Fine Before You Came + Vulturum – 25/09/09 Arci Kroen (Villafranca – VR)

Lontani nello stile musicale ma vicini nello spirito, essendo nati, in tempi diversi, dal substrato della scena punk hardcore degli anni '90, Fine Before You Came e Vulturum dividono questa sera il palco del Kroen. Un abbinamento, quindi, anomalo solo in apparenza, teso invece a soddisfare, almeno in teoria, il lato più fisico e quello più emotivo di ognuno di noi.
Sono i Vulturum a inaugurare la serata: la metamorfosi che subiscono questi tre allegri cazzoni, che una volta salti sul palco si trasformano in un'implacabile macchina da guerra, farebbe impallidire lo stesso Robert Louis Stevenson. Una chitarra e due batterie ridotte all'osso è tutto ciò che serve al gruppo per catturare la platea, fra ritmi impazziti e giri di chitarra ora sludge, ora quasi black metal, per quasi quaranta minuti. Diversamente dal disco, dove l'approccio è più mediato, qui l'attacco è frontale, coi pezzi doomeggianti che crescono lenti fino alla lunga esplosione finale, simile a un cataclisma in loop. La voce, non del tutto a suo agio col cantato, trova la sua dimensione nel farsi grido, le batteria procedono prima all'unisono, poi incrociano i ritmi e alla fine divergono, causando slogature ai colli degli incauti headbanger. Versione iper concentrata dei Neurosis più tribali, i Vulturum conquistano, grazie alla coinvolgente ritmicità, un pubblico ben più ampio di quello della scena post-core, di cui sono fra gli esponenti migliori e certamente più originali e già questo non è un merito da poco.
finebefore___________youcame_____kroenAscoltarsi dell'hardcore melodico dopo un'esperienza del genere è un po' come farsi una birra dopo essersi sbronzati di grappa. Oddio, qui non si vomita, ci mancherebbe, ma è chiaro che l'apice emozionale della serata è già stato toccato. I Fine Before You Came, condizionati dalla non perfetta forma fisica dovuta ad alcuni mesi di inattività, propongono una scaletta incentrata sul nuovo Sfortuna. Dal vivo le aperture stilistiche che rendono interessante un album per forza di cose interlocutorio (essendo il primo cantato in italiano), si perdono in favore di uno stile emo novantottino in cui il gruppo si trova evidentemente più a proprio agio, ma che dimostra tutti i suoi diec'anni e passa. Non fa eccezione il corollario di mossette, chitarre alzate al soffitto e duetti al microfono fra cantante e chitarrista, che rimanda addirittura all' '88, diciamo pure Bon Jovi. L'esperienza, unita alla simpatia dei personaggi, regala comunque al pubblico un buon concerto, ma stasera il segno lo hanno lasciato altri.

Foto di Elena Prati

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Egreen - Nicolás (Autoprodotto, 2022)

Oh mio dio, un album Hip-Hop italiano su Sodapop? Niente paura, Egreen ha collaborato coi the Breakbeast, che sono uno dei…

13 Mar 2022 Reviews

Read more

Endless Boogie - Full House Head (No Quarter, 2010)

Ecco il vero Quaalude musicale dove dovrebbe abbeverarsi il compianto (nel senso di passato a miglior webzine, non a…

01 Sep 2010 Reviews

Read more

Psychofagist W/Napalmed – Songs Of Faint And Distortion (Fobofile, 2013)

Un occhio al cuore ed un occhio alla testa. I mangiatori di psiche non hanno mai perso di vista il…

29 Apr 2013 Reviews

Read more

Lydia Lunch’s Big Sexy Noise – 18/12/10 Latteria Artigianale Molloy…

Mi ero messo nell'ordine di idee di sottopormi a una lunga fila a cinque gradi sotto zero per assistere al…

04 Jan 2011 Live

Read more

Faravelliratti - Lieu (Boring Machines/Coriolis Sound, 2010)

Collaborazione che mette assieme due nomi conosciuti da molti dei nostri lettori ovvero Attila Faravelli, alla cabina di regia di…

02 Sep 2010 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Lip Colour Revolution - S/T (Suoni Sommersi, 2008)

Dopo oltre due anni di gestazione e vari cambi di formazione esce finalmente l'esordio degli italianissimi Lip Colour Revolution.…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

JK Flesh – Posthuman (3by3, 2012)

È bello ogni tanto ritrovare certezze che non siano le solite, inutile reunion di gruppi zombie, più o meno in…

20 Sep 2012 Reviews

Read more

Gazebo Penguins - Legna (To Lose La Track, 2011)

Due anni fa al Tago Mago Fest ho avuto la fortuna di imbattermi in un live di un power trio…

21 May 2011 Reviews

Read more

Camion - A Serenade For Yokels (Autoprodotto, 2011)

Appena mi è capitato fra le mani il disco di questo terzetto romano non ho potuto non pensare che avessero…

27 May 2011 Reviews

Read more

Masoko - Bubu'7te (Snowdonia, 2006)

Se non avessi dei chiari preconcetti sui rigidi preconcetti dei signori padroni di Snowdonia, svilirei l'annessione dei Masoko nei propri…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

Smart Cops - Per Proteggere E Servire (La Tempesta, 2011)

Inizia, continua e finisce tiratissimo Per Proteggere E Servire degli Smart Cops. Il quartetto, che nonostante i pochi anni di…

12 Feb 2011 Reviews

Read more

Kinit Her - The Poet & The Blue Flower (Avant!,…

Una sorta di avvicinamento (super) uomo/natura, testa fra le nuvole, seduto su vette altissime e purissime: questa la copertina (opera…

18 Oct 2013 Reviews

Read more

Adam's Castle - Vices (Tripel Down, 2012)

C'è di buono che la mia curiosità spesso mi porta a conoscere cose un pò strane, difficilmente mi serviranno nella…

06 Sep 2012 Reviews

Read more

Il Buio - S/T EP (Hate Recording Studio, 2010)

Cinque ragazzi dalla provincia di Vicenza pubblicano cinque canzoni per il loro esordio a nome Il Buio: il nome del…

25 Sep 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top