DoF – Rid The Tree Of Its Rain (Abandon Building, 2010)

Neve o no, mi sento alle porte della primavera, sta cambiando la luce e più passano gli anni più sono sensibile a queste cose, ora non posso affermare che si tratti di un disco primaverile, ma senz'altro luminoso ed arioso. Si tratta di indie folk prodotto da dio e suonato ancora meglio: banjo, chitarre acustiche e altri legni acustici che fanno un lavoro fantastico ma allo stesso semplice, poi piano, glockenspiel, elettronica, voci etc. Se non si trattasse di indie folk parlerei quasi di pop folk, visto che si tratta di musica che bene o male è accessibile a tutti.
I Dof non inventano nulla, anzi saccheggiano senza nessun timore la tradizione, nonostante ciò non c'è nulla in questo disco che non sia al posto giusto, un lavoro da manuale pulito pulito… leccato e laccato alla perfezione, roba che riconcilia con il genere. Non saprei che riferimenti diretti fare, nonostante l'uso di un po' di elettronica non si tratta dei The Books ma non si trovano neppure così distanti, allo stesso tempo ci ho ritrovato anche alcune cose di Jim O'Rourke, stesso gusto per le melodie morbide, dense, sognanti ma per nulla malinconiche. Mi vengono anche in mente alcune cose di Leaftcutter John o simili. Oltre alla primavera parlerei di estate, di viaggi in trattore in mezzo ai campi di grano. Al di là della splendida produzione del disco gli arrangiamenti sono studiatissimi, ammorbidiscono il lavoro senza annacquarlo, le melodie pur essendo ariose non tendono mai allo smidollato e mi fanno venire in mente che gente del genere andrebbe quasi ringraziata, non tanto per il fatto di far sobbalzare sulla sedia per genialità o quant'altro ma per il puro e semplice fatto che pur praticando folk, bluegrass, country, indie-tronica, pop lo fanno con quella noblesse di chi è trasportato dal senso per la melodia e per la canzone invece che dal desiderio di clonare questa o quella canzone. Bravo fucking bravo.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

gRAEFENBERg - Plug (Fratto9 Under The Sky, 2018)

Il rumore è musica? Il suono è musica? Sì, basta che dia delle emozioni, che trascini l'animo e che porti…

12 Mar 2018 Reviews

Read more

Ranter's Groove - 俳句 (Kaczynski, 2019)

Nulla rivela un'attitudine autenticamente volta alla ricerca come la volontà di mettersi costantemente in gioco: dopo Songs From The Eternal…

29 Jul 2019 Reviews

Read more

Perturbazione - 30/05/08 Morya (Cellatica - BS)

Mi aspettavate, lo so. Eccomi dunque all'esordio su queste pagine a portarvi un po' di sano spirito padano. Indosso l'elmo…

02 Jun 2008 Live

Read more

Bobby Soul And Blind Bonobos - Dodici Lanterne (CNI, 2017)

Riecco Bobby Soul l'inesaurubile oracolo genovese o il Mario Biondi de noartri: sempre più sprofondato nelle radici della Superba e…

06 Dec 2017 Reviews

Read more

Niton - Tiresias (Pulver Und Asche, 2015)

Mi ha fatto spolverare un po' di mitologia greca il titolo del secondo album dei Niton: Tiresias. Un disco in…

23 Mar 2016 Reviews

Read more

Frontier(s) – There Will Be No Miracles Here (Arctic Rodeo,…

Uscita blasonatissima per l’ottima Arctic Rodeo: membri di The Enkindels, Mouthpiece, Stay Gold e, soprattutto, mister Chris Higdon al bel…

02 Jul 2010 Reviews

Read more

Delius/Pellegrino/Giust/Thomas/Heenan - Three Nights In Berlin (Setola Di Maiale, 2010)

Altro lavoro che coinvolge Stefano Giust oltre a ad una serie assortita di improvvisatori di livello, come al solito si…

02 Mar 2011 Reviews

Read more

Joe Meno - I Capelli Dei Dannati (Edizioni E/O, 2005)

A Chicago negli anni ottanta gli adolescenti si dividono tra punk, metallari, cafoni, fighetti... le solite categorie che si ritrovavano…

22 Oct 2006 Reviews

Read more

Maximum Awesome - S/T (Sabbatical, 2007)

Ho dato un’ascoltata veloce alla maggior parte dei lavori di quest’etichetta e bene o male, oltre che un’estetica base nel…

08 Mar 2009 Reviews

Read more

Belfi/Grubbs/Pilia – 13/11/10 Interzona (Verona)

Dopo aver apprezzato l'ottimo lavoro in studio del terzetto italo-americano ci si presenta la possibilità di verificarne le qualità in…

02 Oct 2010 Live

Read more

Bachi Da Pietra - Quarzo (Santeria/Wallace, 2010)

Quarto album in studio per i Bachi Da Pietra, a pochi mesi di distanza dal live che suggellava il vecchio corso…

05 Nov 2010 Reviews

Read more

The Enchanted Realm - Of The Pink Widower (Northpole, 2008)

Il giro della Northpole è in un certo senso fantastico, come quello dei Rollerball seppure i due non siano legati…

12 Sep 2008 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Luca Pissavini - Duna Lacera (Bunch, 2013)

Bunch records è l'etichetta che Luca Pissavini ha creato per pubblicare la sua musica e Duna Lacera è il disco…

23 Oct 2014 Reviews

Read more

Einsturzende Neubauten + Deus + Blond Redhead - 01/09/2018 Piazza…

Tre headliner di tutto rispetto per una serata dal sapore quasi antico. E’ innegabile osservare come sia Deus che Blond…

09 Sep 2018 Live

Read more

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top