruppo d'origine, i Lefty Lucy. Poi, finalmente in possesso di una copia, lo si è messo su tante volte, con piacere, come i dischi di Suzanne Vega e di Beth Orton, a consumo lento. Otto brani originali composti fondamentalmente di sola voce e chitarra acustica, ma che, in maniera molto adatta, vengono caratterizzati dal dispiegamento di un piccolo arsenale acustico di tutto rispetto, classico quanto perfettamente in tema. Mai sbavato e mai sopra le righe, tutto incentrato sulle doti canore sempre più personali della cantautrice, che non scade mai nella tentazione, tutta italica, di cantantessa consoliana. Lentezza e pacatezza, un tocco di folk, qualche richiamo interessante e una bella cover scampanata di The Thorn In my Side Is Gone di Mark Eitzel che farebbe sbavare il lettore medio del Buscadero nel mentre che sobbalza sulla poltrona. I brani migliori li trovo a metà disco, Genius Guy, Your Sister e, soprattutto, After Dark sono da brividi, mentre forse non impazzisco troppo per le tentazioni lievemente bossa dell'iniziale Human Race e di Sugar Family. L'andamento di Pears Before Swine forse è fin troppo vagamente Belle & Sebastian, ma ricordiamoci che questo è solo il suo debutto e che, speriamo presto, vedremo i frutti di una maturazione che ci auguriamo, finalmente, veloce.
Ps rapida menzione anche per lo splendido packaging.

http://www.arabsheep.it

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more

Versus The Mirror - Home (Equal Vision, 2006)

Oggi sono andato a curiosare sul sito dei Versus The Mirror per dare una occhiata e ho letto che si…

27 Feb 2007 Reviews

Read more

This Will Destroy You - Tunnel Blanket (Monotreme, 2011)

"Post-rock will never die...but you will" giusto per menzionare il titolo dell'ultimo Mogwai ed anche per iniziare a mettere le…

31 Mar 2011 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Pinarella Blues (Wallace/TB, 2014)

Per la riviera ci siamo passati in tanti, da piccoli con la famiglia o da adolescenti a dividersi fra spiagge…

15 Jul 2014 Reviews

Read more

Blake/e/e/e - Border Radio (Unhip, 2008)

Archiviati i Franklin Delano, Paolo Iocca, anche qui accompagnato da Marcella Riccardi, torna in pista con il nuovo progetto Blake/e/e/e.…

12 Nov 2008 Reviews

Read more

Palumbo/Tommasini - The Hunting Dog Of Bootes The Hersman (Chew-Z,…

Questo disco è quello che si suol dire una gran bella sorpresa, immagino che qualcuno di voi dirà che era…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Amute - Infernal Heights For A Drama (Still, 2009)

Suoni francesissimi per gli Amute (...in realtà sono belgi), che con questo album escono per la belga Still records. Elettro-pop…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

Talk To Her - Home (Shyrec, 2018)

Formatisi nel 2015 i veneti Talk To Her debuttano con questo ep scuro dalla grafica minimale e dai tratti post…

09 Mar 2018 Reviews

Read more

The Days Are Blood – S/T (Autoprodotto, 2013)

Ci sono duo strumentali e duo strumentali. Fatto salvi quelli dediti all'improvvisazione radicale che in linea di massima, lo sapete,…

10 Apr 2013 Reviews

Read more

Get Help - The End Of The New Country (Midriff,…

Esiste un abbattimento intelligente. Di fronte al futuro e alle possibilità che ci si aprono davanti agli occhi, mentre i…

28 Dec 2008 Reviews

Read more

Secret Shame - Dark Synthetics (Taxi Driver, 2020)

Ottimo goth revival per questi giovani statunitensi della North Carolina. Sembra di aprire le polverose pagine di un Rockerilla del…

24 Nov 2020 Reviews

Read more

Stefano De Ponti - Like Lamps On By Day (Old…

Under My Bed e Old Bicycle uniscono le forze per dare alle stampe, su cassetta e CD-R con diversa grafica…

11 Mar 2014 Reviews

Read more

Paal Nilssen-Love - New Brazilian Funk / New Japanese Noise…

Spesso è difficile seguire con attenzione scene tanto produttive come quella improvvisativa, fatta di infinite occasioni di confronto e innumerevoli…

14 May 2019 Reviews

Read more

Viridanse - Gallipoli 1915 E Le Altre Storie (Silentes, 2012)

Non suona affatto bizzarro il recupero della discografia completa dei Viridanse, in un'epoca in cui il suono new wave è…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Squadra Omega – S/T (Holidays/Boring Machines, 2010)

La Squadra Omega va certamente annoverata fra quei gruppi le cui produzioni discografiche, seppur buone, pagano inevitabilmente dazio alle ottime…

20 Jan 2011 Reviews

Read more

Cobson - Like A Bike Without Brakes EP (Autoprodotto, 2007)

Gradevole e vezzoso rockettino profumatamente distorto per questo giovane trio di Montpellier. Una voce femminile inserita in un sound…

25 Jan 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top