Drieu – La Distruzione (Autoprodotto, 2019)

Strano a dirsi, ma mettendo insieme esponenti del miglior post-HC (Burning Defeat), dello storico HC italico (Crash Box), dell’oi! più duro (Erode) e dell’elettronica meno ascoltabile (Wertham) può capitare salti fuori un post punk elegantemente demodé, perfettamente calato nel ruolo di veicolo – non potrebbe essere altrimenti con una tale ragione sociale – della parola. Drieu, ispirato da grandi scrittori non allineati – quelli che, ad anni dalla scomparsa, tirano ancora matte le anime belle fautrici di un’arte e una cultura moralizzate – parla chiaro, motivando la propria posizioni di non solidarietà al presente. Non è tanto l’iniziale Dichiarazione, un po’ stucchevole, a dar senso e credibilità alle idee che animano il progetto, quanto l’intero percorso dell’album che passa per i furiosi paradossi di La Confessione, per una Presa Di Posizione che profuma di suicidio, per gli echi stirneriani di una poco accomodante Soluzione e per il crudo testamento di L’Estinzione, che prima dell’addio si toglie la soddisfazione di rovesciare tutti i valori comunemente accettati. È una via crucis che si chiude col sofferto noise-rock de La Distruzione – inevitabile punto d’arrivo benedetto da Céline e Dante Virgili – e lungo la quale la morte fa continuamente capolino, presenza utile, se non proprio a dar senso, quanto meno a circoscrivere e definire l’esistenza. Non così nichilista come potrebbe apparire a un primo ascolto, morale senza scadere nel moralismo (“parole vecchie, lo so, parole strane, lo so” recita L’Estinzione), Drieu è lontano dall’ormai abusata pratica del provocare e si pone piuttosto come erede dei Disciplinatha problematici di Nazioni  nonché come compagno di strada dei Post Contemporary Corporation, dai quali mutua un certo gusto per la declamazione, declinata però in uno stile maggiormente musicale. Se mai La Distruzione dovesse raggiungere orecchie al di fuori del ristretto circolo di chi ne condivide lo spirito si attirerebbe certamente qualche malcelato sorrisetto di superiorità, questo Drieu lo sa. Ma sa anche, come l’uomo dal quale ha preso in prestito il nome, che “nulla si fa senza sangue. Bisogna morire incessantemente per rinascere incessantemente”.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or – Anacalypsis (Boring Machines, 2016)

Grazie a Boring Machines trovano ospitalità fuori dalla Sardegna gli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or, fra gli esponenti di spicco della…

05 Dec 2016 Reviews

Read more

Davide Maspero/Max Ribaric - Come Lupi Tra Le Pecore…

È un'opera monumentale quella messa insieme da Davide Maspero e Max Ribaric per i tipi della Tsunami, non solo per…

08 May 2013 Reviews

Read more

Meneguar - Strangers In Our House (Troubleman United, 2007)

Avete mai notato che i dischi più fighi non li recensisce mai nessuno? Nelle liste di fine anno di solito…

11 Dec 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - The Fall Will Probably Kill You (Bearsuit, 2010)

Ennesima raccolta della Bearsuit, etichetta inglese della quale ci siamo già occupati sia nel caso di altre raccolte che in…

07 Jan 2011 Reviews

Read more

Shuteye Unison - Our Future Selves (Park And Records, 2010)

Lasciando perdere il brutto video del pezzo di punta Be Kimball (se proprio lo volete vedere ecco qui), la…

31 Jan 2011 Reviews

Read more

the Dining Rooms - Turn to see me (LP Schema,…

Qualche stolto avrà sicuramente provato a dirvi che, considerando che l’abito non fa il monaco, la copertina non fa il…

02 Jun 2022 Reviews

Read more

Magliocchi/Angeloni/Castanon - Trullo Improvisations (Muzakrec, 2009)

Da quel che sento dopo tre dischi che vedono impegnato in prima persona Marcello Magliocchi, un retrogusto da improvvisazione "d'atmosfera"…

09 Sep 2010 Reviews

Read more

Oneida + Lucertulas - 10/08/09 Malafly (Verona)

Era molto atteso il ritorno degli Oneida, dopo la pazzesca esibizione al No Silenz festival di due anni fa.…

22 Sep 2009 Live

Read more

Dead Elephant - Lowest Shared Descent (Donna Bavosa/Robotradio, 2008)

Nuovo disco per i Dead Elephant (solo di recente ho scoperto che devono aver fatto degli EP autoprodotti) e come…

16 Jan 2008 Reviews

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Ocean - Pantheon Of The Lesser (Important, 2008)

Secondo album sull'eclettica etichetta Important per i doomster di Portland (da non confondere con gli Ocean tedeschi) e sempre meno…

15 Dec 2009 Reviews

Read more

Jon Rune Strøm Quintet - Fragments (Clean Feed, 2018)

Molto particolare la scelta del norvegese Jon Rune Strøm, già attivo negli interessanti Friends And Neighbors e Universal Indians, nonché…

19 May 2018 Reviews

Read more

Stefano Isidoro Bianchi - Prewar Folk, "The Old Weird America":1900-1940…

Uscito da un po' di tempo, ma solo da qualche mese distribuito nelle librerie, il libro di Stefano Isidoro…

18 Jun 2009 Reviews

Read more

dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS – 4 (Eclectic Polpo, 2012)

E' una grande sorpresa l'ascolto di questo entusiasmante combo portoghese dall'impossibile nome di dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS (si, so cosa significa, qualche anima…

13 Apr 2012 Reviews

Read more

Comaneci - You A Lie (Madcap Collective/Fooltribe/Here I Stay, 2009)

I Comaneci riducono l'organico, sono ora solo Francesca Amati e Glauco Salvo ed escono dalla cura dimagrante più in forma…

30 Oct 2009 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top