Davide Cedolin – Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di folk agreste ti saltano addosso, con degli stereotipi grossi come le praterie che si levano immediatamente di torno. Si libra altissimi fra i solchi di questo vinile in confezione bella ed austera, da fare vostra assolutamente (e qui devo ringraziare Matteo Casari e Marco Rabingum, abituali ed affidabilissimi pusher sulla linea liguri-elvetica). Ci si sente liberi, come uccelli, ondeggiando sulle orchestrazioni dei sodali del già Japanese Gum.
Tommaso Rolando, Ryan Jewell, Paolo Tortora, Tito Ghiglione, Rocco Spigno, Caterina Rolando lasciano i segni, permettendo al nostro di esprimersi al meglio, quasi come se i Son Volt avessero assunto Zach Condon aka Beirut. Pura magia, ed è soltanto Loosely, il primo pezzo. Con Destination Unknown ugualmente si vaga, sciancrati e leggeri, per la campagna. I pesi citati nel testo “…Territories fade in a puff, and some weights at most….” sembrano tuttalpiù pietre scalciate in souplesse ed il mood sembra essere elegante e leggero, nonostante l’abbinamento (camicia a scacchi e gilet di jeans) portato dal nostro. Sarà probabilmente l’influsso del gatto che viaggia qua e là nell’artwork a dare quel tocco di sorniona svagatezza alla musica, che in Rites under the moon accompagna sacrifici rituali affrontati come si conviene, in buona onda e senza indugi! L’accortezza dell’insieme musicale è qualcosa di molto importante, dosata senza che snaturi l’immediatezza acustica ma coinvolgente e toccante, a sostenere le note vocali di Davide. Tocchi di fiati, lirismo, montagna…associazioni a catena mi riportano alla mente un Tim DeLaughter spogliato di tutto e lasciato di fronte alla cruda natura. Un rappresentare con quanta più onestà possibile il rapporto con la terra, come il movimento di chitarra e cicale di Silver Pines.
Si gira, lato B. An Echo, un allungarsi del cielo mentre la luce sembra andarsene, echi che raddoppiano in testa e ci costringono a rilassarci…c’è qualcosa di dolcemente corrotto ed indolente in questi brani, come se qualcuno avesse offerto dei biscotti alla marjuana all’impomatata bandella western. Un’ottima scelta, non c’è che dire, visto che godiamo di queste aperture stralunate, come in una Vanishing Sky che si vorrebbe urlare seguendo il pestare delle percussioni di Ryan Jewell. Si avanza, verso una fine che non si vorrebbe affrontare, la fine di un bel disco, la fine di una buona bottiglia, la fine di una bella storia…siamo a Silence ed un po’ di magone sale, che di questi tempi non si è sicuri più di nulla, se tutto questo fosse soltanto magia? Calma, non ci agitiamo, spolveriamo i solchi, come da ultimo brano, ed abbracciamo lo sconosciuto. Rischieremo di farlo con un cazzo di sorriso ebete sulla faccia e di venirne distrutti ma, credetemi, se anche solo metà della bellezza di questo disco si è trasformata in nostra forza o convinzione niente e nessuno riuscirà a sconfiggerci.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more

Vonneumann – The Procrastination Loops (Ammiratore Omonimo, 2018)

I Vonneumann sono prossimi a festeggiare i vent’anni di attività e come antipasto dell’evento rendono disponibile sul loro bandcamp una…

11 Sep 2018 Reviews

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Hellcowboys - Mondo Bastardo (Hellbones, 2019)

Pesantissimo thrash'n'roll per questi cowboys dell'inferno che, rimandandoci ai mai dimenticarti Pantera, ci fanno assaporare un genere che con ogni…

27 Sep 2020 Reviews

Read more

Makhno/HaveyousaidMakhno - Digital 7” (Neon Paralleli/Brigadisco/HYSM?/Wallace, 2013)

L'alias di Paolo Cantù torna a farsi sentire con un 7" digitale, presentato con grafica e immagini del vinile come…

02 Jul 2013 Reviews

Read more

Lucertulas - Tragol De Rova (Robotradio, 2007)

Tempo fa qualcuno durante il concerto dei Botch mi bofonchiò: "e checcazzo questo è uno dei gruppi che ti riconcilia…

14 Dec 2007 Reviews

Read more

The Great Nostalgic – Hope We Live Like We Promised…

Derivativi certo lo sono, ma direi che il nome è già una dichiarazione di intenti, quindi da parte mia nessun…

02 Jun 2011 Reviews

Read more

Robert Lippok – 27/10/2014 Santa Maria in Chiavica (VR)

Scatta l’ora legale e, col favore delle tenebre, riparte la seconda stagione dell’associazione Morse; in realtà, contando l’ottimo Path Festival…

31 Oct 2014 Live

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo…

21 Mar 2016 Reviews

Read more

Dynasty Handbag - Foo Foo Yik Yik (Love Pump, 2006)

E' un uomo. E' una donna. E' un uomo. E' una donna. E' un uomo. E' una donna. E' un…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò - 24/10/09 Unwound Club (Padova)

In una fredda serata di fine ottobre capito all'Unwound, locale ricavato da un ex magazzino alla periferia nord di Padova,…

14 Nov 2009 Live

Read more

Fozzy - All That Remains (SPV/Steamhammer, 2005)

Finalmente una band programmaticamente perfetta: Fozzy! Un poco Fonzie e un poco Ozzy, la sintesi insomma della miglior tradizione americana:…

15 Aug 2006 Reviews

Read more

Cris X: l'eminenza grigia dei Lendormin prende il largo in…

Neanche troppi anni fa c'erano i Lendormin: a me era capitato di incontrarli nella serie P.O. Box della Wallace con…

24 Nov 2012 Interviews

Read more

Magnetica Ars Lab/Maurizio Bianchi - LoopKlangeNoise (Final Muzik, 2013)

Il 2013 non smette di portare alla luce altre collaborazioni di Maurizio Bianchi (ma non aveva annunciato il suo addio…

06 Nov 2013 Reviews

Read more

Moe – Examination Of The Eye Of A Horse (Wallace/ConradSound,…

Ricordo Henry Rollins sparare in un’intervista che l’influenza del punk su di lui fosse stata nulla rispetto a quella del…

17 Oct 2016 Reviews

Read more

Pivixki - S/T (Sabbatical, 2008)

Datato esordio per questo duo piano/batteria australiano, da culto in patria ed inevitabilmente misconosciuto da noi. Per certi versi…

15 Mar 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top