Ffatso – Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed il fatto che molti dei musicisti che ruotano attorno all’etichetta abbiano un piede in questo ambito non è un mistero per nessuno. Jazz…off? Nì, nel senso che rispetto alla roba che gira in Italia è sicuramente materiale "spinto", ma giusto perché vale sempre il solito discorso sul jazz da "serata culturale della piccola pro-loco": grossi nomi che se va bene fanno uno show anestetico a botte di standard reinterpretati soft e/o pedissequi perché bisogna portare a casa il soldo facile… e la moglie del sindaco e l’ "asesur" il giorno dopo sono ben felici di raccontare di aver visto "il concerto jazz" agli amici.
Tutto questo accade a patto che non si siano frantumati ovaie e palle a vedere qualcosa che comunque mediamente non capiscono (e qui Chet Baker di Come Se Avessi Le Ali su Minimum Fax sarebbe una lettura illuminante), non gli interessa particolarmente e vanno a vedere il concerto perché fa "serata de gurtura". Bene, detto questo, Mano Nera è nero per davvero ed al di là delle assonanze il disco si muove su di un groove cupo e molto notturno che ricorda molto jazz "after midnight", quindi materiale che spesso finisce nelle colonne sonore dei noir o che va bene per i film con Sidney Poitier: fumo, la downtown che si muove, i bassifondi che pulsano e il groove a fargli da sottofondo punteggiato da qualche bella sirena della polizia e dal traffico, e De Niro può continuare imperterrito a guidare il taxi ed a pensare quando verrà il diluvio universale a spazzare via la feccia dalle strade. I Ffatso sono un classico trio sax, basso, batteria: per mia ignoranza non conosco Stefano Colli, mentre Stefano Ferrian, che qui suona il sassofono, è il chitarrista degli Psychofagist (uno dei miei gruppi grind preferiti del momento), e Dominik Gawara ha inciso materiale di un certo spessore sempre su Setola Di Maiale, sia in solo che come GBUR. Non hard-jazz quindi, ma riff di basso che macinano su una batteria solitamente lontana dal free e che sviluppa il tema in modo molto progressivo, dando molto peso sia agli accenti sia alle ripetizioni, infatti Gawara e Colli preparano l’impasto di una torta su cui Ferrian può mettere le decorazioni che vuole, nonostante non si tratti per nulla di un disco in cui il sax risulta staccato dal resto della formazione, anzi, anche quando giocano nel campo del free si sente che i tre si integrano perfettamente a livello stilistico: nessun solo prolungato oltremisura, nessuna parte protratta per il semplice gusto del divertissment da musicista, zero attitudine al "facciamo casino" e/o alla "guarda quanto sono bravo". Per quel che riguarda le definizioni questo nel bene o nel male è jazz, e credo che ci sia poco a che ridire in merito al termine, non è musica particolarmente soft ma ben distante da quello più ostico e ruvido; roba cupa che si sposerebbe perfettamente con la nebbia prodotta dai fumi dell’alcool.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Celtic Frost - Monotheist (Century Media/Prowling Death, 2006)

Quante volte Thomas G. Warrior ci avrà rimuginato sopra negli ultimi dieci anni? Me lo sono spesso domandato. Molte volte…

29 Jul 2006 Reviews

Read more

Larva 108 - 99.09 Inside The Stones (Greytone, 2010)

Dopo dieci anni di registrazioni Greytone pubblica una raccolta di Larva, al secolo Guido Bisagni, dando l'opportunità di ascoltare pezzi…

09 Feb 2011 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more

The Hand To Man Band - You Are Always On…

La sola parola supergruppo credo faccia mettere mano alla fondina a più di un lettore... e invece questa volta dietro…

06 Nov 2012 Reviews

Read more

Robert Lepenik - Postepeno (God/Entr'acte, 2012)

Robert Lepenik è un musicista austriaco attivo da parecchio tempo in diversi ambiti: partendo dal suonare la chitarra nel gruppo…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Lakes - Blood Of The Grove (Avant!, 2013)

Dietro la sigla Lakes si nasconde nell'oscurità goth Sean Bailey, australiano che ruota dalle parti di Melbourne. In Blood Of…

16 Sep 2013 Reviews

Read more

OvO - Cor Cordium (SuperNaturalCat, 2011)

Non so davvero se o cosa possa definirsi queer metal (in riferimento alle recenti interviste cartacee rilasciate dal gruppo):…

18 Apr 2011 Reviews

Read more

Obits - Bed & Bugs (Sub Pop, 2013)

Gli Obits non sono ragazzini da un pò, ma si ritrovano perfettamente a loro agio nell'essere etichettati come naviganti in…

09 Oct 2013 Reviews

Read more

Murcof + Duke Garwood – 12/10/12 Teatro Smeraldo (Valeggio Sul…

L'associazione Humus di Valeggio sul Mincio (VR) inizia la stagione del decennale con un concerto del messicano trapiantato in Europa…

26 Oct 2012 Live

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che…

21 Feb 2018 Reviews

Read more

Forever Idle Forever Idol - Volume Two (Kosmik Elk Mind,…

Altra cassetta Kosmik Elk Mind, altro bel reperto ed anche in questo caso si tratta di un lavoro semplice, ruvido…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

Soft Black Star & Zeno Gabaglio/Mike Cooper – The Good…

Incidenti a catena sulla strada della Old Bicycle: con questa cassetta siamo giunti alla settima uscita della serie Tape Crash,…

17 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top