since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Dmonstrations – Night Trrors. Shock! (GSL, 2006)

Eccoci di nuovo a trattare l’ennesima, entusiasmante, filiazione del sound degli Arab On Radar, e della Skin Graft tutta, con il noise giapponese e gli scatti furiosi delle Slits. Tutto condito dall’aria, evidentemente malsana, di San Diego. Sarà l’acqua che esce dai rubinetti o sarà uno strano fenomeno di magnetismo, dovuto alla posizione geografica a metà strada, ma l’attuale scena della California del Sud, San Diego, Oakland fino a Los Angeles, pare riuscire a condire tutto il rumore post hardcore dei figliuoli reietti dei Black Flag con gli estremismi più assurdi del Sol Levante, Melt Banana su tutti. Con i Dmonstrations  ci ritroviamo, come già negli Arab On Radar con un gruppo ben sorretto da una strumentalità violenta e offensiva, tirata e rumorosa, noise tra Unwound e Amphetamine Reptile, debitrice del suono di chitarra di certi ultimi Deerhoof come del tiro dei primi Ex-Models, su cui si va ad inserire la performance fuori dalle righe del più che cantante. Come appunto Eric è artista/cartoonist/scrittore oltre che cantante, anche questo virgulto giapponese, all’anagrafe tal Testunori Tawaraya, vocalizza bilanciandosi tra la riproposizione dei migliori Unwound e degli acuti squittenti e schizofrenici. Un novello Damo Suzuki, fuori dal network e riaggiornato al pop riscritto da ex-grindcorers. L’accoppiata live con le riformate Slits, di nuovo Ari Up e Tessa Pollitt dopo venticinque anni, non stupisce, come anche le loro amicizie con Mae Shi e Mika Miko. Non è gente di primissimo pelo, dunque, con anni di militanza con Yip Yip, 2up, Dosage/Usage, Makara… Qui e là indulgono un po’ troppo su stilemi già visti e sentiti: in Hair Pretzel sembrano un po’ troppo i sopracitati Mae Shi, con la differenza che i versi che senti te li aspetti anche da un tal giapponese, mentre da un nerd americano tutti quegli squittii stupiscono di più. Cibo, politiche sessuali e intrighi internazionali traspaiono dalle liriche non poco futuriste e un po’, troppo, minimali di brani come Shark e Uvula. Se non siete del genere che si indispettisce ad avere i Chipmunks nelle orecchie e ci sballate ancora con i vecchi ritmi tutti botte secche, stop&go e tiratoni, allora questa Dmostrazione dell’aspiratore Folletto Made in Japan / Assembled in USA è per voi.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Back to top