Daniel Menche – Melting Gravity (Sige, 2019)

Il ritorno di Daniel Menche con Melting Gravity continua a mostrare il costante avanzamento linguistico dello sperimentatore di Portland, uno stile riconoscibile costruito in anni di studio e pubblicazioni con una sua voce peculiare molto efficace. Un disco che segna un ulteriore scarto concettuale che non può essere apprezzato con un colpo d’occhio rapido, ma richiede un’immersione attenta e volontaria per leggerne la profondità.
A differenza del precedente e mastodontico Sleeper, tripla uscita che spandeva le concezioni sonore di Menche in un largo spettro di soluzioni, aprendo in alcuni frangenti anche a un taglio musicale più esplicito, questo nuovo lavoro riesce invece a sintetizzare con premeditata concisione molteplici pulsioni, dando tuttavia un respiro molto ampio allo sfuggente concetto che lo guida.
Un armamentario di onde FM, manipolazione di strumenti a corda e oscillatori costruisce un’impalcatura che armonizza elementi collidenti in due coinvolgenti tracce ambient-drone. Una cura del suono perfettamente pertinente e funzionale dove la presenza del rumorismo è sublimata in uno scorrere incessante ed essenziale dal sapore industriale mantrico; un procedere rallentato fatto di graduali variazioni di volume, che può anche essere visto come una sorta di minimalismo aumentato. E in effetti si può definire nel modo migliore il suono per ossimori, vista la sua capacità di essere ipnotico e inquietante, liquidamente meditativo ma duramente consistente allo stesso tempo. Il merito è della calibratura perfetta delle dinamiche e dell’ottimale miscelazione delle frequenze, marchi di fabbrica di Menche che qui dipingono con disarmante precisione quell’irrisolvibile tensione tra ascendenza materica e pressione gravitazionale, tra sublimazione terrena e impossibilità di sfuggire alla corporeità; un richiamo a uno spiritualismo laico e umano che anela a superare il guado della “pesantezza” esistenziale.
Un lavoro di alto livello che riesce a contenere nel suo perimetro autoconclusivo una fluidità strabordante senza tuttavia perdere un solo battito metaforico del suo fluire.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fanciulli Goom - #1 (51Beats, 2014)

L'etichetta 51Beats produce da qualche anno dischi elettronici di diversi sottogeneri: c'è il disco più giocoso/scanzonato, quello danzereccio e quello…

09 Apr 2014 Reviews

Read more

Chemical Resistance - My Low Heart (Taxi Driver, 2019)

Scaglie metalliche alla deriva nello spazio. Una sorta di ambient torbido quanto una sigaretta abbandonata dalle volute di fumo gradevoli,…

23 Mar 2020 Reviews

Read more

March Of RaDOOM - Volume 002/666

La lunga marcia della paura prosegue, percorrendo le terre delle religioni e dell’occulto, affrontando superstizioni e blasfemie, sorpassando guerre e…

29 Apr 2010 Podcasts

Read more

Rotadefero – Discodefero 7” (Zen Hex, 2017)

Cristiano D’innocenti e Tommaso Garavini erano, un eone fa, batteria e voce dei romani Concrete, un gruppo che definire hardcore…

28 Apr 2017 Reviews

Read more

Toni Bruna - Fogo Nero (autoproduzione, 2021)

La mente fa strani, stranissimi collegamenti. Evoca piccole cose che, anni fa, hanno lasciato un segno. Formigole. Nel 2011 a Trieste accadde…

14 Feb 2022 Reviews

Read more

Es - Tutti Contro Tutti Portiere Volante (Fosbury, 2011)

Italico rock che tanto potrebbe esser caro agli amanti dei Numero 6 quanto dei Virginiana Miller. Evocativi fin dal titolo…

01 Mar 2012 Reviews

Read more

Lyke Wake & Noise Cluster - Let The Universe Fall…

Ritroviamo due vecchie conoscenze della label elvetica questa volta coese per celebrare l'inesorabile declino del mondo attraverso traiettorie siderali tracciate…

30 Aug 2020 Reviews

Read more

Carlo Pastore - Se Fai Un Bel Respiro (Mondadori, 2009)

Basta, per giustificare la recensione di Se Fai Un Bel Respiro su queste pagine, i gruppi citati (dagli At The…

12 May 2009 Reviews

Read more

Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese…

22 May 2017 Reviews

Read more

Ikue Mori/Simon Balestrazzi/Sylvie Courvoisier/Alessandro Olla/Maja Ratkje - Tresure Hunt (TiConZero,…

Che per Simon Balestrazzi si trattasse di un periodo molto florido lo avrete anche intuito dalla sua iperprolificità e questo…

30 Apr 2012 Reviews

Read more

MAGIMC – Polishing The Mirror (Amirani, 2012)

Quando due personaggi noti del mondo free e sperimentale italiano (Edoardo Marraffa al sax tenore e sopranino e Stefano Giust…

14 Feb 2013 Reviews

Read more

Dead Man - S/T (Crusher, 2006)

Da rimanere a bocca aperta come ragazzini di fronte alla nuova Playstation o come pornofili per la prima volta in…

31 Oct 2006 Reviews

Read more

Adam McBride-Smith - Good And Gone (Autoprodotto, 2007)

La materia dell'Americana, più o meno rimaneggiato folk tradizionale degli States, mi ha sempre lasciato abbastanza interdetto. Mica ho mai…

07 Dec 2009 Reviews

Read more

Officine Schwartz - L'Opificio (Luce Sia, 2018)

Finalmente ristampato da Luce Sia il masterpiece del collettivo lombardo datato 1991: il lavoro forse più rappresentativo delle Officne Schwartz…

11 Apr 2019 Reviews

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more

Jesus Franco & The Drogas - No(w) Future (Bloody Sound…

Dopo un lungo silenzio (come uscite discografiche) ritornano i fratellini Droga(ti) più in forma che mai. Anzi possiamo dire che,…

16 May 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top