Enabler – All Hail The Void (Southern Lord, 2012)

Mi ero ripromesso di non cagare di striscio nessun disco della Southern Lord che presentasse una copertina nera e contenesse il suffisso “-core” nella descrizione della musica del gruppo. L’ennesimo pastone crust/metal revival di terza mano mi avrebbe davvero rovinato l’autunno. Ma non di soli mattoni si vive ed ecco che  arriva gradita la sorpresa degli Enabler, band di Milwaukee che regala un bel dischetto. Pregi immediati: non fanno quell’indefinito ibrido crust/black metal che stufa dopo due minuti, suonano abbastanza vari pur facendo “hardcore”, e soprattutto non hanno pretese di fare pezzi introspettivi e progressivi da 27 minuti. Gli ingredienti di partenza rimango sempre i classici: due torrenti, hardcore e metal, che a tempi alterni si gettano in fiume, ossessivo, impetuoso, dai bagliori d’acciaio. Musica potente, non sempre veloce ma sfiancate, fatta con una certa conoscenza della materia e capace di pungere. Laddove le ultime uscite dell’etichetta avevano svuotato fino all’osso un genere monolitico e già di per sè scarno come il crust, gli innesti metallici, rifferama potente e interessante, i tempi marziali e una voce al limite ma ben bilanciata, ridanno longevità agli ascolti di un prodotto violento ma quasi mai inascoltabile. Dietro le pelli un certo Andy Hurley, noto come batterista dei poppettari Fall Out Boy ma già responsabile delle ritmiche di una autentica band culto come i vegan-straight edge Racetraitor, detta legge e sposta il baricentro verso certo new-school oltranzista anni 90′ che ispessisce ulteriormente il valore, già discreto del disco. Sotto la pioggia di riff solidi e alienanti non può che far piacere riassaporare l’algido rintocco di storiche band come i Disembodied: sia chiaro, siamo ben lontani da capolavori come If God Only Knew The Rest Were Dead, Diablerie o Heretic. Ma la fangosa cattiveria covata e poi fatta deflagrare, come il gruppo di Minneapolis ha insegnato, conferisce una trasversalità e uno spessore inattesi a un disco che supera ampiamente la sufficienza. Non fondamentali ma gradevoli, un’occasione per riscoprire chi, quasi vent’anni fa rivoluzionava un genere e, ancora oggi, risente di un colpevole oblio.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Massa Sonora Concentrata – Boe (Setola Di Maiale, 2015)

È terra estrema la Sardegna, in senso geografico e culturale, terra di confine e di confini. Se dall’isola ci sono…

18 Dec 2015 Reviews

Read more

The Maniacs - S/T (Against ‘Em All, 2009)

Rabbioso esordio di power-punk meneghino da parte dei Maniacs. La furia e la sicurezza con cui masticano la materia…

04 Dec 2009 Reviews

Read more

Iceburn/Ascend/Eagle Twin: la poetica del ghiaccio e del fuoco di…

Riprendiamo e concludiamo il racconto delle vicende di Gentry Densley e delle sue creature, ripartendo dall'ultimo periodo degli Iceburn, quello…

06 Mar 2012 Articles

Read more

Satan Is My Brother - S/T (Autoprodotto, 2006)

"777 the neighbour of the beast" recitava una vecchia maglietta degli House Of Pain, tempi in cui l’hip hop era…

28 Nov 2006 Reviews

Read more

Om – God Is Good (Drag City, 2009)

Con un titolo che li proietta di prepotenza nel pantheon del rock cristiano a fianco di nomi come Stryper e…

18 Dec 2009 Reviews

Read more

Heliogabale - Blood (Les Disques Du Hangar, 2010)

Un gruppo particolare gli Heliogabale, di cui avevo del vecchio materiale ma che era un po' che non sentivo nominare:…

09 Oct 2010 Reviews

Read more

Kaouenn - Mirages (Beautiful Losers/Bloody Sounds Fucktory, 2021)

Secondo lavoro per il connazionale Kaouenn ormai trapiantato oltralpe da qualche anno. Mirages è un autentico meltin' pot musicale che…

23 Mar 2021 Reviews

Read more

Albert Mudrian – Choosing Death (Tsunami, 2009)

Lentamente anche da noi le case editrici vanno colmando le lacune in materia di musica estrema, o comunque non legata…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Plakkaggio - Verso La Vetta (Time To Kill/Hellnation, 2022)

L'eterno ritorno. Chris Nunnos e Gabbath si riaffacciano con band rimaneggiata, ma sempre fedele al metallo più puro e classico.…

22 Mar 2022 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - (B)Haunted (Silentes, 2014)

Ogni tanto è utile un ripasso della fitta discografia di Gianluca Becuzzi, specie per quei titoli pubblicati in edizioni strettamente…

29 Sep 2014 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

The Psychic Paramount – II (No Quarter, 2011)

Formati da 2/4 dei Laddio Bolocko, il chitarrista Drew St. Ivany ed il bassista Ben Armstrong, a cui va ad…

27 Mar 2011 Reviews

Read more

Casa Del Mirto – 1979 (Mashhh!, 2011)

I pomeriggi da piccolo, quando giocavi con gli amici senza stancarti mai, dove pure le giornate non finivano più. Il…

12 Mar 2011 Reviews

Read more

Mary Lattimore - Hundreds Of Days (Ghostly International, 2018)

Mary Lattimore è riuscita dove molti hanno fallito, infatti suona l'arpa senza risultare né inutilmente virtuosa, né troppo classica, né…

10 Jun 2018 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Threatening Fragments From Four Boulders (Sincope, 2014)

Non è facile star al passo con le uscite dei Grizzly Imploded e delle loro varie filiazioni, specie per chi,…

04 Jun 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top