Dalila Kayros – Nuhk (dEN, 2013)

Anche se la bella stagione stenta a manifestarsi, cominciano ad arrivare i primi dischi che ci portano profumi d’estate, che sanno di caldo torrido e Mediterraneo. Profumi forti, in questo caso, della terra di Sardegna. Nuhk è il lavoro d’esordio della cantante Dalila Kayros composto e arrangiato con l’aiuto di Antonio Zitarelli dei Mombu e masterizzato dall’onnipresente Gianluca Becuzzi e si propone da subito come una delle uscite migliori del 2013.
Due elementi compongono il lavoro: la voce, che urla, sussurra e intona in sardo melodie aspre e selvagge come la terra da cui proviene e un’elettronica scarna e sporca, scandita da pochi battiti, che ben si adatta ad accompagnarla. Sicuramente da collocare fra le musiche di ricerca per la sua attitudine improvvisativa e la lontananza da forme-canzone canoniche, Nuhk si caratterizza per la forza con cui sa proiettare nella contemporaneità una cultura millenaria, senza tradirla ma evitando allo stesso tempo di proporci un santino dei bei tempi andati. Quella che la Kayros propone è un’idea non nuova ma pur sempre rivoluzionaria della tradizione, vista non come qualcosa di statico, ma come continuum che di volta in volta si arricchisce di influssi esterni senza perdere la coscienza delle proprie radici profonde. Finora abbiamo parlato poco di musica, ma in effetti non è semplice trovare paragoni adatti: spiritualmente, mi vengono in mente gli Almamegretta che andavano a braccetto coi Massive Attack, combinando i suoni del Mediterraneo con le tendenze più à la page della musica internazionale. Qui, spostandoci su coordinate meno fruibili e più attuali, potremmo tirare in ballo le stregonerie vocali di Diamanda Galas che vanno a poggiare su basi elettroniche così scure da sfiorare talvolta l’industrial ritualistico. In un disco che viaggia su livelli davvero alti, annovernado i tribalismi primitivi di Hor Kar Vudru e Strix e le divagazioni quasi liriche di Arxia e Sardonios Ghelos, spicca il concentrato di femminilità di Hacab, che accosta la rabbia di una dea guerriera e la dolcezza della Grande Madre, mentre sullo sfondo pulsa una dubstep che viaggia al ritmo di un battito cardiaco. Siamo al cospetto di un lavoro eccellente e assolutamente personale, che potrebbe trovare estimatori anche al di fuori del limitato giro dell’avanguardia: lo meriterebbe.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Animal Farm Project - S/T (Autoprodotto, 2006)

Indubbiamente originale questo gruppo bolognese che prendendo come muse ispiratrici i Radiohead e i Rage Against The Machine, sa regalarci…

03 Dec 2006 Reviews

Read more

The Maniacs - S/T (Against ‘Em All, 2009)

Rabbioso esordio di power-punk meneghino da parte dei Maniacs. La furia e la sicurezza con cui masticano la materia…

04 Dec 2009 Reviews

Read more

AA.VV. - Funk In Italia (Funk In Italy, 2009)

Questa recensione è stata un parto lungo ma per nulla sofferto, il fatto è che recensirsi una doppia compilation funk…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Es - Tutti Contro Tutti Portiere Volante (Fosbury, 2011)

Italico rock che tanto potrebbe esser caro agli amanti dei Numero 6 quanto dei Virginiana Miller. Evocativi fin dal titolo…

01 Mar 2012 Reviews

Read more

Australasia - Vertebra (Immortal Frost Productions, 2013)

Dopo una decina d'anni passati negli Ingraved, Gian Spalluto si dedica al suo progetto solista Australasia e dopo l'EP di…

07 Feb 2014 Reviews

Read more

D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest'ultimo oltre…

29 Nov 2008 Reviews

Read more

Karma To Burn – Arch Stanton (FABA/deepdive Rec.)

Credo che il motivo per cui la rediviva band della West Virginia non stanchi mai nonostante il susseguirsi di album…

11 Sep 2014 Reviews

Read more

Dejligt - Feed The Dog (Matteite, 2007)

Non credo alle combinazioni, però ho appena comperato Tower/Microphone (bello e interessante, tralaltro) di Teho Teardo e contemporaneamente ho scoperto…

11 Feb 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - Play To BN Chora. Judgement (L.A.F. Org./Jeringas 5cc,…

Disco con racconto accluso, questo Play To BN Chora. Judgement è stato parte della colonna sonora per una mostra-installazione, e…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Napalmed - III (Autoprodotto, 2008)

Dio santo, se solo esistesse una giustizia a questo mondo gente come la Parodi starebbe sciogliendosi sotto ad una colata…

31 Jan 2009 Reviews

Read more

Metafora 28 - Riflessioni Di Una Mente Distorta (Autoprodotto, 2007)

Ancora robusta musica contemporanea e grazie a Dio suonata come una volta. Connubio abbastanza felice tra NO-FX e chitarroni…

21 Jan 2008 Reviews

Read more

That Fucking Tank + G.I. Joe 10/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Va in scena al Kroen la notte dei dui (si può dire "dui"? Vabbè, licenza poetica). I veneti G.I.…

21 Apr 2009 Live

Read more

Toilet Door n.3 - Difensori Della Fede

Finalmente i nostri prodi affrontano Cthulhu a singolar tenzone e non si fanno sconti quando si guarda in faccia il…

18 Jul 2010 Podcasts

Read more

Drink To Me/Edible Woman - Split 7” (Smartz, 2009)

Smartz, etichetta canavesana da anni coinvolta in produzioni hardcore e d.i.y. (C.O.V., Distruzione, Arturo, Belli Cosi, Kafka, tra gli altri),…

19 Jun 2009 Reviews

Read more

Prehistoric Pigs - Wormhole Generator (Moonlight, 2012)

Ferroso e macilento sludge nostrano che a passo incartato e moribondo procede per tutta la durata di questo esordio. Ogni…

25 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top