Destroy All Gondolas – Laguna Di Satana (MacinaDischi/Shyrec/Sonatine/Deathcrush/Crampi, 2017)

Dev’essere qualcosa disciolto nell’aria o nell’acqua (o nel vino?) che fa sì che certe cose possano venire fuori solo dal Veneto: un suono che lì può vantare una tradizione all’insegna della sana ignoranza e delle insane geometrie portate avanti da gente come Lucertulas, A Flower Kollapsed e Putiferio. I Destroy All Gondolas chiariscono fin dal nome – e lo confermano nel titolo e nell’azzeccato artwork a cura de Il Lama – di voler rappresentare di questa ignobile genia il lato più selvaggio e rock’n’roll, un rock’n’roll ovviamente così degenere e imbarbarito da far inorridire ogni purista che si rispetti. Probabilmente è perché quello che anima il trio (gente che milita o ha militato ne Il Buio, Gonzales e John Woo) è un suono (e uno spirito) punk deragliante e noise che fa sì che i pezzi viaggino come un hot rod con al traino un erpice: strada facendo raccoglie di tutto, dal surf come lo suonavano i Dead Kennedys (Alchemist) al black metal demente degli Impaled Nazarene (Demonolatreia) a rallentamenti alla maniera dei primi Cathedral (ancora Alchemist).  Dieci pezzi, la metà abbondantemente sotto i 3 minuti (il più lungo supera comunque di poco i 4), che sono schegge solo apparentemente impazzite di HC sferragliante e convulso ma mai inutilmente arzigogolato (niente tentazioni prog da queste parti) dove una melodia che vi si appiccichi addosso la trovate sempre; che poi vi arrivi contro a 300 all’ora non è, con tutta evidenza, cosa che preoccupi il gruppo. Le strade battute dai Destroy All Gondolas non sono nuove in assoluto ma dare il nome al risultato finale non è così semplice, questi avrebbero potuto dividere il palco tanto coi Cramps quanto con gli Swing Kids senza apparire fuori luogo in nessuno dei casi, fate i vostri conti. In chiusura ma cosa assolutamente non secondaria,  piace notare l’assoluta mancanza di paraculaggine o cazzoneria a buon mercato che spesso nel genere va a coprire carenze a livello tecnico o peggio d’idee: qui si suona e basta, senza rompere tanto le palle. This is Veneto.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

VV.AA. – III° Tagofest (Coproduzione, 2009)

Fa un po' tristezza pensare che questa, che doveva essere la celebrazione di uno dei festival indipendenti più rinomati della…

22 Nov 2009 Reviews

Read more

Manon-Liu Winter - Stones No. 2 (Chmafu Nocords, 2013)

L'etichetta austriaca Chmafu Nocords continua ad esplorare la viva e pulsante scena musicale contemporanea austriaca pubblicando il nuovo disco della…

24 Apr 2014 Reviews

Read more

Walter Smith Project - S/T (WSP, 2006)

Un cd a tratti particolare, ma che finisce un po' con il perdersi nonostante le buone intenzioni. Elettronica quasi "break…

09 Mar 2007 Reviews

Read more

Body Bag Redemption – The Exclusive Fun Of Fishing In…

Cosa si potrà dire di un EP di circa 9 minuti? Nulla, se non che è il seguito di altre…

17 Oct 2021 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Habemus Baco (Wallace/Tannen/La Tempesta, 2015)

Abbiamo il Baco, e sono già dieci anni, due lustri che Giovanni Succi e Bruno Dorella calpestano la terra, ben…

20 May 2015 Reviews

Read more

Razoj - S/T (Setola Di Maiale, 2009)

Se seguendo l'idea del nome parliamo di un rasoio a doppia lama, costatiamo che si tratta di due ferri molto…

02 Nov 2009 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Luigi Turra - In Winter (Silentes, 2012)

Gianluca Becuzzi e Luigi Turra pubblicano per la prima volta un disco assieme, dopo aver collaborato sotto diverse forme per…

04 Dec 2012 Reviews

Read more

Arashi – Jikan (PNL, 2019)

Dopo la recente collaborazione del guru della scena free giapponese Akira Sakata (sassofono, clarinetto basso e voce) al progetto New…

20 Jun 2019 Reviews

Read more

The Vaselines - 28/01/12 Bronson (Ravenna)

Reunion. Best of suonati pedissequamente. Ignobili crowdpleaser degni dei peggio leccapiedi del pubblico da letteratura di serie Z. Di solito,…

10 Feb 2012 Live

Read more

Three Steps To The Ocean – Unitl Today Becomes Yesterday…

Da Milano alla conquista del mondo. Di quello del post-core, almeno. All'album d'esordio, dopo un EP stampato anche negli USA…

25 Jun 2010 Reviews

Read more

Magliocchi/Angeloni/Castanon - Trullo Improvisations (Muzakrec, 2009)

Da quel che sento dopo tre dischi che vedono impegnato in prima persona Marcello Magliocchi, un retrogusto da improvvisazione "d'atmosfera"…

09 Sep 2010 Reviews

Read more

Apart – Digital Frame (KrysaliSound, 2010)

Creatura personale di Francis M. Gri, Apart suona in bilico tra morbida elettronica e malinconie post rock. A farla da…

18 Mar 2011 Reviews

Read more

Trigger Cut – Buster (Token Records, 2019)

Trigger Cut è la ragione sociale di un nuovo trio “noise rock in your face” tedesco, classicamente chitarra e voce,…

23 May 2019 Reviews

Read more

Cardosanto – Pneuma (Wallace/DreaminGorilla/Rude, 2014)

Torna, grazie alla ristampa ad opera di Wallace, DreaminGorilla e Rude Records, una delle pietre miliari, o più probabilmente la…

19 Jun 2014 Reviews

Read more

Magik With Tears e Lisca Records: nuove etichette per nuovi…

Giovani label... e vecchie conoscenze. Non che si tratti di un fenomeno solo italiano, ma resta che a volte scava…

13 May 2011 Articles

Read more

Nido Di Vespe - Primo Sangue (Autoprodotto, 2009)

Ancora turbamenti tardo-adolescenziali ad alzo zero esattamente come per gli Inkarakua. L'unica differenza è che, in questo caso, il…

28 Jun 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top