Dalila Kayros – Transmutations part [I] – The Yin Side (Autoprodotto, 2018)

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di uscita di Nuhk, album imprescindibile che al tempo recensimmo più che positivamente. Non è stato tuttavia un tempo inoperoso poiché l’artista ha allargato i propri orizzonti attraverso collaborazioni con Luca Pissavini e Yūgen e prestando la voce ai progster inglesi Combat Astronomy e agli estremisti metallici Syk; forse proprio per questo la distanza fra l‘esordio e Transmutations sembra così evidente, con l’effetto – solo apparentemente paradossale – di far apparire attuali e presenti entrambi i dischi. Dal fondale significativo che Nuhk fornisce Transmutations si staglia e si qualifica inizialmente per opposizione: vi troviamo toni maggiormente misurati in luogo di quelli spesso violenti dell’esordio, la forma è più codificata rispetto all’anarchica spigolosità passata e il sardo e le lingue d’invenzione lasciano il posto a un più internazionale e digeribile inglese.  Se di primo acchito può apparire una svolta decisamente pop, con la voce che si appoggia su tessuti minimali di synth e battiti pulsanti, un po’ trip-hop e un po’ elettro-dark anni ’90, approfondendo gli ascolti scoprirete invece un disco tutt’altro che facile, poco propenso ad essere fruito per episodi singoli (per quanto alcuni spicchino, ad esempio la bellissima Mothland) e che, lungi dall’essere il gemello buono di Nuhk, ci mostra una visione nient’affatto pacificata (lo yin in effetti corrisponde al nero del Taijitu). Sarebbero bastati pochi accorgimenti – una maggior differenziazione fra i brani, qualche ritmo più ballabile – per trasformare l’album in una raccolta di pezzi fruibilissimi e appetibili per amanti del suono Trisol e affini, ma con tutta evidenza l’intento della Kayros è un altro, quello di segnare una tappa importante in un percorso di crescita non solo artistica (prestate attenzione agli ottimi testi, animati da un flusso di coscienza perfettamente in linea con le scelte  musicali). In Transmutations ci viene mostrato un lato della personalità dell’artista in cui la meditatività prevale sull’istinto e la forma misurata sull’espressionismo ma dove rimane immutata la forza con cui lo scambio continuo fra mondo interiore ed esterno viene messo in scena. Più che uno yin che equilibra e compensa uno yang Transmutations sembra un polo d’energia pulsante e instabile, pronto a generare nuove forme alla ricerca di un equilibrio. Staremo a vedere cosa riserva il futuro, ma per ora volentieri ci godiamo questo lavoro.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Adamennon – Mortuary Chambers (Autoprodotto/Corpocavernoso, 2010)

Il nuovo, sofferto parto dell'oscuro Adamennon, musicista dark-ambientale e adepto del culto del Megawolf, lascia poco spazio all'immaginazione fin da…

25 Oct 2010 Reviews

Read more

Zero Centigrade - Unknown Distance (Audio Tong, 2010)

Credo che non mi stancherò mai di ripetere quanti dischi rimangano sommersi nel mare di uscite che saturano un mercato…

21 Mar 2011 Reviews

Read more

A Spirale - Agaspastik (Fratto9 Under The Sky/Deserted Factory, 2009)

Il trio composto da Maurizio Argenziano, chitarra, Mario Gabola, sax, e Massimo Spezzaferro, batteria, arriva con Agaspastik al suo terzo…

15 Oct 2009 Reviews

Read more

Senyawa – Alkisah (Artetetra/Communion, 2021)

Per celebrale l'inizio del secondo decennio di attività, il duo indonesiano dei Senyawa dà vita a un progetto ambizioso appaltando,…

19 Mar 2021 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Per Boysen - Sub City 2064 (Bimm,…

Con mostruoso ritardo mi appresto a recensire questa collaborazione che mette assieme il compositore turco, che i più attenti di…

26 Jun 2010 Reviews

Read more

D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest'ultimo oltre…

29 Nov 2008 Reviews

Read more

Forever Idle Forever Idol - Volume Two (Kosmik Elk Mind,…

Altra cassetta Kosmik Elk Mind, altro bel reperto ed anche in questo caso si tratta di un lavoro semplice, ruvido…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

Parallel 41 - Parallel 41/Faraway Close (Baskaru, 2012)

Parallel 41 sono Julia Kent (violoncello) e Barbara De Dominicis (voce ed effetti). New York e Napoli. Due città così…

07 Feb 2012 Reviews

Read more

Cezary Gapik - The Sum Of Disappearing Sounds (Karlrecords, 2012)

Immagino che molti di voi si lamentino della ripetitività dei dischi, del modo manicheo con cui gruppi o musicisti minori…

11 Oct 2012 Reviews

Read more

OvO, nel Cor della bestia

Abbiamo recensito i loro dischi, scritto dei loro concerti, passato le loro canzoni nel podcast: l'unica sezione del nostro sito…

18 May 2011 Interviews

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

The Seven Mile Journey - The Metamorphosis Project (Fonogram Agency,…

The Seven Mile Journey è un quartetto danese, qui alla prese con il suo secondo album (il primo risale al…

11 Jun 2008 Reviews

Read more

Connect_icut - Small Town By The Sea (Aagoo, 2014)

Torna su Aagoo con un altro disco Connect_icut, dopo l'interessante Crows & Kittywakes & Come Again dell'anno scorso: e non…

23 May 2014 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti/Stefano Pilia – Frammenti​/​Stand Behind The Men Behind The…

Bella idea quella di far condividere un vinile a due delle figure di punta della chitarra solista italiana di ambito…

07 Aug 2013 Reviews

Read more

Gian Luigi Diana/Stefano Giust/Lorenzo Commisso – Cos'Altro (Setola Di Maiale,…

È certamente un paradosso accostare il termine "classico" a un'etichetta di ricerca come Setola Di Maiale, eppure se dovessimo spiegarne…

11 Jan 2013 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - Deeper (CD Luce Sia, 2022)

Deeper è la terza parte di una trilogia iniziata nel 2017 e comprendente i lavori RedruM e TheenD, in questo…

29 Mar 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top