dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS – 4 (Eclectic Polpo, 2012)

E’ una grande sorpresa l’ascolto di questo entusiasmante combo portoghese dall’impossibile nome di dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS (si, so cosa significa, qualche anima buona mi ha spiegato, in ogni caso non è difficile scoprirlo). 4 è un concentrato adrenalinico di jazz core, funk, free e art rock che difficilmente lascerà intatte le vostre orecchie. L’iniziale 33 Anos Sem Dormir è un buon inizio: contorsioni di sax, basso devoluto, chitarre acide, ma è dalla successiva Amargana che il gruppo preme veramente sull’acceleratore per non fermarsi più. E’ questo pezzo una sorta di score da b-movie guidato dai sax che divampa improvvisamente e si frantuma contro qualcosa che assomiglia ad un riff industrial-metal per poi crescere ancora, sempre con quel sax fantastico e un incrocio strumentale semplicemente perfetto tra chitarre acide e progressive, ritmiche possedute, tastiere da assenza di gravità: 4 minuti e 21 secondi di terremoto. Quindi Corta Unhas: chitarre dissonanti, tastiere ludiche, basso frantumato, vetri rotti, uno scherzo di un paio di minuti prima di passare a Encephalia Espongiforme, dove il suono torna alle coordinate di Amargana: un altro epocale crescendo di fiati, groove di basso e batteria assassino, strambe chitarre acide, stacchi free rotti da improvvisi break noise. E poi ancora le escrudescenze di Feng Chui, fiati e chitarre pesanti, stacchi matematici: forse il pezzo più rock e standard del lotto, che rimane comunque un gran sentire. Al contrario Nacho Vidal sembra essere invece il pezzo più free, tutto un gioco di distorsioni di sottofondo e ottoni e flauti che si incrociano psichedelici sopra un letto di rumore e all’improvviso, nel finale, un assurdo cambio demenziale in stile Skin Graft. A concludere il disco ci sono i 21 e passa minti di Movimento que Vai e Vem de um Ponto a Outro, praticamente una durata pari al resto del disco, dove la musica, più vicina alla forma dell’improvvisazione, ha le sembianze di una lunga jam dilatata tra scorie di rumore, ritmi che si rompono poco dopo essere stati accennati per poi trasformarsi in lunghe cavalcate percussive e quindi tornare a sfilacciarsi e frantumarsi, mentre le chitarre costruiscono muri di noise come mai nel resto del disco, per infine lasciare al sax l’onere di chiudere questo tour de force sonoro con uno spiazzante e malinconico solo free. Non so quanta visibilità possano avere questi dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS, certo è che 4 è un disco che varrebbe la pena cercare e fare proprio. Ascoltateli qui http://duassemicolcheiasinvertidas.bandcamp.com/ e passate parola!

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Daniele Brusaschetto – Flyng Stag (Wallace/Bandageman/Bosco/Solchi Sperimentali, 2019)

Non c’è traccia di nostalgia nel ritorno metallaro di Daniele Brusaschetto. D’altra parte, perché averne? Lui il genere l’ha sempre…

05 Nov 2019 Reviews

Read more

White Hex - Heat (Avant!, 2012)

I White Hex sono un duo australiano composto da Tara Green e Jimi Kritzler, per un po' di tempo di…

11 Jan 2013 Reviews

Read more

Airportman - David (Lizard, 2014)

Atmosfere di cupo minimalismo accompagnano David, concept degli Airportman legato al tema della morte, in particolare alla storia di un…

24 Feb 2015 Reviews

Read more

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more

Insect Kin - Endless Youth And Other Disease (Autoprodotto, 2008)

Volonteroso quartetto lombardo che ancora crede nel grunge più puro ed intransigente. Riff ossessivi, taglienti, sofferti, quasi a voler…

24 Dec 2008 Reviews

Read more

Attilio Novellino/Drekka/Simon Balestrazzi/Ennio Mazzon - Quadrature (Under My Bed, 2017)

Si raffina con gli anni il concetto di compilation, da sempre un tipo di uscita caro ad Under My Bed:…

29 Jan 2018 Reviews

Read more

Current 93 - Aleph At The Hallucinatory Mountain (Durtro, 2009)

Riprende il largo la nave dei folli di David Tibet e dopo aver veleggiato, col precedente Black Ships Ate The…

22 Jun 2009 Reviews

Read more

TV Buddhas – S/T (Troast, 2010)

Mickey Triest, batterista dei TV Buddhas, è una gran rompiballe, ci annuncia il comunicato stampa (redatto dal marito, nonchè chitarrista…

05 Apr 2010 Reviews

Read more

Tiziano Milani - Music As A Second Language (Setola Di…

Vera sorpresa quella di Tiziano Milani, per una serie di casi della vita nel giro di pochi mesi passo dal…

02 Aug 2007 Reviews

Read more

My Dear Killer - The Cold Plan (Under My Bed/EeeE,…

Terzo disco per My Dear Killer, ovvero Stefano Santabarbara, che con il tempo affina sempre più le sue doti: il…

23 Mar 2018 Reviews

Read more

Paolo Cantù/Xabier Iriondo – Phonometak Series #10 (Phonometak/Wallace, 2012)

Decima uscita e capolinea per la serie in 10” di Wallace Records e Phonometak. Per il commiato le due anime…

21 Sep 2012 Reviews

Read more

Meshuggah - ObZen (Nuclear Blast, 2008)

Attesissimo ritorno per la band scandinava che, contrariamente al loro stile, si ripropone in un lavoro lineare e, apparentemente,…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

AA.VV. - No Abiding Place (Afe, 2006)

Sebbene non si possa parlare di un who’s who della dark ambient, No Abiding Place comprende alcuni dei nomi più…

26 Sep 2006 Reviews

Read more

Neunau – Il Ciclo Del Vuoto (Boring Machines, 2019)

In un mondo sempre più indistinto e superficiale un progetto come Neunau, che già avevamo conosciuto con l’EP di un…

12 Jul 2019 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti ‎- Some Songs (Backwards, 2014)

Un dodici pollici inciso su un lato solo, con serigrafia sul lato B e copertina con foto di Fabio Orsi:…

16 Jun 2015 Reviews

Read more

Wolfnuke – Nightwar (Crucial Blaze, 2010)

Il metal-core che piace a noi. Eh, sarà che siamo vecchi, ma le porcherie alla Hatebreed e compagnia, chuggachugga da…

30 Jun 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top