Dmonstrations – Night Trrors. Shock! (GSL, 2006)

Eccoci di nuovo a trattare l’ennesima, entusiasmante, filiazione del sound degli Arab On Radar, e della Skin Graft tutta, con il noise giapponese e gli scatti furiosi delle Slits. Tutto condito dall’aria, evidentemente malsana, di San Diego. Sarà l’acqua che esce dai rubinetti o sarà uno strano fenomeno di magnetismo, dovuto alla posizione geografica a metà strada, ma l’attuale scena della California del Sud, San Diego, Oakland fino a Los Angeles, pare riuscire a condire tutto il rumore post hardcore dei figliuoli reietti dei Black Flag con gli estremismi più assurdi del Sol Levante, Melt Banana su tutti. Con i Dmonstrations  ci ritroviamo, come già negli Arab On Radar con un gruppo ben sorretto da una strumentalità violenta e offensiva, tirata e rumorosa, noise tra Unwound e Amphetamine Reptile, debitrice del suono di chitarra di certi ultimi Deerhoof come del tiro dei primi Ex-Models, su cui si va ad inserire la performance fuori dalle righe del più che cantante. Come appunto Eric è artista/cartoonist/scrittore oltre che cantante, anche questo virgulto giapponese, all’anagrafe tal Testunori Tawaraya, vocalizza bilanciandosi tra la riproposizione dei migliori Unwound e degli acuti squittenti e schizofrenici. Un novello Damo Suzuki, fuori dal network e riaggiornato al pop riscritto da ex-grindcorers. L’accoppiata live con le riformate Slits, di nuovo Ari Up e Tessa Pollitt dopo venticinque anni, non stupisce, come anche le loro amicizie con Mae Shi e Mika Miko. Non è gente di primissimo pelo, dunque, con anni di militanza con Yip Yip, 2up, Dosage/Usage, Makara… Qui e là indulgono un po’ troppo su stilemi già visti e sentiti: in Hair Pretzel sembrano un po’ troppo i sopracitati Mae Shi, con la differenza che i versi che senti te li aspetti anche da un tal giapponese, mentre da un nerd americano tutti quegli squittii stupiscono di più. Cibo, politiche sessuali e intrighi internazionali traspaiono dalle liriche non poco futuriste e un po’, troppo, minimali di brani come Shark e Uvula. Se non siete del genere che si indispettisce ad avere i Chipmunks nelle orecchie e ci sballate ancora con i vecchi ritmi tutti botte secche, stop&go e tiratoni, allora questa Dmostrazione dell’aspiratore Folletto Made in Japan / Assembled in USA è per voi.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

ODRchestra - Prima Opera (Luce Sia, 2020)

Questo lavoro nasce dall'improvvisazione di diversi artisti del circuito Luce Sia, tra cui lo stesso patron Sacha Rovelli (Icydawn), e…

24 Aug 2020 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti -Volume Quattro (Escape From Today, 2019)

Ormai le suite di Paolo sono classic rock nel senso più alto del termine: Spaccamonti è uguale solo a sé…

21 Jan 2020 Reviews

Read more

Hibagon - Polyposmic (Taxi Driver, 2019)

Matematica impossibile, cosmica e con derive metalliche neanche troppo mascherate. Album totalmente strumentale per questo duo bergamasco interamente dedito ai…

04 Feb 2020 Reviews

Read more

NOFest! 2010 - 18-20/06/10 Spazio 211 (Torino)

Se c'era un festival italiano che quest'anno, anche solo sulla carta, meritava di essere visto, era sicuramente la seconda edizione…

27 May 2010 Live

Read more

Matt And Kim - Grand (Fader Label, 2009)

Uno due uno due... con Matt e Kim, duo punk/dance- synth pop da Brooklyn, a molti verrebbe voglia di uscire…

14 Feb 2009 Reviews

Read more

Satan Is My Brother - S/T (Autoprodotto, 2006)

"777 the neighbour of the beast" recitava una vecchia maglietta degli House Of Pain, tempi in cui l’hip hop era…

28 Nov 2006 Reviews

Read more

Dino Betti Van Der Noot - God Save The Earth…

Nel caso di God Save The Earth ci troviamo di fronte ad un disco che bene o male bazzica l'ambito…

13 Nov 2009 Reviews

Read more

German Army – Animals Remember Human (Arte Tetra/Crash Symbols, 2020)

Nonostante le oltre 80 uscite i German Army  non erano mai comparsi sulle nostre pagine; a sopperire alla mancanza ci…

10 Apr 2020 Reviews

Read more

No Age - An Object (Sub Pop, 2013)

Parto dalla conclusione: a Thurston Moore (almeno quello dei tempi di Evol, Daydream Nation o Goo) questo disco piacerebbe. Detto…

14 Oct 2013 Reviews

Read more

Psychocandy - Le Canzoni Dei Folli (Autoprodotto, 2006)

Buon prodotto di stampo tipicamente americano per questi quattro metallari del mezzogiorno che porano in giro il nome Psychocandy. Benché…

18 Aug 2007 Reviews

Read more

Logoplasm & Punck - Drunk Upon The Holy Mountain (Setola…

Se Enrico Ruggeri "è stato punk prima di te" i Logoplasm e Punck sono stati field-recording prima di parecchia gente, i primi…

15 Jan 2008 Reviews

Read more

Il Guaio - S/T (Lingua, 2014)

Dalla Lingua Records, satellite dell' universo Minus Habes, arriva questa interessante deriva electro pop. Il Guaio è un piacevole incrocio…

17 Jul 2014 Reviews

Read more

The Poison Arrows - First Class, And Forever (File Thirteen,…

Bastano pochi istanti per riconoscere la voce, per me inconfondibile, di Justin Sinkovich, a suo tempo frontman degli Atombombpocketknife, autori…

05 Oct 2009 Reviews

Read more

Der Blutharsch + Deutsch Nepal + Bain Wolfkind + Varunna…

La primavera sta portando da queste parti alcuni nomi storici della scena post-industriale e dintorni: dopo Brighter Death Now e…

30 Mar 2012 Live

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben…

09 Oct 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top