Dans Les Arbres – Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp self-release, 2019)

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland (chitarra) e Ingar Zach (percussioni); attivi dal 2006, tre album sulle pregiate Ecm e Hubro, esplorano un concetto molto interessante di composizione spontanea in bilico tra aleatorietà e concretezza.
Una delle migliori occasioni per saggiare la loro qualità esecutiva è sicuramente il nuovo Volatile su Sofa, registrazione del concerto tenuto al Teatro San Leonardo di Bologna nel 2018, che mostra un grande senso dell’interplay nell’esplorare un ampio raggio di sentimenti percettivi. Attraverso l’attento approfondimento delle varie tecniche estese, il quartetto pratica una particolare ricerca linguistica capace di costruire un suono tanto meditato quanto vivo e istantaneo.
Uno scorrere incessante, lento, ma brulicante di tensioni crea un contesto profondamente immersivo che traduce la fisicità del tocco in astratta armonizzazione, senza mai risolvere del tutto la tensione tra melodia e suono; avant jazz sospeso ma con un profondo senso della consistenza che spazia tra il concretismo materico di Cage, armonizzazioni aleatorie e dissonanze calibrando i vari gradi di intensità con un metodo discorsivo intelligente ed emozionale. Un approccio colto che tuttavia non si risolve nella pura tecnica, ma si innerva di una vitalità improvvisativa mai accondiscendente e con il pregio di riuscere a coinvolgere nell’ascolto.

A poco più di un mese da Volatile, il quartetto rende disponibile in versione digitale su bandcamp un nuovo lavoro che mostra ulteriori approfondimenti della loro visione di musica istantanea. Le sessioni sono state registrate nel mausoleo dell’artista norvegese Emanuel Vigeland in Oslo e, oltre a risentire del riverbero misterioso dell’architettura del luogo, si tingono di una coloratura elettronica che allarga gli orizzonti espressivi dell’ensemble: al clarinetto di Charles e alla table steel guitar di Grydeland Wallumrød aggiunge synth, drum-machine ed elettronica, mentre Zach affianca questa compente al suo set percussivo. La sostanza sonora stavolta gioca amabilmente con la profondità dello spazio, caricandosi di un forza cupa che mette ancora meglio a fuoco la capacità dei quattro di innervare la linearità con fibre profondamente inquiete. Ne risulta una musica contemporanea scura e riverberante, più palpabile e maggiormente inquietante.
In modo meno lineare che su Volatile, le cinque stanze sonore di Mausoleum rimanipolano i concetti compositivi per disegnare paesaggi tormentati nei quali sbucano frangenti melodici imprigionati nella coltre, concretismi rumorosi e fascinazioni statiche. Un minimalismo che armonizza tensioni contrastanti e umori improvvisi in un flusso coerente e ben rifinito.
Due lavori di notevole bellezza che attraverso una reale ricerca linguistica costruiscono una poetica del tutto personale e affascinante.

 

 

 

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hobocombo - Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon…

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea…

18 Feb 2011 Reviews

Read more

Castanets + Lazarus + Vincenzo Fasano – 17/10/09 arci Kroen…

Nel primo vero giorno freddo della stagione va in scena al Kroen una serata all'insegna del folk, proposto in diverse…

12 Nov 2009 Live

Read more

Franklin Delano - Come Home (Ghost, 2006)

Non c'è bisogno di presentazioni, in campo di cantautorato indie rock le quotazioni dei Franklin Delano, già altissime, si riconfermano…

03 Apr 2007 Reviews

Read more

Psychocandy - Le Canzoni Dei Folli (Autoprodotto, 2006)

Buon prodotto di stampo tipicamente americano per questi quattro metallari del mezzogiorno che porano in giro il nome Psychocandy. Benché…

18 Aug 2007 Reviews

Read more

Hilde Marie Holsen - Lazuli (Hubro, 2018)

L’ispirazione del nuovo disco di Hilde Marie Holsen proviene dai minerali chimici utilizzati per creare i pigmenti usati nella pittura,…

20 Jun 2018 Reviews

Read more

Patron And Patron - Gen (Nonine, 2008)

Iniziate a segnarvi il nome di Me Raabenstein perché ho il sospetto che "il ragazzo abbia il risultato nelle gambe",…

16 Sep 2008 Reviews

Read more

Growing - All The Way (Social Registry, 2008)

Mi ricordo ancora la prima volta che mi hanno imposto l'ascolto del Dream Syndicate con Tony Conrad e La Monte…

29 Sep 2008 Reviews

Read more

Nu Creative Methods – Superstitions (Music à La Coque, 2013)

Musica inclassificabile, ecco cosa contiene questo disco che Music à La Coque ci ripropone dopo trent'anni di oblio. Nu Creative…

01 Aug 2013 Reviews

Read more

Simon Reynolds - Post-Punk 1978-1984 (ISBN, 2007)

Intimidisce, al primo impatto, questo volume di Simon Reynolds. Saranno le più di 700 pagine, saranno i 35 euro del…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

Straight To Pain - Cycles (Hellbones, 2019)

I savonesi Straight To Pain spostano ulteriormente il tiro rispetto alle ultime recensioni Hellbones, pur rimanendo in ambito metal quanto…

01 Oct 2020 Reviews

Read more

Murmur Mori: fiabe e leggende di cui abbiamo bisogno

Difficile rendere con una recensione o il report di un concerto cosa sia Murmur Mori. È difficile capirlo anche se…

20 Nov 2017 Interviews

Read more

Erdem Helvacioglu - Altered Realities (New Albion, 2006)

Anche se temo che molti su questa webzine non conoscano la New Albion, non è per nulla sconosciuta anzi, trattasi…

08 Jun 2007 Reviews

Read more

Jonathan Inc. - Lost: Time (Arctic Rodeo, 2011)

'There's a word on my lips, which I could not explain' canta jonathan Anderson in Long Gone e fa il…

25 Nov 2011 Reviews

Read more

Nicola Boari – Wakamatsu Koji, Il Piacere Della Distruzione (Falsopiano,…

Già è raro che su queste pagine si recensiscano libri: forse per un testo di cinema è la prima volta…

05 Mar 2013 Reviews

Read more

The Lay Llamas - GOUD (Black Sweat, 2022)

Non credo che le droghe siano sorprendenti. Raggiunto il livello di stabile assuefazione od abitudine, intendo. Dopo anni di abitudine…

07 Apr 2022 Reviews

Read more

Dave Boutette - The Piccolo Heart (Embassy Hotel, 2008)

Cosa sia l'onestà, a cosa serva, a chi giovi potrebbe essere una di quelle domande da un milione di dollari.…

13 Sep 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top