Des Moines – Like Freshly Mown Grass (Dinotte/We Work, 2018)

Pur essendo orientati prevalentemente verso altri ambiti, capita talvolta, per particolari congiunzioni astrali, di imbattersi in lavori che sono il disco giusto al momento giusto. È il caso di Like Freshly Mown Grass di Des Moines, che ci si presenta alle porte di un autunno ancora caldo con un suono che sa già di foschie e foglie che cadono e di sentimenti messi a nudo. Lui è Simone Romei da Reggio Emilia e questo è la sua terza uscita, ma dopo un album praticamente in stampa domestica e un EP, potremmo quasi parlare d’esordio; un esordio a cui il nostro arriva già maturo e consapevole, aiutato dalla produzione e dagli arrangiamenti di Egle Sommacal (Massimo Volume) e dai contributi discreti di membri di Giardini di Mirò e Dolpo. Lontano dalle influenze dell’indie e del cantautorato nostrano e per nulla intimorito dal lasciare spazio, alla bisogna, alla chitarra spogliata delle parole (la poesia strumentale di Cricket And Cicadas e Like Freshly Mown Grass), Des Moines sembra essersi abbeverato direttamente alle fonti pre-guerra del Nuovo Mondo, al netto di qualche veloce puntata oltremanica (Daffodils). Le radici del suo folk affondano in quell’America rurale che, sarà forse colpa o merito di certi scrittori, è diventata un po’ patrimonio di tutti, specie di chi sta nelle pianure da dove si vedono le montagne non troppo lontane. Di questo continente antico e dignitoso i meno dotati fanno proprio l’immaginario, i migliori colgono la poetica. Nelle tracce di Like Freshly Mown Grass non c’è ombra di posa mentre si percepisce l’adesione a un’idea di esistenza che punta a riannodare i legami con l’essenza delle cose, a partire da un suono scarno (senza mai apparire povero) per giungere a parole misurate e sentite (Love in Vain, Whippoorwill). In questo senso la stagionalità di cui parlavo in apertura non deve essere avvertita come un limite ma come la riprova di quanto questa musica sappia cogliere nel profondo certe dinamiche e certi legami che ormai rischiamo di perdere. Lo scorso anno, sempre in autunno, vi parlammo di un disco, Cold Spring di Fletcher Tucker, che pur differente nel suono, aveva diverse affinità in spirito con questo lavoro. C’è anche un’altra analogia: Des Moines ha preso il nome dalle pagine di Sulla Strada di Kerouac, mentre la Cold Spring di Tucker si trova a Big Sur, luogo dove il musicista ha soggiornato in solitudine in cerca dell’ispirazione,  e che dà il nome a uno dei romanzi dello scrittore statunitense. Sono curiose casualità; o forse semplici conferme.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mombu - S/T (Subsound, 2011)

Mombu: 1/3 degli Zu più 1/3 dei Neo. Oppure 2/3 degli Udus. Più semplicemente, poiché le frazioni matematiche in questo…

25 Mar 2011 Reviews

Read more

Selfimperfectionist - Making A False Move (OTCR, 2017)

Selfimperfectionist è l'alter ego musicale del torinese Giorgio Pilon, attivo già da parecchi anni con questo moniker: negli anni il…

07 May 2018 Reviews

Read more

Scosse Elettriche - Rock Cut (MC Non Piangere, 2022)

Registrato nel corso del 2020 da Davide Zolli e Riccardo Sinigaglia. Batteria e percussioni il primo, piano, tastiere, sintetizzatori e…

17 May 2022 Reviews

Read more

31Knots - Talk Like Blood (Own/Polyvinyl, 2005)

La prima cosa che ti dice il fido Google se cerchi 31Knots è: 31 knots = 15.9477778 m/s. La prima…

22 Oct 2006 Reviews

Read more

Enrico Conglio & Matteo Uggeri - Open To The Sea…

Prima collaborazione fra Enrico Coniglio e Matteo Uggeri in questo disco che si avvale dei suoni di molti musicisti, del…

26 Sep 2017 Reviews

Read more

Maisie - Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino (Snowdonia,…

Maisie di Syd Barrett ha più di 50 anni ed è la figlia sghemba di suo padre. Maisie di Alberto…

06 Feb 2022 Reviews

Read more

Soft Black Star - La Mer, La Bataille, La Mort…

Ritorna un progetto molto home friendly e che mi era piaciuto qualche tempo fa con l'esordio Geneva In Neve, parliamo…

15 May 2012 Reviews

Read more

True Widow - True Widow (End Sounds, 2008)

Widow. Vedova. Una parola forte. Una parola che richiama ai nostri occhi un’immagine precisa. C’è chi la vede una donna…

05 Mar 2009 Reviews

Read more

KK Null/Israel Martinez/Lumen Lab – Incognita (Aagoo, 2013)

La Terra Incognita è al centro di un triangolo con Tokio, Berlino e la città messicana di Zapopan come vertici;…

20 Jan 2014 Reviews

Read more

Juta - Running Through Hoops (Arctic Rodeo, 2010)

L'instancabile Frederic Klemm sforna ancora una volta un lavoro curato fin nei minimi particolari rivelando, oggi più che mai,…

10 Apr 2010 Reviews

Read more

Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti - Rumors (Santeria/Escape From Today, 2015)

Paolo Spaccamonti è una persona gentile ed educata che ormai da svariati anni porta avanti il suo percorso musicale completamente…

06 May 2015 Reviews

Read more

Gli Illuminati - Prendi La Chitarra E Prega (Hitbit, 2008)

Il fervore religioso è tale che è difficile discernere serietà da parodia, ma è inevitabile porsi il quesito. Questa…

28 Dec 2008 Reviews

Read more

Maximum Awesome - S/T (Sabbatical, 2007)

Ho dato un’ascoltata veloce alla maggior parte dei lavori di quest’etichetta e bene o male, oltre che un’estetica base nel…

08 Mar 2009 Reviews

Read more

AA.VV. - Treatment Effects (Chew-Z, 2007)

Treatment Effects, che arriva ad un anno esatto dalla nascita della net label torinese Chew-Z, è la seconda compilation nel…

10 Jun 2008 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Rapida E Indolore (Bosco, 2014)

Continua con Rapida E Indolore la ormai nutrita discografia di Daniele Brusaschetto, da sempre indirizzata verso una musica tra l'elettrico…

06 Mar 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top