Father Murphy – Rev. Freddie Murphy, C. Lee And Vicar Vittorio Demarin As Father Murphy Play Veronica Azzinari’s Engravings Inspired By Chymische Hochzeit Christiani Rosencreutz Anno 1459 (Corpoc/Terracava, 2014)

Questa è l’ultima testimonianza dei Father Murphy in trio e ammesso esista il concetto di normalità nella produzione del gruppo trevigiano, non poteva essere un disco qualsiasi: la musica rappresenta solo metà del lavoro, essendo destinata ad accompagnare alcune incisioni di Veronica Azzinari ispirate al terzo manifesto della Confraternita dei Rosacroce. Un manufatto che si pone a metà strada fra musica ed arti visive – trattasi di un 12” one side in lussuosa edizione serigrafata a mano con copertina apribile e volume illustrato accluso – potrebbe essere la simbolica rappresentazione del bivio che ha portato i membri del gruppo su due strade differenti, più musicale quella del Reverendo Murphy e di Chiara Lee, che conservano il nome, orientata alla multimedialità quella del vicario Demarin.
Forse non è però il caso di caricare di significati altri un’opera che di suo si presta ad essere letta su vari livelli. Il titolo chilometrico dà già molti riferimenti e quello che rimane non è facile da spiegare: Le Nozze Alchemiche di Christian Rosacroce è un romanzo allegorico pubblicato nel 1616, un viaggio iniziatico alle sorgenti dell’esoterismo; da qui parte Veronica Azzinari, che si fa ispirare nella realizzazione di 15 incisioni a colori, divise in gruppi di cinque, separati da tre sigilli in bianco e nero; sono figure misteriose, simboliche e ieratiche, che emergono con fatica dalle pagine ocra. Intimamente legata alle immagini è la musica: in sé dice poco, ma ascoltata sfogliando le pagine del volume assume tutt’altro significato e sembra dar vita alle figure che abbiamo davanti agli occhi. La suite strumentale di 10’10” è anch’essa divisa in tre parti, ognuna introdotta da un rumore di chiavistelli: nel primo movimento, fra battiti riecheggianti e rumore di passi, un drone gorgogliante procede a scatti, per poi interrompersi improvvisamente; un ritmato clangore di catene con qualche fugace inserto di synth è tutto ciò che troviamo nella seconda stanza; nell’ultima parte delle note di piano sommesse e notturne si alternano a una cupa marcia nuziale. Un rumore indistinto, che potrebbe essere tanto un vagito quanto lo scricchiolio di una porta, conclude la composizione. Non ci sono risposte, ovviamente e qualsiasi interpretazione è destinata a rimanere solo una fra le tante. Resta, per i 200 che faranno loro una copia, un oggetto affascinante, non semplicemente ispirato a un testo esoterico, ma oggetto esoterico esso stesso.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Horace Pinker - Local State Inertia (Arctic Rodeo, 2011)

Accidenti da quanto non sentivo gli Horace Pinker, non è neppure così strano che finiscano per uscire per la Arctic…

21 Dec 2011 Reviews

Read more

Il Babau e I Maledetti Cretini – Il Cuore Rivelatore…

Secondo fonodramma della trilogia dedicata dichiaratamente ad Edgar Allan Poe che la band meneghina sviluppa anche stavolta attraverso un booklet…

10 Feb 2017 Reviews

Read more

Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel…

29 Mar 2017 Reviews

Read more

Xiu Xiu + Three In One Gentleman Suit - …

Ci sono gruppi che, pur apparendo a fine corsa per quel che riguarda la qualità delle produzioni discografiche, vale sempre…

09 Nov 2012 Live

Read more

Gräfenberg - The Grind Album (Solitude Beast, 2010)

Dopo i Crampi Punk, i Void, i Kermit e la cronaca nera condita a botte di amianto ecco qualcosa di…

05 Jan 2011 Reviews

Read more

Putiferio - Ateateate (Robotradio, 2008)

Altro gruppo per il quale partivo prevenuto in base al nome e cri**o i**io non è un buon segno! Spero…

05 May 2008 Reviews

Read more

Persian Pelican - How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo…

23 Jan 2013 Reviews

Read more

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Joan And The Sailors – Home Storm (Little Jig, 2013)

Leggendo la press sheet mi sono fatto traviare e ho subito pensato che il (secondo) lavoro della formazione…

21 May 2013 Reviews

Read more

The Star Pillow - Symphony For Intergalactic Brotherhood (Boring Machines,…

Cosa si può ancora dire della musica di The Star Pillow? Col suo progetto Paolo Monti  esplora le possibilità espressive…

11 Aug 2018 Reviews

Read more

Miriam In Siberia - S/T EP (Autoprodotto, 2006)

Ho una sana allergia per l'indierock cantato in italiano: voci che richiamano sempre troppo qualche altro cantante che al momento…

30 Jan 2007 Reviews

Read more

Tomografia Assiale Computerizzata - Senza Titolo (Sometimes, 2011)

Più conosciuti come T.A.C., i Tomografia Assiale Computerizzata rientrano a pieno titolo nei gruppi leggendari dell'ondata sperimentale della musica italiana.…

05 Oct 2011 Reviews

Read more

Girl Talk - Night Ripper (Illegal Art, 2006)

Quando ci sei dentro non puoi più scappare. A volte la musica è il nostro stupido e frenetico amore per…

02 Apr 2007 Reviews

Read more

Pivot Quartet – Emissions (Chmafu Nocords, 2012)

Regala sempre belle sorprese l'etichetta austriaca Chmafu Nocords, senza mai fissarsi su un genere o una formula predefinita ma sempre…

24 Jul 2012 Reviews

Read more

Jane & The Magik Bananas - Inscrutable Intentions (Unrock, 2020)

Dopo un lungo periodo di silenzio ritornano i Jane & The Magik Bananas, impro trio dal nome rock’n’roll formato da Sam…

28 Apr 2020 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 12 (08/01/15)

Dodicesima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano in solitudine presenta una selezione di brani da dischi comperati…

12 Jan 2015 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top