since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

D.B.P.I.T. & Xxena – The Return Of Mr. Mallory (Misty Circle/Ozky/Gatto Alieno, 2012)

Torna in grande stile l’insolito supereroe di cui avevano fatto la conoscenza  otto anni fa con l’album The Outstanding Story Of Mr. Mallory. Questa volta la sua storia (perché sempre di un concept si tratta) si sviluppa per suoni e immagini, sfruttando al massimo le potenzialità musicali e visive della coppia D.B.P.I.T. & Xxena. IL tutto esce in un’edizione limitata in cofanetto metallico con CD 3″, DVD contenente i video delle canzoni del dischetto e booklet.
Avevamo lasciato il protagonista in stato di volontario letargo, lo ritroviamo oggi pronto ad affrontare di nuovo il mondo, in tutta la sua durezza. Benché il senso più pieno dell’opera si colga nel DVD, la musica si rivela perfettamente autonoma, tanto che le immagini si limitano a enfatizzarne il messaggio, riportando spesso anche stralci di testo: insomma, cosa non sempre scontata in oerazioni di questo tipo, anche il CD da solo regala belle sensazioni. La storia di The Return Of Mr. Mallory è una discesa all’inferno, introdotta dalla marzialità industriale, in odore di In Slaughter Native, di After The Long Sleep, che poi prosegue con modi meno pesanti ma molto più allucinati, fra elettronica, cantilene e suoni di tromba spettrali, come in un Bitches Brew post nucleare. Le immagini, lo dicevamo, sottolineano i contenuti, giocando ora sul contrasto (le figure naif che accompagnano la citata After The Long Sleep), ora assecondando il suono. Si incontrano così frammenti di film e cartoni più o meno noti, momenti di vita urbana, spezzoni di documentari tutti processati all’insegna di una psichedelia malata, dove i colori sgargianti, lungi dall’avere valenza positiva, erodono le figure fino a dissolverle. Si chiude degnamente con l’escapismo di Eacape To Outer Spaces, ricordi dei Tangerine Dream nei suoni, di Kubrick (quello di 2001: Odissea Nello Spazio, ma anche del finale de Il Dottor Stranamore) nelle immagini. Un viaggio breve e inteso, che potrete sperimentare facilmente scaricando musica e immagini e grafiche qui. Se invece vi interessa il metal box, consigliatissimo, chiedete a Final Muzik.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

Back to top