Fabio Fazzi – Shattered Worlds / Nunavut – Diurnal Course (Asbestos Digit, 2020)

Due interessanti pubblicazioni targate 2020 dalla prolifica Asbestos Digit.
La prima è quella di Fabio Fazzi, musicista di area elettronica sperimentale, che già si era fatto notare con l’album Harsh Communication del 2019, lavoro con il quale imbastiva un personale connubio di trame sintetiche, manipolazioni rumoriste e armonie inconsuete, mostrando qualità stilista ed eleganza di vedute. Shattered Worlds con le sue leggere linee armoniche, gli sprazzi minimalisti e le teorie candidamente disperse, ne prosegue la ricerca spingendo stavolta il suono attraverso riflessioni distopiche: le 5 tracce dell’album rendono infatti palpabile la percezione di un mondo che va alla deriva (e con esso tutte le nostre certezze), traducendo la fragilità dell’esistenza contemporanea in un tripudio destabilizzante di allitterazioni sonore e riverberi vorticosi. Un discorso reso ancora più inquietante dalla scelta di metaforizzare qualsiasi legame terreno in una tensione evanescente; persino le morbide note di un pianoforte trasfigurano in una progressiva trasparenza. Allo stesso tempo, però, la linea melodica emerge non solo come ricordo della perdita, ma anche come ultimo frammento di speranza a cui aggrapparsi nel graduale disfacimento del tutto. Un lavoro gestito con stile solido e sincera passione melanconica.
Altre sensazioni positive arrivano dal nuovo album dei Nunavut, formati da Gianni Faluomo (piano, synth), Dabrowka (rumori) Ravich Ravic (percussioni) e Antti Jussila (mallets). Come prima cosa, tuttavia, devo subito dissentire con la presentazione della label, che definisce il genere dell’ensemble con il termine hypna-prog. Dentro Diurnal Course non troverete del citazionismo sterile à la James Ferraro post-Skaters, ma partiture che mescolano si generi differenti e teorie blobistiche, ma agite con una  un rigore compositivo modern classical che rende le stratificazioni concrete e accattivanti. Senza perdersi in fantasticherie che lasciano il tempo che trovano, il quartetto costruisce una musica ondivaga ma dalla consistenza coriacea, nella quale confluiscono derive terzomondiste, lamine siderali, aperture orchestrali, droni cibernetici, Ligeti in tutte le sue sfumature, tribalismi vari, dilatazioni iperspaziali ed elucubrazioni sciamaniche. E tutto scorre maestosamente. Insomma, qui si parla di roba fatta bene, non di altro.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Russell And The Wolf Choir - The Ivy Leaf Agreement…

Cinque brani per Russell And The Wolf Choir, direttamente da Romford, ormai periferia nordest di Londra: la musica sembra però…

18 Dec 2014 Reviews

Read more

Gerda - Cosa Dico Quando Non Parlo (Shove/Wallace/Donna Bavosa/Concubine/Sons Of…

Avevamo lasciato i Gerda ad un buon esordio e li ritroviamo riveduti e più calibrati anche al giro di boa.…

27 Aug 2007 Reviews

Read more

Erdem Helvacıoğlu, Şirin Pancaroğlu - Resonating Universes (Sargasso, 2011)

Nuovo capitolo per Erdem Helvacıoğlu, inarrestabile compositore turco che si muove fra musica colta e colonne sonore. Per chi di…

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Anelli/Beauchamp/Cauduro - Sometimes Someone Watches (LTD CD, Chierichetti 2022)

Di primo acchitto sembra di sentire il suono di un serpente agitarsi, poi il suono si accartoccia al buio, matenendo…

14 Jun 2022 Reviews

Read more

Johnny Mox - Obstinate Sermons (Woodworm/Audioglobe, 2014)

Ci sono voluti due anni al reverendo Johnny Mox per dare fare uscire il nuovo disco, ma sono stati anni…

22 Jan 2015 Reviews

Read more

Bexar Bexar - Tropism (Own, 2007)

Normalmente quando leggo di un disco in cui la chitarra acustica la fa da padrona sono sempre un po' scettico,…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

Billy Torello – Ultime Notize Dalla Tartaruga, Chitarra Vol. 2…

Il fingerpicking non è una cosa nuova, tutt'altro, ma dalle nostre parti, contrariamente a quanto accade altrove, è un genere…

11 Dec 2012 Reviews

Read more

L'Altra - Telepathic (Acuarela Discos, 2011)

Il progetto L'Altra, con base a Chicago, torna dopo ben sei anni di silenzio, tanto che credevo che la band…

14 Apr 2011 Reviews

Read more

X-Mary - Crudité (Wallace, 2014)

Tornano i nostri freak preferiti con il caratteristico twist di filastrocche un po' weird e un po' geniali. A dispetto…

11 Mar 2015 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Mashrooms – S/T (Wild Love, 2011)

In maniera tutt'altro che banale i siciliani Mashrooms riescono nella difficile impresa di fare un disco che, pur muovendosi in…

27 Sep 2011 Reviews

Read more

Bill Dolan / JBe Split 7" (Sixgunlover, 2010)

Che se c'è un gruppo che non ho mai capito perchè non è capostipite di una filiazione di dei in…

20 May 2010 Reviews

Read more

A Dog To A Rabbit - S/T (Lady Lovely, 2010)

Interessante peculiarità quella della Lady Lovely che come per Betzy anche con A Dog To A Rabbit  sforna una band…

16 Feb 2010 Reviews

Read more

Malkomforto - S/T (Taxi Driver/Dischi Decenti, 2016)

Delicato screamo tardo anni Novanta per una band presumibilmente giovane che arricchisce il proprio disagio urbano attraverso una malinconica e…

06 Apr 2017 Reviews

Read more

Bear Claw - Slow Speed: Deep Owls (Sickroom, 2007)

Ascoltando I Bear Claw come sempre ero ignaro di chi fossero e da dove venissero, perché se leggo i comunicati…

20 Oct 2007 Reviews

Read more

Camusi - S/T (Setola Di Maiale, 2007)

Credo che molti di voi conoscano Stefano Giust e Madame P e se così non fosse li inquadreremo dicendo che…

30 Sep 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top