Destroy All Gondolas – Laguna Di Satana (MacinaDischi/Shyrec/Sonatine/Deathcrush/Crampi, 2017)

Dev’essere qualcosa disciolto nell’aria o nell’acqua (o nel vino?) che fa sì che certe cose possano venire fuori solo dal Veneto: un suono che lì può vantare una tradizione all’insegna della sana ignoranza e delle insane geometrie portate avanti da gente come Lucertulas, A Flower Kollapsed e Putiferio. I Destroy All Gondolas chiariscono fin dal nome – e lo confermano nel titolo e nell’azzeccato artwork a cura de Il Lama – di voler rappresentare di questa ignobile genia il lato più selvaggio e rock’n’roll, un rock’n’roll ovviamente così degenere e imbarbarito da far inorridire ogni purista che si rispetti. Probabilmente è perché quello che anima il trio (gente che milita o ha militato ne Il Buio, Gonzales e John Woo) è un suono (e uno spirito) punk deragliante e noise che fa sì che i pezzi viaggino come un hot rod con al traino un erpice: strada facendo raccoglie di tutto, dal surf come lo suonavano i Dead Kennedys (Alchemist) al black metal demente degli Impaled Nazarene (Demonolatreia) a rallentamenti alla maniera dei primi Cathedral (ancora Alchemist).  Dieci pezzi, la metà abbondantemente sotto i 3 minuti (il più lungo supera comunque di poco i 4), che sono schegge solo apparentemente impazzite di HC sferragliante e convulso ma mai inutilmente arzigogolato (niente tentazioni prog da queste parti) dove una melodia che vi si appiccichi addosso la trovate sempre; che poi vi arrivi contro a 300 all’ora non è, con tutta evidenza, cosa che preoccupi il gruppo. Le strade battute dai Destroy All Gondolas non sono nuove in assoluto ma dare il nome al risultato finale non è così semplice, questi avrebbero potuto dividere il palco tanto coi Cramps quanto con gli Swing Kids senza apparire fuori luogo in nessuno dei casi, fate i vostri conti. In chiusura ma cosa assolutamente non secondaria,  piace notare l’assoluta mancanza di paraculaggine o cazzoneria a buon mercato che spesso nel genere va a coprire carenze a livello tecnico o peggio d’idee: qui si suona e basta, senza rompere tanto le palle. This is Veneto.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Pow-Wow - House Sounds (Luce Sia, 2018)

Ancora una volta l'etichetta svizzera riesce a stupirci ripescando dai meandri del tempo un  demo del 1988 dei Pow-Wow, oscura…

20 Oct 2018 Reviews

Read more

Port Of Souls - The Life And The Damage Done…

Ancora garage roll al fulmicotone. Dopo qualche assestamento nella formazione ritorna il quartetto meneghino più californiano della barriera di…

23 Nov 2011 Reviews

Read more

Body/Head + Jooklo Duo – 20/10/12 Interzona (Verona)

Archiviata (almeno credo...) l'avventura dei Sonic Youth, Kim Gordon riprende a frequentare i palchi in compagnia di Bill Nace e…

07 Nov 2012 Live

Read more

Reveille - Broken Machines (Clapping Music, 2014)

Broken Machines è il secondo album di questo duo francese, composto da François Virot, voce e chitarra, conosciuto…

05 Mar 2014 Reviews

Read more

MAGIMC – Polishing The Mirror (Amirani, 2012)

Quando due personaggi noti del mondo free e sperimentale italiano (Edoardo Marraffa al sax tenore e sopranino e Stefano Giust…

14 Feb 2013 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - B (Silentes, 2011)

Innanzitutto parliamo della raccolta, infatti la Silentes Tapestry per celebrare la musica industriale la riporta al suo formato originale e…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

S.J.Esau - Wrong Faced Cat Feed Collapse (Enormous Corpse/Fooltribe, 2005)

Da qualche parte nel mondo qualcuno ha una mappa. Ma noi ci siamo decisamente persi. Sensazione spiacevole e nervosismo crescente.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Casa - Variazioni Gracchus (Dischi Obliqui, 2017)

Nuovo raffinatissimo e difficile lavoro per Filippo Bordignon, ormai ultimo superstite dei Casa, qui ancora una volta proiettati verso una…

10 Apr 2017 Reviews

Read more

Club Voltaire - The Escape Theory (LaFleur, 2014)

Cinque anni fa quattro comaschi hanno fatto incontrare la loro passione per il sound della Swinging London e l'indie pop…

05 May 2014 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

AA.VV. - Tra(x)cce Su Eicool Sat. (Eicool Sat., 2007)

Per quanto sia rimasto relativamente perplesso nel leggere le note interne di questa compilation, tanto da pensare che Burroughs in botta…

24 Sep 2007 Reviews

Read more

D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest'ultimo oltre…

29 Nov 2008 Reviews

Read more

AA.VV. - Guitars, An Anthology Of Experimental Solo Guitar Music…

Qualcuno dei più attempati la fuori ricorda quella mitica compilation intitolata Guitarrorists? Beh... si trattava di un doppio lp e…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Electric Electric - Discipline (Africantape/Herzfeld/Kythibong/Murailles Music, 2012)

Combo francese dedito ad un math rock sfrenato e contagioso questi Electric Electric, che con Discipline registrano un disco davvero…

07 Dec 2012 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top