Fine Before You Came + Vulturum – 25/09/09 Arci Kroen (Villafranca – VR)

Lontani nello stile musicale ma vicini nello spirito, essendo nati, in tempi diversi, dal substrato della scena punk hardcore degli anni '90, Fine Before You Came e Vulturum dividono questa sera il palco del Kroen. Un abbinamento, quindi, anomalo solo in apparenza, teso invece a soddisfare, almeno in teoria, il lato più fisico e quello più emotivo di ognuno di noi.
Sono i Vulturum a inaugurare la serata: la metamorfosi che subiscono questi tre allegri cazzoni, che una volta salti sul palco si trasformano in un'implacabile macchina da guerra, farebbe impallidire lo stesso Robert Louis Stevenson. Una chitarra e due batterie ridotte all'osso è tutto ciò che serve al gruppo per catturare la platea, fra ritmi impazziti e giri di chitarra ora sludge, ora quasi black metal, per quasi quaranta minuti. Diversamente dal disco, dove l'approccio è più mediato, qui l'attacco è frontale, coi pezzi doomeggianti che crescono lenti fino alla lunga esplosione finale, simile a un cataclisma in loop. La voce, non del tutto a suo agio col cantato, trova la sua dimensione nel farsi grido, le batteria procedono prima all'unisono, poi incrociano i ritmi e alla fine divergono, causando slogature ai colli degli incauti headbanger. Versione iper concentrata dei Neurosis più tribali, i Vulturum conquistano, grazie alla coinvolgente ritmicità, un pubblico ben più ampio di quello della scena post-core, di cui sono fra gli esponenti migliori e certamente più originali e già questo non è un merito da poco.
finebefore___________youcame_____kroenAscoltarsi dell'hardcore melodico dopo un'esperienza del genere è un po' come farsi una birra dopo essersi sbronzati di grappa. Oddio, qui non si vomita, ci mancherebbe, ma è chiaro che l'apice emozionale della serata è già stato toccato. I Fine Before You Came, condizionati dalla non perfetta forma fisica dovuta ad alcuni mesi di inattività, propongono una scaletta incentrata sul nuovo Sfortuna. Dal vivo le aperture stilistiche che rendono interessante un album per forza di cose interlocutorio (essendo il primo cantato in italiano), si perdono in favore di uno stile emo novantottino in cui il gruppo si trova evidentemente più a proprio agio, ma che dimostra tutti i suoi diec'anni e passa. Non fa eccezione il corollario di mossette, chitarre alzate al soffitto e duetti al microfono fra cantante e chitarrista, che rimanda addirittura all' '88, diciamo pure Bon Jovi. L'esperienza, unita alla simpatia dei personaggi, regala comunque al pubblico un buon concerto, ma stasera il segno lo hanno lasciato altri.

Foto di Elena Prati

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gli Altri - Fondamenta, Strutture, Argini (Taxi Driver, 2013)

Crossover nel senso più nobile della parola sempre se oggi ha ancora una ragione utilizzarla. Il quintetto savonese ricorda…

26 Apr 2013 Reviews

Read more

Re-Count - Egocollective (Minuta, 2008)

"Egocollective - recita la cartella stampa - è un progetto corale: è un insieme di brani che Omar E. Bernasconi…

08 Sep 2009 Reviews

Read more

Jesse Krakow - World Without Nachos (Eh?, 2008)

Non so se vi ricordate della Eh?, ad ogni modo si tratta di una costola di quella che un volta…

10 Sep 2009 Reviews

Read more

Autocancrena – Homo Sacer (Diazepam, 2012)

Altra oscura uscita per la Diazepam: stavolta è il turno degli Autocancrena (il romano Lorenzo Chiarofonte) con un CD 3"…

03 May 2013 Reviews

Read more

Zolle - Porkestra (Bloody Sound Fucktory, 2015)

Essenziali e diretti. Essenziali perchè è così che si definiscono: chitarra e batteria, semplici nella costruzione, naturali con il senso…

12 May 2015 Reviews

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Sarram – Silenzio (Autoprodotto, 2020)

Per una volta il famigerato “disco nato nel periodo del lockdown" non è una vergognosa pippa autoreferenziale (lo stesso, inutile…

04 Jan 2021 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Caso - La Linea Che Sta Al Centro (To Lose…

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora…

29 May 2013 Reviews

Read more

Pale Sister – Embeddead (Sincope, 2014)

L’oscuro progetto Pale Sister ritorna a far sentire la propria lancinante voce su Sincope, sempre disponibile a fare da cassa…

17 Dec 2014 Reviews

Read more

Johnny Mox - Lord Only Knows How Many Times I…

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno,…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

Deison - Quiet Rooms (Aagoo, 2012)

A questo giro ritorna Cristiano Deison, che vanta una carriera solista di tutto rispetto divisa fra dischi in proprio e…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more

Crap - S/T (Megablomb, 2006)

Registrato ormai dieci anni fa, nel 1998, e rimasto nel cassetto fino al 2006, anno in cui è stato pubblicato…

21 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top