Dead Boomers/Crow + Rushford/Talia + Hamann + Brennan/Butler – 24/10/10 The Workers Club (Melbourne)

E' domenica sera ma la musica dal vivo non si ferma a Melbourne e la nostra scelta si orienta sul mini festival della Sabbatical, etichetta noise/elettronica/sperimentale di cui si è già parlato su questo sito; il concerto è al Workers Club, locale che oltre ad avere un ottima acustica (come quasi tutti quelli qui in città) è anche stato rinnovato con dei bei interni fatti di quadrati in legno grezzo, per una volta diversi dalla canonica stanza nera a cui siamo ormai abituati.
La serata comincia presto e sale sul palco il duo di Mitchell Brennan e Fjorn Butler, il primo al laptop, mixer e rumori vari e la seconda con una serie di oggetti autocostruiti conditi con microfoni a contatto; il loro set sciorina tutto il repertorio di rumori/stridii, ma senza convincere fino in fondo: ormai questo genere di musica è sovraffollato e per sorprendere o quanto meno interessare ci vuole qualcosa in più di una esibizione "standard", ma il duo è giovane e noi gli diamo tempo per crescere. Judith Hamann si presenta sul palco sola con il suo violoncello e subito le sue doti non lasciano spazio a dubbi: non solo è una musicista che proviene sicuramente da studi classici, ma è praticamente in completa simbiosi con il suo strumento, che suona in modo non ortodosso sia con l'archetto che con le dita e percuotendolo; il live set è davvero impressionante e l'amalgama di suoni e rumori che esce dal violoncello è di notevole fattura. Ma le cose interessanti non sono finite, dopo di lei inizia quello che sarà il concerto più interessante della serata, James Rushford e Joe Talia sono infatti due musicisti contemporanei provenienti da studi classisabbaticalliveworkers2ci e dediti a improvvisazioni molto intriganti da vedere dal vivo, l'uno all'harmonium e l'altro ai nastri magnetici sono in grado realmente di stregare tutti quanti in sala proponendo un vero e proprio turbinio di suoni. Il coperchio della tastiera dell'harmonium è strofinato con un pezzo di polistirolo e questo suono, unito con il rumore della pressione dei tasti, è registrato da un microfono appiccicato allo strumento, mentre il registratore a bobine viene magistralmente usato come una vera propria orchestra tra registrazioni, sovrapposizioni e rumori vari: davvero uno spettacolo affascinante e coinvolgente. A chiudere la serata il concerto di Leith Thomas e Marc Groves, due dei tre boss dell'etichetta assieme a Marcus Cook, con il loro progetto Dead Boomers: anche questa volta accompagnati dalla batteria di Dan Crow, i due suonano pedali, strumenti autocostruiti ed effetti vari accompagnati dal drumming "grind" più sfrenato e dalle urla filtrate di Marc, per il set decisamente più duro della serata, alla fine non distante dal loro passato/presente hardcore; i due brani proposti sono di buona fattura, pesanti ma scorrevoli e il risultato complessivo è ancora più convincente dell'altro set che abbiamo visto la settimana scorsa, a riprova che in questo genere più si suona, più si prova e meglio è. La serata è stata molto interessante perché, oltre a confermare Sabbatical come una etichetta valida, ci ha permesso di vedere un altro aspetto di nomi che finora avevamo solo ascoltato su disco, rendendo godibile il tutto anche grazie a set diversi tra di loro.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fear - The Record (The End, 2012)

Se date da ripetere a memoria a un pappagallo i versi di Dante, siete sicuri che qualcosa di buono ne…

28 Feb 2013 Reviews

Read more

Crash Trio - Live At Crash (Setola Di Maiale, 2010)

Questo è un super trio amici miei, nel caso non conosceste gli altri due compagni di viaggio di Stefano Giust…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

L'Altra - Telepathic (Acuarela Discos, 2011)

Il progetto L'Altra, con base a Chicago, torna dopo ben sei anni di silenzio, tanto che credevo che la band…

14 Apr 2011 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – The Sky Is Full Of Kites (Boring…

Abbiamo più volte avuto occasione di segnalare la prolificità di Simon Balestrazzi, sia in solo che in collaborazione con altri…

29 Jun 2012 Reviews

Read more

Low Low Low La La La Love Love Love -…

Continua la carriera discografica di questa band inglese che risponde al nome bizzarro di Low Low Low La La La…

01 Dec 2009 Reviews

Read more

Valina - A Tempo! A Tempo! (Trost, 2008)

Mi appoggerò nuovamente al mio tormentone preferito, il grande Pozzetto di Paolo Barca, Maestro Elementare Praticamente Nudista in cui…

08 May 2008 Reviews

Read more

Mr. Milk – S/T (Casa Molloy, 2011)

Se qualcuno come me anni fa si era ritrovato il cuore stracciato dall'album di quello svedese di Josè Gonzales (come…

13 Mar 2011 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

700Bliss - Nothing To Declare (CD Hyperdub, 2022)

Niente da dichiarare. Ho ripetuto questa frase migliaia di volte vivendo a stretto contatto di un confine, quello svizzero italiano. Nothing…

22 Jun 2022 Reviews

Read more

She Owl - S/T (Broken Toys, 2013)

Del progetto She Owl si parla come di un mostro sacro, si legge di pezzi che suonano come il vento…

03 Jan 2014 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - The Midnight Room (Sub Pop, 2007)

Bisogna mettere un disclaimer. Subito. Non sono un amante delle sonorità psichedeliche. Non ho un background di Pebbles, Nuggets o…

03 Sep 2007 Reviews

Read more

Ground Unicorn Horn - S/T (Three.One.G, 2007)

Piccoli oggettini e deformazioni fisiche. Ossa inesistenti e problemi di dieta. Temporanei divertissement di annoiati e insofferenti capipopolo. Tutto…

14 Feb 2008 Reviews

Read more

Downfall Of Gaia - Epos (Shove et al., 2011)

In quest'anno scolastico la Shove ce l'ha messa tutta per arrivare a giugno con il massimo dei voti e per…

12 May 2011 Reviews

Read more

Dust Dive - Claws Of Light (Own, 2007)

"Everyday is an indie day" dove era Reagan per Biafra o Sid Migx, ad ogni modo quella è la materia…

13 Dec 2007 Reviews

Read more

Versus The Mirror - Home (Equal Vision, 2006)

Oggi sono andato a curiosare sul sito dei Versus The Mirror per dare una occhiata e ho letto che si…

27 Feb 2007 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top