Deison & Mingle – Weak Life (Aagoo, 2015)

Ecco l’affiatato duo Deison/Mingle, ormai stabilmente accasato presso Aagoo, presentarci il nuovo lavoro, seguito di quell’Everything Collapse(d) che tanto ci aveva impressionato lo scorso anno. E di seguito vero e proprio si può parlare, perché, nonostante l’evidente cesura dal punto stilistico, Weak Life è la logica prosecuzione di quella narrazione: un disco che di primo acchito sembra facilmente circoscrivibile in un genere, ma che con gli ascolti si rivela non facilmente etichettabile.
Nonostante tutto sia crollato la vita continua, ma nulla è come prima, non potrebbe esserlo: il lirismo malinconico, quasi romantico, che inizialmente poteva generare la contemplazione delle rovine è sparito, spazzato via dalle necessità della sopravvivenza. Weak Life è il risultato di questa situazione, un album crudo, dove la melodia è bandita e l’unico linguaggio possibile è quello di un’elettronica essenziale, brachicardica, sporca, non più la messaggera splendente di una nuova era. Sarebbe facile, in questi frangenti, abbandonarsi alla descrizione compiaciuta dell’apocalisse, ma Deison e Mingle evitano la trappola consegnandoci un disco dai parametri vitali realmente bassi, dove non c’è epica ma nemmeno si scade in una banale estetica del brutto: c’è invece l’osservazione quasi scientifica di questa vita sofferente, talvolta strisciante, costantemente minacciata e accerchiata (l’immagine del cerchio torna più volte: nella copertina, opera d 108 e in due brani, Circle Of Red Drops e la godfleshiana Circle Of Shit). È il suono del fallimento quello che ascoltiamo, di dischi fissi che girano a vuoto, circuiti che sfrigolano e drum machine che perdono i colpi: sono gli Autechre azzoppati di Hirn Seite, il dub leucemico della già citata Circle Of Red Drops (infinitamente più malata di quella ascoltata nel singolo su Final Muzik), l’IDM deviante Lost Pieces, i pochi accenni melodici corrosi dal rumore di Bloody Feelings e Weak Life. Deison e Mingle guardano appena avanti a noi e ci consegnano una visione disincantata di cui sarà opportuno far tesoro.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Plasma Expander - S/T (Wallace/Here I Stay, 2007)

L'ennesimo frutto del sottobosco che esordisce su Wallace? Degli esordienti?...direi che sì per la prima, visto tratta di un esordio,…

31 Jan 2007 Reviews

Read more

JesterN/Paolo Pascolo - H Bar (Dobialabel, 2012)

Il fisico Alberto Novello (JesterN) concepisce questo disco dal titolo pari alla costante di Planck: il tema del paradosso è…

02 May 2013 Reviews

Read more

Hum Of Gnats – Purge The Weevil From Yer Midst…

Cerca in tutti i modi, il pescarese Ezio Piermattei, di occultare le proprie tracce, presentandosi ad ogni appuntamento discografico con…

21 Dec 2011 Reviews

Read more

G. C. Neri - Logos (Black Widow, 2008)

Forse un po' in anticipo sui tempi di uscita, segnalo comunque questo nuovo progetto del polistrumentista genovese Giorgio C.…

11 May 2008 Reviews

Read more

Rospi In Libertà - 12-21/08/11 Rocca Dei Tempesta (Noale -…

Estate non densissima di concerti questa, almeno per noi. Un po' di vacanze, dai... Certo, qualcosa si è visto, ma…

04 Sep 2011 Live

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Lali Puna – Our inventions (Morr Music, 2010)

Penso che chi abbia amato, anche per un breve lasso di tempo, gruppi come Notwist, Mùm e i primi Belle…

19 Mar 2010 Reviews

Read more

Bonnie "Prince" Billy - Lie Down In The Light (Drag…

One. Two. Three. Four. Sussurrato a battere il tempo. Come il cigolio notturno di un cancello, Un'apertura profetica. Un qualcosa…

15 Sep 2008 Reviews

Read more

Six Organs Of Admittance - Ascent (Drag City, 2012)

Avevamo già scritto di Ben Chasny, mente dei prolifici (anche troppo dalla quantità di album in uscita: 13, disco…

18 Sep 2012 Reviews

Read more

Hesus Attor - Sonic Gastronomy Volume 1 (Moonlee, 2008)

Quartetto di squilibrati croato che, giustamente, la attivissima Moonlee non tarda a far entrare nel proprio pollaio. Le coordinate sono…

22 Nov 2008 Reviews

Read more

Mechanical God Creation - Cell XIII (Aural Music, 2010)

Brutale death moderno per questo quintetto meneghino di scuola ed ispirazione americana (florida). Anche nel caso dei Mechanical God Creation,…

08 Jul 2010 Reviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Martino Nencioni - Then (51Beats, 2014)

La definizione di "dance intelligente" ha sempre un po' lasciato il tempo che trova, alla fine esiste solo musica che…

06 Jun 2014 Reviews

Read more

Ooopopoiooo - 18/05/2014 Teatro Santissima Trinità (Verona)

Cambio di location per le serate dell'associazione Morse, un nomadismo utile a farci conoscere nuovi spazi e realtà: questa è…

30 May 2014 Live

Read more

Chemical Resistance - My Low Heart (Taxi Driver, 2019)

Scaglie metalliche alla deriva nello spazio. Una sorta di ambient torbido quanto una sigaretta abbandonata dalle volute di fumo gradevoli,…

23 Mar 2020 Reviews

Read more

Rotadefero – Discodefero 7” (Zen Hex, 2017)

Cristiano D’innocenti e Tommaso Garavini erano, un eone fa, batteria e voce dei romani Concrete, un gruppo che definire hardcore…

28 Apr 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top