Don Turbolento – Spend The Night On The Floor (Autoprodotto, 2007)

Ricordo di aver visto dal vivo i Don Turbolento una sera d'inverno in una taverna-scantinato. All'interno c'era una festa di compleanno e nessuno, tranne gli organizzatori, sembrava curarsi del gruppo che stava per cominciare a suonare. Due, tre battute, qualche sguardo di sorpresa poi tutti in piedi a ballare pezzi che solo pochissimi conoscevano; per parte mia avevo sentito solo le tre canzoni che girano su Myspace e la serata, mi dicevo, prometteva bene. I Don Turbolento sono due, Giovanni Battagliola alle macchine e Dario Bertolotti alla batteria e alla voce. Spend The Night On The Floor come titolo già ci dice un po' tutto ed è il loro primo EP: sulla copertina c'è l'ormai famosa cartolina con cui la Dischord, dopo aver ricevuto un loro demo, risponde di non poterli promuovere perchè il gruppo non risiede a Washington DC come la politica dell'etichetta vuole. Tuttavia si complimenta per il lavoro, indicando persino una canzone preferita, che poi dà il titolo a questo EP, uscito ad edizione limitata di 200 copie. Sì, si può parlare di discopunk, new wave elettronica, tanto che il primo gruppo che mi è venuto in mente ascoltandoli sono i The Faint, e l'organico, in questo caso ridotto, non fa molta differenza visto che i poderosi synth sputati fuori dritti dritti dagli anni ottanta sostenuti da una batteria istericamente precisa e ritmica creano un groove davvero notevole. Schegge impazzite tra Wire, Depeche Mode, Duran Duran e Fugazi colpiscono nel segno, superando le insidie legate alla possibile monotonia che un suono (fatto di sola batteria, voce e sintetizzatori) o un genere (che comincia ad essere un pò alle corde) alla lunga potrebbero creare. I 15 minuti di questo EP volano con tre pezzi a cassa dritta e uno più riflessivo, comunque sempre inesorabile con il suo crescendo di tastiere (Snapshots). Sul Myspace si possono ascoltare le primissime cose del gruppo bresciano che non compaiono invece in questo nuovo interessantissimo EP.
Myspace qui.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Far - At Night We Live (Arctic Rodeo, 2010)

Ritornano i Far, per qualcuno degli illustri conosciuti ma resta che si tratta di un gruppo con parecchi dischi all'attivo…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Agnostic Front - Another Voice (Nuclear Blast, 2004)

Disco inconsistente e insapore come uno yogurt greco, ma senza fermenti lattici né carattere. Non ho mai avuto nulla in…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Kiwibalboa - Natale In Argentina (Overdub, 2019)

Da Genova un gradevole indie pop caramelloso per amanti dei dolciumi delle fiere stagionali. Leggero e disimpegnato, Natale In Argentina,…

11 Feb 2020 Reviews

Read more

Massimo Olla - Life In A Sonic Free Form Research…

Percussioni, suggestioni e striscianti fruscii introducono il raffinatissmo lavoro di Massimo Olla che, a onor del vero, sembra non abbia…

04 Oct 2020 Reviews

Read more

The Soul - Hardfunkinvasion (Autoprodotto, 2009)

Lo avevamo incontrato sulla doppia compilation di funk italiano assemblata sotto la supervisione di Bobby Soul ed ecco qui il…

01 Nov 2009 Reviews

Read more

Rinunci A Satana? - Blerum Blerum (Wallace/E Io Pago, 2018)

Un quid di Black Sabbath, uno di Fuzz Orchestra e il resto chiamiamolo semplicemente rock anni settanta. I Rinunci A…

30 Apr 2019 Reviews

Read more

Werner Kitzmüller - Evasion (Valeot, 2011)

La Valeot mi aveva abituato ad un altro tipo di uscite più indie-troniche e in catalogo annovera anche i nostrani…

02 Feb 2012 Reviews

Read more

Bulldozer - Unexpected Fate (Scarlet, 2009)

Era una vita che aspettavo il ritorno di Ac Wild ed Andy Panigada (Dove è finito Rob K Cabrini?!).…

13 Jul 2009 Reviews

Read more

Martial Canterel - You Today (Weird, 2011)

Sean Mc Bride è attivo da anni nella sua personale e devotissima riedizione del synth pop anni ottanta più minimale…

01 Feb 2011 Reviews

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

The White Mega Giant - TWMG (Shyrec, 2014)

Tornano i The White Mega Giant dopo l'ottimo biglietto da visita di Antimacchina, una sorta di fotografia di ciò che…

22 Sep 2014 Reviews

Read more

Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che…

21 Feb 2018 Reviews

Read more

Montezuma – Di Nuovo Lontano (Dischi Dell'Apocalisse/Dicks And Decks/OnlyFuckingNoise/Mukkake, 2011)

Sarà sempre la solita questione anagrafica, ma immagino per un momento di tornare indietro un paio di lustri orsono  inneggiando…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more

Hyperwulff - Volume 1: Erion Speaks (Martire / Death Crush…

Implacabile bordata post-hardcore per l'iperlupo che, a dispetto dell' impatto frontale, rivela non poche gemme "insospettabili" all' interno dei propri…

27 Jul 2015 Reviews

Read more

Prospekt - S/T (Intellilab, 2006)

Dietro la sigla Prospekt ci sono tre ragazzi bresciani: Isacco Zanola (già dietro il progetto Voxeur) alle macchine, Marco Mor…

05 Aug 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top