Deison & Mingle – Everything Collapse(d) (Aagoo/Rev Laboratories, 2014)

Pochi mesi fa un interessante articolo di Antonio Ciarletta su Blow Up, intitolato New Millenarism, prendeva in esame alcuni album capaci di cogliere lo spirito del tempo presente, tornando alla narrazione dopo gli anni della rinuncia dettata dal post-moderno. I lavori analizzati erano Tomorrow’s Harvest dei Boards Of Canada insieme ai più recenti dischi di Jer Moff e Paul Jebanasam, ma non dubito che, fosse stato già disponibile, anche Everything Collapse(d) avrebbe fatto parte del lotto.
Tutto collassa e su tutto ciò che è collassato aleggia la musica di Deison e Mingle, che non si limita a contemplarle le rovine, né ci vende visioni apocalittiche a buon mercato; ci racconta invece del dopo-crollo, descrive il paesaggio percorrendolo e forse indica una direzione. È utile dare qualche coordinata stilistica, per quanto vaga: l’elettronica che ha attraversato gli anni ’90, il post-industrial, un tocco di classica contemporanea; nulla di nuovo in sè, ma proprio il fatto che gli elementi conosciuti siano combinati in funzione del racconto, oltre a rafforzare l’idea che il collasso non sia un fatto eccezionale ma connaturato al sistema, conferisce loro un senso nuovo. Non ultimo, la pluralità di linguaggi è inoltre indispensabile se si vuole, come in questo caso, affrontare una realtà complessa come quella che stiamo vivendo. Quando apriamo gli occhi sulla scena il disastro è già avvenuto (ne trovate testimonianza nell’azzeccata grafica di Rev Laboratories): le ritmiche digitali e il piano di Optokinetic Reflex (Glassy Eyes) e la successiva e maggiormente sintetica Everything Collapses mostrano una lenta panoramica su un mondo in disarmo, dove dei rantoli rumorosi sono gli ultimi segni della società post-industriale e i battiti risuonano come contatori geiger. È Nessun Desiderio (Decimaction) che fa girare le cose: come in un brano Warp del dopo-bomba le percussioni si fanno via via più insistenti, un dub techno scheletrico sotto cui serpeggia un basso gorgogliante, a suo modo un segno di vita, l’idea che la marcia possa riprende, pur in mezzo a una distesa di rovine. Il suono, finora scuro e rumoroso, solo a tratti illuminato da una luce livida, si fa ora più malinconico e rarefatto, diviso fra una dimensione intima fatta di microsuoni e field recordings e momento di più ampio respiro (il piano poetico di Static Inertia) che sembrano indicare un lontano punto d’arrivo. Quando vi giungiamo, troviamo ad attenderci l’incredibile voce di Daniele Santagiuliana/dANi/ALvo alle prese con una sofferta Failure degli Swans: non c’è consolazione, ma l’esserci, il raccontare segna finalmente la volontà di tornare ad interpretare la nostra realtà. Era tempo.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Full Effect - Reconcilement - At The Present, A Sweet…

Il disco dei Full Effect, non privo di qualche dissonanza qua e là, prende il via dall'emo-core più fisico, quello…

25 Jul 2007 Reviews

Read more

AA.VV. – Metallo Liquido, L’Heavy Metal Come Forgia (L’Arca E…

Sarà un segno dei tempi che stiamo attraversando, ma sempre più spesso mi trovo  a pronunciare il termine “metal”, un…

11 Dec 2015 Reviews

Read more

Iron - Lovefreakmutant (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

A proposito di freak e di delirio, se Mennella si butta nei lavori in solo ed in coppia anche l'altra…

29 Aug 2010 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Luigi Milani - Rockstar (Lulu, 2006)

Prendiamo la storia di una veejay disgustata dal suo lavoro su Mtv, il cantante di un gruppo grunge morto tragicamente…

16 Jun 2007 Reviews

Read more

VacuaMœnia - Borgo Schirò Churchscape (Galaverna, 2014)

L’uscita autunnale di Galaverna (sì lo so, siamo indietro di una stagione…) mette in relazione l’etichetta veneto/barese col collettivo siciliano…

13 Jan 2015 Reviews

Read more

Trent'anni di Sigillum S: solo una tappa verso l'infinito

Ci sembra parimenti difficile e inutile presentarvi i Sigillum S: difficile perché, in poche righe, è impossibile tratteggiare una carriera…

11 Apr 2016 Interviews

Read more

Koji Asano - Travel Coupons (Solstice, 2012)

Il compositore Koji Asano pubblica Travel Coupons, il suo primo disco dell'anno 2012, come sempre rigorosamente autoprodotto sulla sua etichetta…

28 Dec 2012 Reviews

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Submental Orchestra- Castello Di Sangue (Casetta, 2019)

Servono un po’ di ascolti e una certa attenzione per venire a capo di Castello Di Sangue, seconda opera in…

20 Aug 2019 Reviews

Read more

Gli Altri - Fondamenta, Strutture, Argini (Taxi Driver, 2013)

Crossover nel senso più nobile della parola sempre se oggi ha ancora una ragione utilizzarla. Il quintetto savonese ricorda…

26 Apr 2013 Reviews

Read more

Massimo Volume/Bachi Da Pietra – Split EP (La Tempesta, 2011)

Uno split fra due dei gruppi della penisola che più curano la parola, integrandola in contesti poco definibili ma certo…

19 May 2011 Reviews

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

Ben Frost’s Music For Six Guitars – 15/09/12 Stazione Centrale…

Il festival MiTo regala sempre qualche ragione per spingersi verso Milano, cosa che altrimenti faccio malvolentieri. Stavolta l’occasione è rappresentata…

21 Sep 2012 Live

Read more

AA.VV. - Quit Having Fun (Boring Machines, 2009)

Prima compilation per Boring Machines, e anche se non sono assolutamente un fan della raccolte in genere (per non parlare…

06 Nov 2009 Reviews

Read more

Fabiano Cristofaro - Tante Sigarette (Demo, 2004)

Dimmeli tutti i dispregiativi, quelli che iniziano con la I. Sputali fuori con quanta forza hai dentro, voglio vederti ancora…

13 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top