Father Murphy – Brigadisco’s Cave #6 (Brigadisco, 2011)

Date le derive che sta prendendo, non da oggi, la società, è plausibile pensare che certi ambiti verranno ad assumere funzioni che prima appartenevano ad altri. Praticamente da sempre la musica, almeno certa musica, porta con sé afflati spirituali, che si incarnano in canzoni di lode in chiave pop di certi artisti più o meno ortodossi, o in psichedeliche cavalcate di qualche musicista neo-pagano o orientaleggiante. In questo ampissimo ambito, i Father Murphy fanno categoria a sé.
I tre veneti spingono il discorso ancora più in là: il tema spirituale è chiaramente presente, ben esplicato dai testi, ma il termine più adatto a descrivere la loro musica è “liturgico”, un termine certamente scomodo in tempi in cui alle religioni si chiede autonomia dagli schemi e dalle gerarchie. Non che i Father Murphy siano chierici di qualche chiesa, ma la loro musica trasmette un senso di stoica disciplina che contrasta coi sincretismi libertari di oggi, proponendo una visione di austerità quasi monastica, per quanto probabilmente eretica (ammetto di aver da sempre trovato i loro testi di difficile interpretazione). Spiritualità e disciplina: riuscite a pensare a qualcosa di più fuori moda? Tutto questo, che nei dischi si intuisce bene, dal vivo vi apparirà lampante, grazie a esibizioni che sono percorsi espiatori, crude rappresentazioni che non cedono mai al compiacimento e che sanno trasfigurare in raccolti eremi anche i luoghi più freddi (non è comunque il caso della Brigadisco Cave, un antica grotta/frantoio dalla particolarissima acustica). Quello che ci si domanda a questo punto è se una simile atmosfera possa essere catturata su disco live. Beh, la risposta è impietosa, oltre che scontata, il che non vuol dire che questo non sia comunque un buon album, che ripropone quasi per intero l’ultimo EP (rimane fuori solo la cover di Leonard Cohen) e quattro pezzi da …And He Told Us To Turn The Sun, fornendo versioni diverse rispetto ai dischi, più scarne e dilatate, ulteriormente valorizzate dal particolare ambiente sonoro in cui sono state ottimamente registrate. Al di là del contenuto è notevole l’oggetto in sé, un vinile in tiratura di 400 copie (di cui 111 in vinile colorato) e bella copertina illustrata da Rocco Lombardi e serigrafata a mano. Buono sia per i fan, sia per chi si avvicina al gruppo per la prima volta.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - L'Antologia Funk, Dagli Anni 70 Ad Oggi (Cramps,…

Ernesto de Pascale ed il prode Bobby Soul assemblano questa doppia raccolta su Cramps con trentatre tracce per altrettanti artisti:…

14 Jun 2010 Reviews

Read more

Little Black Dress - Dunes EP (Idol, 2013)

Gli EP sono creature strane. Benedetti se si deve parlare di qualcosa che è mediocre, terribilmente dolorosi se si tratta…

02 Aug 2013 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

La Teiera Di Russell - NMR (DreaminGorilla/Scatti Vorticosi/Vollmer/Tanto di Cappello,…

Un fitto tessuto di parole mutuate da situazioni non musicali, questo l'intro - e l'outro - di NMR, primo lavoro…

30 Dec 2015 Reviews

Read more

Uomoman - Digital Kind Of Guy (Wallace/Blackbug/Il Verso Del Cinghiale/Villa…

Se i Quasiviri fossero un gruppo sul viale del tramonto anziché gli autori di un’opera maiuscola come Super Human, non…

22 May 2015 Reviews

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Humcrush - Enter Humcrush (Shhpuma, 2017)

A sei anni di distanza da HA!, collaborazione con la singer e improvvisatrice Sidsel Endresen, il duo Humcrush pubbica il…

23 Apr 2018 Reviews

Read more

Owen Tromans - Hope Is A Magnet (Sacred Geometry, 2007)

La bella copertina bianco celeste raffigura un flipper con un magnete, il titolo è all'insegna dell'ottimismo, così come i…

13 Jun 2008 Reviews

Read more

Adriàn Juarez & Zenlu - Random Trip (Chew-Z, 2008)

Proprio di recente comprando un vecchio Nurse With Wound sono ritornato per la miliardesima volta a pensare quanto cazzo fosse…

24 Apr 2008 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Robert Lepenik - Postepeno (God/Entr'acte, 2012)

Robert Lepenik è un musicista austriaco attivo da parecchio tempo in diversi ambiti: partendo dal suonare la chitarra nel gruppo…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Walter Schreifels - an open letter to the scene (Arctic…

Spero che il nome non vi sia nuovo, perchè per gente che ha bazzicato nel circuito hardcore o che ha…

06 Jul 2010 Reviews

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

Kinit Her - The Poet & The Blue Flower (Avant!,…

Una sorta di avvicinamento (super) uomo/natura, testa fra le nuvole, seduto su vette altissime e purissime: questa la copertina (opera…

18 Oct 2013 Reviews

Read more

Gli Putridissimi/Luther Blissett – Split (FromScratch/Hysm/Ashame/Eclectic Polpo/Charity Press, 2012)

Cassetta in limitatissima edizione, novanta copie appena, per cui conviene sbrigarsi, inventarsi un modo per contattare i gruppi coinvolti e…

29 Nov 2012 Reviews

Read more

Remora – Derivative (Gear Of Sand, 2009)

Nome dietro cui si nasconde il solo Brian John Mitchell (boss della Silber Records) con la sua chitarra e i suoi…

21 Nov 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top