since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Elisabeth Schimana – Sternenstaub (Chmafu Nocords, 2013)

Chamfu Nocords pubblica il primo lavoro completamente in solitaria per Elisabeth Schimana, tutto dedicato alla creazione dell’universo, tema di sicuro impegnativo che la nostra affronta nel più teutonico dei modi: studio, rigore e impegno. Il titolo del disco è traducibile in inglese con stardust, che sottotitola l’opera assieme a “pulisating – imploding – exploding – and we feel safe within the solar particle storm”. In effetti il lavoro della Schimana parte dagli scritti di Stephen Hawking sul tema e compone le live electronics attraverso l’uso di sei diverse sorgenti sonore, che rappresentano i vari elementi in gioco nella creazione (stelle, esplosioni, vento solare, particelle…) e vengono miscelati di volta in volta diversamente in un sistema audio multicanale: ogni rappresentazione è quindi unica e mescola le carte in tavola; gli ascoltatori possono muoversi liberamente tra due anelli di casse concentrici. Ma… dal punto di vista sonoro che effetto fa? La registrazione della performance all’ESC Graz del 2012 di sicuro è generosa con il drone di bassissime frequenze circolari (che dovrebbero rappresentare il sole) e di contorno offre sfrigolii di alte frequenze assortiti… rilassante ed estatico, ma di sicuro molto più suggestivo dal punto di vista live che all’ascolto casalingo.

Tagged under: ,

Leave a Reply

Back to top