Dino Betti Van Der Noot – God Save The Earth (Sam Production, 2009)

Nel caso di God Save The Earth ci troviamo di fronte ad un disco che bene o male bazzica l'ambito jazz, quanto meno a giudicare dai nomi dei molti musicisti coinvolti, nonché per una parte della sua estetica fino ad arrivare alle stesse note di copertina, redatte da uno dei nomi storici del giornalismo jazz italiano come Fayenz… senza dimenticare che Betti nel 1987 ha vinto il premio Arrigo Polillo. Fatta questa premessa, se si fa esclusione dell'accento della maggioranza dei musicisti, il jazz in realtà è giusto uno dei colori della tavolozza di Dino Betti e non ci vuol molto a capirlo, bastano alcune tracce.
Una piccola orchestra che si muove su linee melodiche e molto anni '70, un po' per come sono assemblati gli strumenti e un po' per il fatto di lavorare su di un canovaccio sospeso fra la jazz-fusion di ampio respiro e dei solismi molto imbrigliati alla melodia di base, ma anche per come vanno sviluppandosi le strutture dei diversi brani. Nonostante ciò ci sono parecchi echi di musica classica contemporanea (quanto meno di quella più soft) e di composizioni al limite con le colonne sonore, basti pensare che alcune armonizzazioni iniziali di In The Beginning Was Beauty ricordano persino il Vangelis della colonna sonora di Blade Runner. Batterie che quand'anche free rimangono sempre sommesse ed immerse nei tappeti melodici, fiati che quando non lavorano in solo spesso fanno da coro jazzy come si usava fare in molti splendidi lavori della Cinecittà dei bei tempi e persino richiami (volontari o no) ad arie morriconiane. Ora, purtroppo questo parallelo con le colonne sonore può risultare un po' fuorviante, quindi ribadirei che il disco non si muove solo su quel filone, anzi si tratta giusto di una sfumatura del lavoro corale di questa piccola orchestra. La produzione molto pulita e con le batterie acustiche tenute dietro la maggioranza delle linee melodiche è comunque indicativa dell'idea che sottrae i pezzi, infatti mi pare evidente che Dino Betti voglia far passare in primo piano le linee melodiche ed il fatto che si tratti di un lavoro corale che, nonostante qualche libera uscita, si muove su dei paletti che lo stesso ha posizionato a dovere per dare forma alle canzoni. Un lavoro a suo modo molto classico, con un buon suono, molto ispirato, composto e diretto in modo molto asciutto e che proprio per questo suo "vecchio" lussuoso cappotto finisce per essere molto elegante, si veda su tutto City Mornings, dove la voce di Ginger Brew si muove su una malinconicissima jazz ballad dal cuore di bue.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

LAAND – Electrical Landscapes (AUT, 2013)

Si è fatto ormai di tutto su quel magnifico strumento a 6/7/10/12 corde, a cui hanno aggiunto 1/2/3 manici, e…

07 Mar 2013 Reviews

Read more

Teletextile - Glass (Lili Is Pi, 2011)

Uh. Indie pop un pò elettronico con una gran bella voce femminile oltre a Psapp? Benvenga, porca la miseria! Come…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Il Buio - L'Oceano Quieto (Autunno Dischi/To Lose La Track,…

Dopo un esordio fulminante con il 12" del 2012 e il notevole 7" dell'anno scorso a conferma ulteriore dei numeri…

27 Mar 2013 Reviews

Read more

Xabier Iriondo – Irrintzi (Brigadisco/Wallace/Phonometak/Santeria e altre, 2012)

Il primo album solista di una delle figure più presenti, in molteplici vesti, nel giro indipendente italiano è certamente un…

03 Oct 2012 Reviews

Read more

Hobocombo – Moondog Mask (Trovarobato/Tannen, 2013)

La maschera di Moondog si intitola la seconda fatica degli Hobocombo, ma quello che si sente nelle nove tracce di…

13 Nov 2013 Reviews

Read more

The Cepi Nomads + Hic - Cepi meets Hic (Torto,…

Questo lavoro nasce dall'improvvisazione tra due nutriti ensemble di professionisti. I Cep Nomads sono francesi e nascono dalla volontà di…

13 Jul 2020 Reviews

Read more

Unsolved Problems Of noise - L'Ombra Delle Formiche (Snowdonia/Tesladischi, 2012)

È un esordio, questo degli Unsolved Problems Of Noise, ma non si direbbe. Il terzetto, assetto da moderno jazz battagliero…

18 Feb 2013 Reviews

Read more

Valentina Magaletti & Marlene Ribeiro – Due Matte (Commando Vanessa,…

Nel mettere su nastro un lavoro creato per una residenza artistica tenutasi a Porto nel 2019, Valentina Magaletti (Tomaga, Vanishing…

04 Jun 2020 Reviews

Read more

Mon Electric Bijou - Terror At The Gates (Delta Poison…

Un'insolita flemma che si è impossessata di me negli ultimi mesi ha fatto sì che parli di Mon Electric Bijou…

20 Aug 2012 Reviews

Read more

Gravetemplars + Marco Fusinato - 26/10/10 Toff In Town (Melbourne)

L'ultimo concerto australiano è di nuovo al Toff In Town, dove questa volta andiamo per vedere Gravetemplars, nella formazione con…

24 Sep 2010 Live

Read more

AA.VV. - Damn! Freistil-Samplerin #2 (Chmafu Nocords, 2011)

Beschreiblich Weiblich è una rubrica del magazine tedesco Freistil dove il giornalista e musicista Hannes Schweiger presenta i ritratti di…

28 Feb 2012 Reviews

Read more

Stearica/Acid Mothers Temple - Invade (Homeopathic, 2010)

Stearica e Acid Mothers Temple hanno fatto un tour assieme (entrambe le band sono uscite con un disco per la…

06 Nov 2010 Reviews

Read more

Paul Beauchamp - Grey Mornings (Boring Machines, 2017)

Temperatura controllata sui 25° per accompagnare il sonno indotto di un viaggio nello spazio. Anni luce sicuramente. Il delicato album…

03 Jul 2017 Reviews

Read more

Z - Mikabe (Transduction, 2007)

Poco tempo fa si sentiva parlare di un gruppo emocore che si chiamava There A Light That Never Goes Out…

09 Mar 2007 Reviews

Read more

Marcilo Agro e il Duo Maravilha - Tra L'Altro (Room…

Momenti di amarcord. Sono cresciuto ascoltando musica prevalentemente cantata in inglese e, tuttora, fatico a relazionarmi all'italiano. Negli anni ci…

16 Jul 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top