Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo nome e ne sentivamo un po’ la mancanza. Fiume Nero conferisce dignità vinilica ad alcuni brani già pubblicati nel 2009 e 2010 su un CDr e un nastro per l’americana Stunned Records, ma appare comunque un’opera assai coerente e coesa.
Da sempre i popoli del nord tendono a calare verso sud, dai tempi delle invasioni barbariche a quelli del grand tour di Goethe, fino alle orde di vacanzieri estivi. Donato Epiro, uomo del sud, segue da tempo il percorso inverso, finendo per incrociare, sull’autostrada del kraut, i suoni della Germania dei bei tempi che scendono ad abbeverarsi nel Mare Nostrum. Tuttavia non di calligrafica adesione a tale estetica si tratta: il nostro porta in dote un bagaglio di suoni ed esperienze che rendono il suo lavoro e Fiume Nero in particolare, assolutamente personale e il kraut nulla più che una macro-categoria di comodo, ad uso e consumo del pigro recensore. Cucendo con certosina pazienza e grande sapienza suoni acustici ed elettronici, Epiro crea un impasto sonoro che guarda tanto al Mediterraneo pacifico e coeso degli Aktuala e dei primi Popol Vuh quanto alle colonne sonore di quei mondo movie che mandavano al diavolo il mito del buon selvaggio, organizzando il tutto in una narrazione altamente evocativa. La metafora del viaggio per descrivere dischi strumentali e dilatati è abusata e odiosa, ma in questo caso è davvero inevitabile: non si tratta però del solito (e magari bad) trip fumoso da hippie, bensì di una cosciente discesa nell’oscurità dell’anima, in stato vigile e con gli occhi (le orecchie?) ben aperti. L’inizio è quasi festoso, con l’orgia percussiva del brano eponimo, ma ben presto i rumori, le melodie intricate provenienti da ogni direzioni e i riverberi dubbeggianti di La Vita Acquatica rendono il quadro meno rassicurante, trasmettendoci una sensazione di accerchiamento da parte di una minaccia che non si manifesta mai chiaramente. Sull’onda di flauti, battiti acustici, field recordings e synth spettrali scendiamo la corrente circondati da una giungla in cui si annidano un natura e una cultura a noi ostili, non senza ragione: gli uccelli del malaugurio e i battiti che vanno scemando in chiusura di Un Globo Rosso Rotondo non fanno presagire nulla di buono. Con Fiume Nero Donato Epiro scrive il proprio personale Cuore Di Tenebra, consegnandoci un lavoro di alto livello, ad oggi il momento più alto della discografia del musicista pugliese.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che…

21 Feb 2018 Reviews

Read more

Crash Trio - Live At Crash (Setola Di Maiale, 2010)

Questo è un super trio amici miei, nel caso non conosceste gli altri due compagni di viaggio di Stefano Giust…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Leeza - Somewhere Out There (Afe, 2011)

Il milanese Luca Di Mattei si prodiga nella produzione di questo Somewhere Out There e lo fa con molta cura:…

10 Nov 2011 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - Memory Makes Noise (Small Voices, 2006)

Gianluca Becuzzi, che per chi di voi ha dimestichezza con il panorama italiano era ed è Kinetix, fa parte di…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Airportman / Fabio Angeli - Il Paese Non Dorme Mai…

Attivi da una quindicina di anni, i cuneesi Airportman iniziano ad avere una nutrita discografia, il tempo passa e la…

22 May 2020 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

The Tapes - Teletyp (Luce Sia, 2021)

Sul versante più trasversale e certamente meno facile rispetto a Derma è questo nuovo sette pollici sempre a firma Giancarlo…

14 Nov 2021 Reviews

Read more

Strength - Mind-Reader (Community Disco, 2010)

Continuando nella perseguita via dell'autoproduzione, che evidentemente paga bene per chi fa una marea di date dal vivo e che…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 28/06/09 (Nervi - GE)

Non sarebbe nostra intenzione dare spazio ai deliri del bieco Radu Kakarath: i suoi folli progetti, chi ci segue…

07 Sep 2009 Live

Read more

JeanVasBrûler - Firmament Pentagramme (XcRoCs, 2009)

Firmament Pentagramme si presenta sotto forma di cd 3" e da quello che mi pare di capire dovrebbe essere un…

29 Jul 2009 Reviews

Read more

Absoluten Calfeutrail & Blarke Bayer - Conflict Resolution Seminar (Sabbatical,…

Altro dischetto Sabbatical interessante, altro piatto per stomaci foderati di lamiera. In questo caso più che un eufemismo si tratta…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Apart – Digital Frame (KrysaliSound, 2010)

Creatura personale di Francis M. Gri, Apart suona in bilico tra morbida elettronica e malinconie post rock. A farla da…

18 Mar 2011 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Atto II (Bloody Sound Fucktory/HYSM?/Neon Paralleli/Lemming,…

Perseverare è diabolico, recita il proverbio. Così, coerentemente, Angelo Bignamini (batterista di The Great Saunites) torna con la sua luciferina…

08 Apr 2014 Reviews

Read more

Gazebo Penguins - Legna (To Lose La Track, 2011)

Due anni fa al Tago Mago Fest ho avuto la fortuna di imbattermi in un live di un power trio…

21 May 2011 Reviews

Read more

Jane & The Magik Bananas - Inscrutable Intentions (Unrock, 2020)

Dopo un lungo periodo di silenzio ritornano i Jane & The Magik Bananas, impro trio dal nome rock’n’roll formato da Sam…

28 Apr 2020 Reviews

Read more

Roberto Fega – Daily Visions (Creative Sources, 2012)

Ottimo manipolatore di suoni, Roberto Fega intaglia il suono con sapienza artigianale attingendo dalle fonti più disparate, da una parte…

05 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top