Dashboard Confessional – Dusk And Summer (Vagrant, 2006)

Dopo lo sconfortante Sound The Alarm dei Saves The Day, anche Chris Carabba (già nei Further Seems Forever) getta alle ortiche quel poco di buono che ci aveva offerto con album come l'acustico The Places You Have Come To Fear The Most e il più rock A Mark, A Mission, A Brand, A Scar, per molti una versione ancora più facilona e accessibile degli ultimi Death Cab For Cutie. Il valore aggiunto di una band come Dashboard Confessional è sempre stato minimo: snobbati, se non proprio presi per il culo, da molti autorevoli colleghi (penso a Conor Oberst), testi a presa diretta a volte troppo superficiali (se confrontati con quelli di Bright Eyes, ad esempio) contenenti tutti, ma proprio tutti, i più abusati luoghi comuni di una relazione amorosa. Certo, la strada intrapresa con la sigla Dashboard Confessional (all'inizio un semplice side project) ha portato parecchi successi: colonne sonore di film importanti, un disco unplugged e singoli in heavy rotation su Mtv. La tipica musica mordi e fuggi giusta per un ragazzo americano con il bicchierone di carta sul cruscotto, un cheeseburger tra i denti e le patatine fritte tra le gambe, concentrato ad osservare la finestra ancora accesa della cameretta della sua amata. Un ragazzo che se ne frega dell'Irak e della sua collocazione geografica, salvo poi trovarsi lì semplicemente per pagare le rate universitarie. Preso così, un disco di Carabba sapeva offrire un'ottima voce (questo è innegabile) e qualche canzone da fuocherello sulla spiaggia veramente niente male (Screming Infidelities, Carry This Picture, Morning Calls, This Bitter Pill). Et voilà, i trent'anni che ti senti addosso cominciano a pesarti un pò meno. Insomma, D.S. è sempre stato un buon succedaneo, un'ottima ruota di scorta, se non si aveva la forza o la pazienza di ascoltare ancora una volta capolavori di disperazione di qualche altro collega sempre e comunque più dotato. In questo ambiente la concorrenza è spietata e ad imbracciare una chitarra acustica (invece di un fucile) sono capaci quasi tutti. Con Dusk And Summer Chris ha capito come gli poteva girare e così ora vuole fare il salto definitivo abbandonando quel minimo di retaggio emo che ancora gli restava (se ancora di emo è consentito parlare, almeno in Vagrant). Non possiamo quindi che prenderne atto. Da adesso in poi, salvo eccezionali ripensamenti, i D.C. si sono buttati in un altro calderone, mescolandosi (completamente) a tutto ciò che non ci piace. L'iniziale Don't Wait è forse la canzone più emblematica di questa svolta (neanche tanto repentina a ben ascoltare). E brani come Stolen, Reason To Believe, Currents fanno proprio cadere le braccia, mentre tutto il resto è noia. A cominciare dagli arrangiamenti e da una voce, stavolta, troppo affettata. Adam Duritz, cantante ingrassato di quell'eterna speranza che furono i Counting Crows, partecipa nel brano So Long So Long. Speriamo Chris non faccia la sua stessa fine.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Daedelus + Eliot Lipp - 14/07/06 Ortosonico (Giussago - PV)

Odio fare la figura del tonno. Ma con l'allegra furgonata mossasi da Genova per raggiungere le impervie interpoderali dell'oltrepò pavese…

16 Aug 2006 Live

Read more

Maria Assunta Karini/Francesco Paolo Paladino/Simon Fisher Turner - Ghosts Of…

Terzo volume della serie 13 private sounds per la Silentes, dedicata a soddisfare anche la vista oltre che l'udito: questa…

19 May 2014 Reviews

Read more

Gianluca Favaron – Blank Spaces (I Don’t Want To Be…

Era in qualche modo naturale che Gianluca Favaron (Under The Snow e vari altri progetti e collaborazioni) e Luce Sia…

08 Sep 2017 Reviews

Read more

The White Mega Giant - Antimacchina (Shyrec/Up To You, 2011)

Quando siamo arrivati ad un punto di rigetto verso qualsiasi nuova band giovane, magari italiana, che ripropone in pieno…

23 Feb 2012 Reviews

Read more

Tor Lundvall: la melodia che viene dal ghiaccio

Tor Lundvall è un nome che nell'ambito elettronico/ambient non è notissimo, ma senz'altro chi viene in contatto con la sua…

23 May 2010 Interviews

Read more

Prague - The Great Dark Nothingness (Under My Bed, Eaten…

La pluridecennale carriera di Alessandro Viccaro giunge con questo album sul bagniasciuga deserto di Jesus & Mary Chain abbandonandosi ad…

15 Feb 2016 Reviews

Read more

Rock And The City - Sex, Drugs & (Fake) Rock…

Perché Chris Robinson è di nuovo single? Che c'entra col punk di New York? Che ruolo ha mai Kate Moss…

02 Sep 2006 Articles

Read more

Hands Off Alice - Last Days Of Summer Part 1…

Altro tuffo negli anni novanta, ma questa volta per ispirazioni ed influenze. Il sound degli Hands Of Alice ci…

24 Jan 2008 Reviews

Read more

Luca Sigurtà – Grunge (Silken Tofu, 2017)

Se questo disco di Luca Sigurtà sia una svolta verso nuovi orizzonti, l’inizio di un percorso parallelo o un episodio…

28 Feb 2018 Reviews

Read more

Dalila Kayros – 02/03/13 Il Revisionario (Brescia)

Fossimo dediti alle classifiche di fine anno, Nuhk di Dalila Kayros finirebbe certamente in testa alla mia lista; grande era…

15 Nov 2013 Live

Read more

MSMiroslaw - THE AAAge Of Warm Asylum (Trasponsonic, 2020)

La porta di un’antichissima domus de janas abbraccia il nostro pianeta sulla copertina del nuovo lavoro di MSMiroslaw: forse è…

04 Dec 2020 Reviews

Read more

Assumption - Absconditus (Everlasting Spew, 2018)

Potente death-doom corazzato tra i gloriosi Bolt Thrower e gli Oranssi Pazuzu più interplanetari. Equilibrato melange di generi una volta…

20 May 2018 Reviews

Read more

RD - Bodies Inspected (Luce Sia, 2020)

Dub post-atomico, apparentemente disarticolato, ma che si struttura nell'inesorabile incedere addizionando continui blip e pattern cigolanti. Bodies Inspected è il…

15 Nov 2020 Reviews

Read more

Shoplifting - Ep (Kill Rock Stars, 2004)

Secondo quanto ho imparato dai film, il comunismo, in America, è perseguito per legge. Ai socialisti fanno bere l'olio di…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Superportua – Resterai Sempre Uno (Shyrec/Soviet/Sisma Mvmnt, 2018)

Non si può non provare simpatia per i Superportua: raramente mi è capitato di sentire un gruppo che tirasse fuori…

26 Jul 2018 Reviews

Read more

Harvestman - In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso…

30 Jun 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top